Startup del Sud protagoniste a Milano della 50a edizione dello SMAU, acceleratore di innovazione per le imprese

smau_2013-horz

di Ferruccio Cornicello

In un contesto europeo che vuole dare impulso allo sviluppo dell’Agenda Digitale nel quadro della più ampia Strategia EU2020 (argomento all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Europeo del 24 e 25 ottobre); in una situazione che vede l’Italia in forte ritardo rispetto agli altri paesi del Vecchio Continente nell’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nell’attuazione dell’Agenda Digitale Italiana istituita a marzo 2012, nell’utilizzare i cospicui finanziamenti dei fondi europei dedicati proprio a favorire innovazione, crescita economica e competitività, e che presenta marcati fenomeni di Digital Divide tra le aree del Sud e quelle del resto del Paese, prende avvio domani la 50ª edizione dello SMAU che attende a Milano decine di migliaia di visitatori. Il maxi evento di riferimento nei settori dell’innovazione e dell’ICT (Information and Communication Technology) per le imprese e i professionisti italiani si terrà nelle giornate dal 23 al 25 ottobre prossimi nei padiglioni 1 e 2 di Fieramilanocity.

A dispetto di una complessa congiuntura economica, gli organizzatori registrano per questa edizione SMAU 2013 un incremento dei partecipanti del 20% . Che ci sia un trend positivo in Italia di imprese che guardano ai temi dell’innovazione lo si capisce anche dal boom di iscrizioni al Registro delle Imprese Innovative introdotto col decreto Crescita 2.0: 1200 le nuove imprese iscritte dall’inizio dell’anno, molte di queste nel settore dell’ICT. Numerosi i temi chiave, i trend delle tecnologie digitali per il business e le aree tematiche toccate durante l’evento attraverso oltre 500 unità espositive, centinaia di workshop e convegni nonché premi – Premio Innovazione ICT, Smau Mob App Awards 2013, Arena Merketing Digitale e Premio Lamark – e numerose occasioni di incontri gratuiti con docenti e analisti e soprattuto di networking: information security, e-commerce e marketing digitale, tablet e smartphone per il business, mobile&wireless, smart city, healthcare, agrifood, smart networking, smart communities e cloud computing, infrastruttuta IT, sono solo alcuni di questi.

Sono le startup, più 50% rispetto allo scorso anno, i soggetti al centro di molti eventi di questa edizione. Le tematiche che le riguardano verranno ampiamente affrontate nella nuova area IBX-Innovazione per il Business Expo, la ex “Percorsi dell’Innovazione”, realizzata da SMAU e Regione Lombardia, un format contenitore nato 10 anni fa dal sodalizio tra Startupbusiness del giornalista e Ceo Emil Abirascid e SMAU, iniziativa che ha la finalità di offrire uno spazio di relazione tra il mondo della ricerca e dell’innovazione con il mondo imprenditoriale italiano, dove sarà presente l’ecosistema dell’innovazione del nostro Paese con complessivamente circa 200 centri provenienti da tutte le regioni italiane come acceleratori d’impresa pubblici e privati, centri di ricerca, parchi scientifici, e di questi 150 sono startup e spin-off.

Nessun altro contesto in Italia offre alle startup la condizione di potersi presentare al multiforme universo di stakeholder composto di advisor, incubatori, istituzioni, grandi aziende, media, opinion leader, osservatori e molto altro ancora. Quest’anno sono state oltre 230 le candidature a presentare progetti, promossa attraverso la piattaforma web di Startupbusiness in collaborazione con SMAU. Tra queste, 50 le nuove imprese innovative vincitrici di un Voucher del valore di 3.000 euro messo a disposizione per la propria partecipazione all’evento che comprende uno stand espositivo arredato, la grafica e l’inserimento nel catalogo SMAU.

Quarantadue sono le imprese che provengono dal Sud, equivalenti all’11% delle partecipanti all’edizione 2013 dello SMAU, acronimo di Salone Macchine e Attrezzature Ufficio, denominazione in realtà un pò superata dai tempi. Di queste imprese, 37 originano in due sole regioni, Calabria e Puglia. A guidare l’innovazione proveniente dal Mezzogiorno, dimostrandosi estremamente digital rispetto anche alla media italiana, è la Calabria, regione che partecipa con i migliori talenti delle ben 21 realtà innovative provenienti in massima parte da Cosenza e Rende, tra queste 16 sono startup.

Sarà la Regione Calabria insieme a CalabriaInnova, nell’ambito delle attività della Rete Regionale dell’Innovazione, ad accompagnare alcune startup partecipanti alle precedenti edizioni di Start Cup Calabria. Diversi gli ambiti di ricerca e applicazione. Tra le altre realtà, il gruppo editoriale multimediale Edizioni Master, la Recogniform Technologies attiva nel settore della lettura ottica con innovativi sistemi di elaborazione di immagini e processing, la Condomani, un social network per una gestione rivoluzionaria dei condomini, o la app Magic Bus che informa in tempo reale sulla circolazione dei mezzi urbani. Soluzioni per la raccolta differenziata dei rifiuti sono invece proposte da Mygreencard e Waste Management System. Tutto declinato al femminile invece il team di Ovage che ha elaborato un servizio web capace di misurare l’età ovarica delle donne. SMS Identity è invece una piattaforma che tutela i prodotti originali da quelli contraffatti. Infine la GIPStech, con il suo sistema di geolocalizzazione in ambienti chiusi, dei due ingegnieri informatici dell’Università della Calabria e del loro socio padovano vincitori dell’edizione 2013 del TechCrunch Italy svoltosi al Maxxi di Roma circa un mese fa, il più grande evento organizzato in Italia dedicato alle imprese digitali. Tre invece le startup già avviate che usufruiscono dei servizi dell’incubatore dell’Unical TechNest e che parteciperanno a SMAU 2013 : Artemat, nata per creare percorsi formativi innovativi per giovani talenti, DVL System che opera nella combinazione strategica di gestione della conoscenza e utilizzo delle nuove tecnologie, Altilia che opera nella gestione dei dati.

Ad aggiudicarsi il secondo posto in fatto di presenze è l’altra regione digital del Sud, la Puglia, che sarà presente con 16 aziende. Tra le altre, InnovaPuglia S.p.A., società controllata dalla Regione Puglia per la programmazione strategica dell’innovazione ICT e la definizione sul territorio pugliese dell’Agenda Digitale Europea, Distretto Produttivo dell’Informatica che raggruppa 90 imprese, 6 associazioni di categoria, tutti i poli universitari regionali e 4 centri di ricerca, per un totale di 5000 addetti, Spidly gestore social che aiuta le pmi a gestire meglio lla comunicazione esterna e la propria immagine, Tag the fire, l’app gratuita che aiuta a prevenire gli incendi. Fanalino di coda invece la Campania con 3 aziende presenti e la Sicilia con 2.

Ci piace segnalare tra gli altri, per il ruolo fondamentale che assumono le Regioni in termini strategici per l’utilizzo dei fondi europei per lo sviluppo delle imprese, il Convegno “Startup, innovazione e imprese: le Regioni protagoniste” che si terrà mercoledi 23 dalle ore 10:00 in Sala 2 -Pad 2, in cui verrà fornito un quadro della situazione italiana relativo alle politiche concrete a supporto delle PMI, alle agevolazioni e strumenti finanziari, allo sviluppo di startup e nuove imprese, al rapporto con le strategie della Comunità Europea. Al convegno interverranno numerosi personaggi di rilievo che forniranno trend e scenari evolutivi nonché gli Assessori alle Attività produttive, allo Sviluppo economico e all’Innovazine delle più dinamiche Regioni italiane tra cui l’assessore alla Ricerca e Innovazione della Regione Calabria Mario Caligiuri e l’Assessore allo Sviluppo economico delle Regione Puglia Loredana Capone.

Inoltre nel corso della manifestazione sarà presentato ufficialmente in una pubblicazione cartacea il progetto “Who is Who”, il primo Osservatorio permanente per monitorare l’ecosistema italiano delle startup, nato dalla collaborazione di Italia Startup e gli Osservatori del Politecnico di Milano, in collaborazione con SMAU e con il supporto istituzionale del Ministero delllo Sviluppo Economico.

Dopo Milano, la “Call per le startup”, lo Smau City Roadshow 2013-2014, nato nel 2008 e ispirato alla filosofia “Think global, act local”, farà tappa nelle principali città italiane. Al Sud le città coinvolte saranno saranno Napoli,12 e 13 dicembre p.v., Bari 12 e 13 febbraio 2014. Per candidare la prorpia idea di business basta registrarsi al sito www.startupbusiness.com.

Per informazioni più dettagliate consultare il sito dell’evento.

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su