Le Dormienti di Mimmo Paladino a Cosenza, scatto di Gianni Termine

Le dormienti - Paladino - Ph. Gianni Termine

Le dormienti, di Mimmo Paladino a Cosenza – Ph. Gianni Termine © 2013 – All rights reserved – FdS: Courtesy dell’Autore

Siamo in Calabria, in una delle più belle piazze contemporanee di Cosenza, quella antistante Palazzo Salfi, edificio dalla ottocentesca architettura in stile pompeiano. Situato nell’antico rione detto “Paparelle”, il Palazzo riporta ad un celebre casato che diede i natali al più famoso dei Salfi, Francesco Saverio, letterato, politico (fu consigliere del re Gioacchino Murat) e librettista. Il palazzo ci riporta però in particolare all’artista Enrico Salfi che, dopo gli studi d’arte a Napoli – e di ritorno da Pompei di cui subì le suggestioni nelle opere pittoriche – lo fece costruire ispirandosi alla Casa del Poeta Tragico, di cui egli stesso aveva realizzato il plastico, oggi esposto presso l’Antiquarium di Pompei. Palazzo Salfi, un unicum nel paesaggio urbano cosentino, di recente è stato oggetto di un lungo restauro curato dall’architetto Mario Occhiuto che ha ripreso ed enfatizzato l’ispirazione originaria, rivisitandola con sensibilità contemporanea. Il palazzo oggi è sede di mOa, ossia ‘mario occhiuto architetture’, di Feel, comunicazioni multimediali, e del ristorante Le cucine di Palazzo Salfi. La piazza – tappezzata da un pavimento a grandi disegni geomatrici – ospita l’istallazione di opere d’arte come ‘I viaggiatori’ di Maurizio Orrico e ‘Le dormienti’ di Mimmo Paladino, opere esposte all’XI Biennale di Architettura di Venezia e all’Expo di Shangai. L’opera di Paladino – collocata su un muro adiacente al palazzo –  la vediamo riprodotta nell’immagine notturna del fotografo cosentino Gianni Termine.

IL LUOGO

Visualizzazione ingrandita della mappa

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su