Nel mare di Vico Equense il bizzarro uovo “al guinzaglio” di Gattuccio maggiore

Uovo di Gattuccio maggiore o gattopardo (Scyliorhinus stellaris)

Campania – Il delicatissimo uovo di Gattuccio Maggiore o Gattopardo (Scyliorhinus stellaris) – Banco di Santa Croce, Vico Equense (Napoli) | Ph. Pasquale Vassallo – All rights reserved – Fds: courtesy dell’Autore

“L’uovo è una metafora fondamentale della fertilità e anche un’immagine del cosmo come potenzialità…”
Grazia Marchianò

Nel mare di Vico Equense il bizzarro uovo “al guinzaglio” di Gattuccio maggiore

Poco si sa della biologia del Gattuccio maggiore o gattopardo (Scyliorhinus stellaris). E’ uno degli squali meno conosciuti del mar Mediterraneo, tipico di questo mare e dell’oceano Atlantico, vive su fondali coralligeni, in genere dai 20 ai 60 m di profondità. E’ una delle molte specie (il 42%) di squali e razze del Mediterraneo a rischio estinzione ed è inserita nella “lista rossa” dalla IUCN – Unione per la Conservazione della Natura. Proprio per la sua rarità è stato fatto oggetto di un progetto di tutela denominato Progetto Stellaris. L’area di riproduzione più importante d’Italia e del Mediterraneo di questo pesce è il Banco di Santa Croce (Vico Equense – Castellammare di Stabia, Na), meravigliosa secca tra le più belle del mare nostrum popolata da una gran varietà di specie animali e vegetali, profonda dai 9 ai 60 metri; si tratta di una Z.T.B. (zona di tutela biologica) istituita con Decreto Ministeriale del 15 giugno 1993, ampliata fino a mille metri di diametro con successivo decreto del 22 gennaio 2009. E’ qui che il fotografo subacqueo napoletano Pasquale Vassallo ha realizzato la splendida immagine che vi presentiamo in alto. Dopo la fecondazione la femmina depone grandi uova, variabili dai 10 ai 13 cm, e le assicura mediante lunghi filamenti a qualunque oggetto in posizione sollevata dal fondo e battuta dalla corrente. Diversi i termini con cui il gattuccio viene denominato nei dialetti delle regioni del Sud: Cacciottiello (Napoli), Gattariellu (Vibo Valentia), Jattopardu (Reggio Calabria), Gattod (Bari), Gattuccie (Pescara), Gattu de Mari (Cagliari), Cazzuni (Trapani), Gattareddu (Palermo).

ichthyologieouhi01bloc_0229

Il Gattuccio in una tavola del ‘700 tratta dal volume “Ichthyologie ou Histoire naturelle des poissons: En six parties avec 216 planches dessinées et enluminées d’après nature” di Marc Éliéser Bloch, 1796 – Ph. Biodiversity Heritage Library | CCBY2.0

Bibliografia

Egidio Trainito, Rossella Baldacconi, Atlante di flora e fauna del Mediterraneo. Guida alla biodiversità degli ambienti marini, Milano, Il Castello, 2014, 5ª edizione aggiornata e ampliata, 432 p.

Sitografia

www.uovodigattuccio.it

www.squali.com

Potrebbero interessarti anche:

Sotto il mare del Golfo di Napoli

Nel Golfo di Napoli vive un pesce-balia, il Re di Triglie

Un polpo a spasso per il mare di Posillipo…con vista sul Vesuvio

La bellezza ‘aliena’ del cavalluccio marino, fotografato nel Golfo di Napoli

Nel mare di Pozzuoli, il minuscolo e raro gambero vinaio

 

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su