Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Sicilia - Scopello (Trapani) - © Nicola Vigilanti

Sicilia – Scopello (Trapani) | Ph. © Nicola Vigilanti

Il Mito la descrive come una terra di fulgide divinità solari, di dolci e sensuali ninfe, ma anche di titani ribelli, di irascibili ciclopi, di ammalianti e mortifere sirene. Prato fiorito dove s’aggira Persefone fanciulla in allegra compagnia delle sue ancelle e oscuro accesso al tenebroso Regno dei Morti che la volle sua austera regina. Le sue atmosfere avvolgono ed esaltano, ma possono anche soggiogare e spossare come un potente narcotico. Là, sulla sottile linea lungo la quale l’ombra e la luce si fondono in un dolce chiaroscuro o si scontrano in uno stridente urto di toni – che è quotidiano fragore di passioni – là c’è la Sicilia, luogo dei mille contrasti, ma anche delle armonie più sublimi. E’ come il giardino segreto di un mago, frequentato da angeli e demoni. E’ uno specchio fedele della vita…“la chiave di tutto”, il “centro prodigioso in cui convergono tanti raggi della storia del mondo”, come scrisse Goethe.  Questo proteiforme volto della Sicilia possiamo intravederlo nelle splendide immagini del fotografo Nicola Vigilanti, che in molteplici scatti, a colori e in bianco e nero, è riuscito a catturarne diverse sfumature. Della Sicilia Vigilanti ha scelto alcuni luoghi emblematici come Noto, Siracusa, Scopello ed Erice, dei quali – in un percorso fra natura e storia – ha voluto restituirci le ineguagliabili suggestioni.

“Allora incontro ti verran le belle spiagge dell’isola Trinacria, dove pasce il gregge del Sole, pasce l’armento.”
Omero, Odissea

Trinacria - © Nicola Vigilanti

Trinacria | Ph. ©  Nicola Vigilanti

NOTO

“Custodisca Iddio una casa di Noto, e fluiscano su di lei le rigonfie nuvole! Con nostalgia filiale anélo alla patria, verso cui mi attirano le dimore delle sue belle donne. E chi ha lasciato l’anima a vestigio di una dimora, a quella brama col corpo fare ritorno…Viva quella terra popolata e colta, vivano anche in lei le traccie e le rovine! Io anélo alla mia terra nella cui polvere si sono consumate le membra e le ossa dei miei avi”.
Ibn Hamdis, “Diwan” (canzoniere), XI-XII sec.

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra. Immagini di Nicola Vigilanti - Noto

Ph. © Nicola Vigilanti

“…l’influenza della cultura spagnola è l’ultima della serie, la prima è quella greca, la seconda e la terza sono saracena e la normanna; il Rinascimento l’ha sfiorata soltanto. E adesso annaffiate queste diverse componenti culturali con il sole abbagliante, con la terra africana, con un mucchio di polvere e con vegetazione bellissima – e avrete la Sicilia”.
Karel Capek, Fogli italiani

MARZAMEMI E VENDICARI

“Giusto è che questa terra, di tante bellezze superba, alle genti si addìti e molto si ammiri, opulenta d’invidiati beni e ricca di nobili spiriti”.
Lucrezio, De rerum natura, I secolo a.C.

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Marzamemi - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Marzamemi - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Marzamemi - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Marzamemi - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Marzamemi - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Vendicari - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Vendicari - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Vendicari - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Vendicari - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Vendicari - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Vendicari - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Marzamemi

Vendicari - Ph. © Nicola Vigilanti

SIRACUSA

“Avete spesso sentito dire che Siracusa è la più grande città greca, e la più bella di tutte. Signori giudici, è proprio come dicono…”

Cicerone, In Verrem, I sec. a.C.

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Latomie - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Orecchio di Dioniso - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ficus magnolioides - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Grotta dei Cordari - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Grotta dei Cordari - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Area archeologica - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Area archeologica - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Area archeologica - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Area archeologica - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Area archeologica - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Area archeologica - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Area archeologica - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Siracusa

Ortigia - Ph. © Nicola Vigilanti

ERICE

“Il medio-evo cristiano si è vittoriosamente installato sulla vetta del monte Erice, ma le città della pianura, Trapani e Marsala, geograficamente le più occidentali della Sicilia, sembrano la più durevole impronta dell’Oriente”

Daniel Simond

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Erice

Ph. © Nicola Vigilanti

SCOPELLO E RISERVA DELLO ZINGARO

“La Sicilia è il paese delle arance, del suolo fiorito la cui aria, in primavera, è tutto un profumo…Ma quel che ne fa una terra necessaria a vedersi e unica al mondo, è il fatto che da un’estremità all’altra, essa si può definire uno strano e divino museo di architettura”.

Guy de Maupassant, Viaggio in Sicilia

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Riserva dello Zingaro (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Riserva dello Zingaro (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Riserva dello Zingaro (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Riserva dello Zingaro (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Riserva dello Zingaro (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Riserva dello Zingaro (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

Sicilia, una terra sul magico confine fra luce e ombra, nelle immagini di Nicola Vigilanti - Zingaro

Scopello (Tp) - Ph. © Nicola Vigilanti

“Eccola, dunque, finalmente, ci dicevamo, questa Sicilia, la mèta del nostro viaggio, l’argomento delle nostre discussioni di tanti mesi, eccola nella sua interezza sotto i nostri piedi. Ruotando su noi stessi possiamo percorrerla in un istante; ne tocchiamo con gli occhi tutti i punti; quasi nulla ce ne sfugge ed essa è ben luntana dall’occupare l’orizzonte. Noi venivamo dall’Italia: avevamo calpestato la cenere dei più grandi uomini che furono mai esistiti e respirato la polvere dei loro monumenti, eravamo pieni delle grandezze della storia. Ma qualcos’altro ancora parlava, qui, all’immaginazione: tutti gli oggetti che scorgevamo, tutte le idee che venivano ad offrirsi, numerosissime, alla nostra mente, ci riportavano ai tempi primitivi. Toccavamo le prime età del mondo, quelle età di semplicità e di innocenza in cui gli uomini non erano ancora rattristati dal ricordo del passato, né spaventati dall’incertezza dell’avvenire, in cui, contenti della felicità presente e fiduciosi nella sua durata, raccoglievano quel che la terra dava loro senza coltivarla, e, vicini agli déi per la purezza del cuore, ne incontravano ancora ad ogni passo la traccia e vivevano, in un certo senso, in mezzo a loro; è qui che la leggenda ci mostra i primi uomini. È questa la patria delle divinità della mitologia greca. Vicino a questi luoghi, Plutone rapì Proserpina alla madre; in questo bosco che abbiamo appena attraversato, Cerere sospese la sua rapida corsa e, stanca delle sue vane ricerche, si sedette su una roccia e, benché dea, pianse, dicono i Greci, perché era madre. Apollo ha custodito le mandrie in queste valli; questi boschetti che si estendono fin sulla riva del mare hanno risuonato del flauto di Pan; le ninfe si sono smarrite sotto le loro ombre e hanno respirato il loro profumo. Qui Galatea fuggiva Polifemo, e Akis, sul punto di soccombere sotto i colpi del suo rivale, incantava ancora queste rive e vi lasciava il suo nome… In lontananza si scorge il lago d’Ercole e le rocce dei Ciclopi. Terra degli déi e degli eroi!”

Alexis de Tocqueville, Viaggio in Sicilia

latuapubblicita2

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su