Maggio di Accettura al crepuscolo, nello scatto del lucano Biagio Labbate

maggio di accettura - ph. biagio labbate

I colori ambrati del crepuscolo pervadono un cielo nuvoloso ad avvolgere di fascino arcano i momenti finali di quello straordinario rito millenario che è il Maggio di Accettura (Matera): li vediamo nello scatto del nostro lettore lucano Biagio Labbate; mentre dei versi, semplici e genuini, del poeta locale Giuseppe Dinota, risalenti al 1938, esprimono un amore incondizionato per il proprio borgo natio. A mandarceli è l’accetturese Antonietta Canuso da anni residente lontano dal suo paese.

IL MIO PAESE

Non per dire che il mio paese è bello
chè ad ogni uccello il suo nido è bello,
ma ringrazio Dio e la natura
che mi diè i natali in Accettura.
Ha Montepiano che le fa da sprona
le Manche e Gallipoli che le fan da corona,
argentea scorre la Salandrella,
ove si specchia per sembrar più bella.
Accettura non è ricca di brillanti,
ma è ricca di colli verdeggianti;
vi dico che industria non ve n’ha
ma a me mi sembra bella in verità.
Se vuoi saper lettor dov’è fondata
cercala nel cuor della Basilicata:
è in una valle amena pittoresca
di rimpetto al Corvo gigantesca.

Giuseppe Dinota (1938)

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su