Turismo sostenibile nei piccoli centri di collina e montagna: opportunità, vincoli e strategie. Convegno a Roma

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Il borgo lucano di Accettura (Matera) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Il borgo lucano di Accettura (Matera) – Ph. © Ferruccio Cornicello

di Redazione FdS

Il 13 ottobre 2016, a Roma, presso la sede della Società Geografica Italiana (Palazzetto Mattei, Villa Celimontana – via della Navicella 12), si terrà il convegno Sostenere la sostenibilità del Turismo Lo sviluppo turistico sostenibile dei piccoli centri della collina e della montagna: opportunità, vincoli e strategie. Il tema del turismo sostenibile non è sicuramente nuovo. Moltissimo è già stato detto e scritto al riguardo, in Italia ed a livello internazionale. I flussi informativi generati al riguardo sono sempre più grandi, ma anche sempre più dispersivi e spesso scarsamente efficaci. C’è bisogno di una maggiore consapevolezza di quanto già fatto e proposto e nello stesso tempo di un approfondimento di alcuni aspetti particolari emergenti. Il Convegno vuole approfondire alcuni aspetti in tal senso, attraverso contributi e confronti. Comitato promotore e organizzatore: Giuseppe Gisotti (CATAP, SIGEA), Fabio Pollice (Società Geografica Italiana, Università del Salento),Sergio Malcevschi (CATAP*, AAA, Università di Pavia).

PROGRAMMA (Segui la diretta streaming)

Mattina (9.00-13.30)

Interventi di saluto: Filippo Bencardino (Presidente Società Geografica Italiana), Giuliano Sauli ( CATAP, Presidente A,I,P,I,N.), Fiorello Primi (Presidente Associazione Borghi più belli d’Italia), Giuseppe Gisotti ( CATAP, SIGEA)

Sessione1 – Ambiente, Paesaggio e Turismo : Valori, fragilità, risposte

La Sessione prevede una relazione introduttiva ed alcuni contributi predisposti dalle Associazioni del CATAP maggiormente coinvolte su aspetti tematici specifici. Obiettivo è una migliore focalizzazione di aspetti cruciali tuttora irrisolti: quali le fragilità spesso alta degli ecosistemi coinvolti e delle realtà idrogeologiche su cui si poggiano, le modalità ed i livelli delle pressioni esercitate dalle attività turistiche spesso eccedenti la capacità portante del sistema, L’intreccio tra turismo naturalistico, turismo culturale, e corretto uso del capitale naturale e del territorio deve poter contare su riferimenti più solidi di quelli attuali per poter essere efficacemente declinato nelle specifiche realtà territoriali ed ambientali.

Alessandro Segale (Presidente Associazione Analisti Ambientali, Università di Milano): Esigenze emergenti nel rapporto tra sviluppo turistico e salvaguardia del territorio; Mario Bentivenga (Università della Basilicata, SIGEA) - Un settore emblematico per il turismo sostenibile: il Geoturismo; Associazioni CATAP – Sintesi dei contributi a cura di Maria Cristina Tullio (AIAPP).

Intervallo

Sessione 2- Lo sviluppo della qualità turistica dei piccoli centri: limiti, prospettive e scelte strategiche

La Sessione prevede una relazione introduttiva ed alcuni contributi predisposti dalla Società Geografica Italiana. Attenzione prioritaria sarà volta ai temi della valorizzazione del patrimonio esistente e delle identità culturali anche nei centri minori, del coinvolgimento efficace delle comunità locali, delle modalità di governance rispetto ai soggetti coinvolti, della natura e qualità degli strumenti di promozione attuali e potenziali,

Fabio Pollice (Università del Salento – Componente del Direttivo della SGI) – Lo sviluppo della qualità turistica dei piccoli centri, prospettive e scelte strategiche; Antonio Ciaschi (Università della Tuscia) – La biodiversità montana per lo sviluppo turistico delle terre alte; Ottavia Ricci (Consigliera del Ministro Franceschini per il Turismo Sostenibile) – Innovazione e sviluppo turistici nei centri montani.

Pomeriggio (14.30-18.00)

Sessione 3 –Strumenti per la governance

E’ ormai chiaro che la sostenibilità è il risultato della sintesi di aspetti ambientali, sociali, economici, ma non sempre è chiara la traduzione concreta di tale concetto. Nella sessione pomeridiana si presentano a tale riguardo l’importante esperienza nazionale della rete dei Borghi più belli d’Italia, ed il risultato di un lavoro di tipo interdisciplinare in corso da parte di uno dei soggetti promotori: un’analisi delle luci e delle ombre dei flussi informativi che attualmente riguardano il turismo sostenibile. Infine si gettano le basi di un’indagine mediante questionario rivolto ai Comuni dell’Appennino. I contributi precedenti serviranno come introduzione alla Tavola Rotonda che prevede un confronto su ciò che è necessario per una migliore governance del tema.

Antonio LunaL’esperienza dell’Associazione “I Borghi più belli d’Italia”; Sergio Malcevschi (CATAP, Università di Pavia) – Il Turismo sostenibile nell’offerta e domanda di informazione on-line; Gruppo di lavoro S.G.I. – SIGEA – Associazione Borghi: Primi risultati di un’indagine sui Comuni in ambito collinare-montano

Tavola rotonda: La governance per il turismo sostenibile in Italia : soggetti e responsabilità. Interventi di: Dorina Bianchi, Sottosegretario al Turismo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo; Maria Carmela Giarratano, Direttore Generale Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (in conferma); Andrea Olivero (Viceministro Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali); Giampiero Sammuri (Presidente Federparchi); Fiorello Primi (Presidente Associazione Borghi più belli d’Italia); Fabrizio Pozzoli, Vice presidente Organizzazione Internazionale del turismo social (O.I.T.S.); Marco Frey (Comitato Esecutivo Touring Club Italiano); Sandro Polci (Direttore del Festival europeo via Francigena- Anno dei cammini); Francesco Bigiotti (Sindaco del Comune di Bagnoregio); Giuseppe Ferrarello (Sindaco del Comune di Gangi)

Impegno dei soggetti promotori sarà anche quello, partendo dai risultati del Convegno, di arrivare alla stesura di un documento di indirizzi sul turismo sostenibile nei piccoli centri da sottoporre alle istituzioni ed alle organizzazioni interessate.

*CATAP è il Coordinamento delle seguenti associazioni che si occupano di ambiente e paesaggio (Associazione Analisti Ambientali, Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio, Associazione Italiana Naturalisti, Associazione Italiana Pedologi, Associazione Italiana per l’lngegneria Naturalistica; Società Italiana di Ecologia del Paesaggio, Società Italiana di Geologia Ambientale) www.catap.eu

IL LUOGO

 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su