Chanukkah: torna a Trani l’antichissima festa ebraica delle luci

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

L'accensione della Menorah nella festa di Channukkah - Ph. Robert Couse-Baker | CCBY2.0

L’accensione della Channukia, il candelabro a 9 bracci – Ph. Robert Couse-Baker | CCBY2.0

di Luciana Doronzo

La sinagoga Scolanova, XIII sec., Trani - Ph. © Luciana Doronzo

La sinagoga Scolanova, XIII sec., Trani – Ph. © Luciana Doronzo

Lunedì 7 dicembre alle ore 17.30, nel piazzale antistante la Sinagoga Scolanova, la comunità ebraica di Trani (Bat), insieme a numerosi ebrei del Gruppo Kesher di Milano, accenderanno la seconda luce della festa di Chanukkah. Parteciperanno all’accensione il Rabbino Capo di Napoli Rav Umberto Piperno e il direttore del Dipartimento Educazione e Cultura dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane Rav Roberto Della Rocca.

Chanukkah significa in ebraico “inaugurazione” ed è una festività che dura otto giorni. Era l’anno 165 dell’era volgare allorquando gli Israeliti guidati da Giuda Maccabeo, figlio del sacerdote Mattatià, affrontarono e sconfissero gli occupanti siriani, entrando a pieno diritto a Gerusalemme. Giuda Maccabeo riconsacrò il Bet Hamikdash (Santuario) abbattendo gli idoli fatti installare dal re Antioco IV Epifane di Siria (sotto il cui governo era caduto Israele) e ripristinando la sovranità della Toràh (la Legge scritta e orale data da Dio a Mosè) e dei Suoi precetti sul popolo ebraico.

Il Rabbino Capo di Napoli Rav Umberto Piperno – Ph. © Luciana Doronzo

Il Rabbino Capo di Napoli Rav Umberto Piperno – Ph. © Luciana Doronzo

Il Talmud racconta che nel Tempio appena riconsacrato fu trovata una piccola ampolla di olio puro con il sigillo del Sommo Sacerdote. L’olio poteva bastare per un solo giorno ma avvenne un grande miracolo: l’olio bruciò per otto giorni, diffondendo una bellissima luce e dando così la possibilità ai sacerdoti di preparare l’olio nuovo. Fu così che i Maestri proclamarono che a partire dalla vigilia del 25esimo giorno del mese ebraico di Kislèv e per i successivi otto giorni gli ebrei celebrassero l’avvenimento del miracolo dell’olio che non si consumò. Per otto sere viene accesa una fiammella in più sulla Channukkia, un candelabro a 9 braccia (otto fiamme oltre allo shammash, il lume che serve ad accendere gli altri lumi).

Channukkah manifesta in pieno l’universalità dell’ebraismo, universalità che si esprime nel monoteismo, nel riposo del Sabato, nella superiorità di una Legge divina e morale su ogni aspetto della vita quotidiana; anche chi non è ebreo riesce a condividere parte di questa identità.

Rav Roberto Della Rocca, direttore del Dipartimento Educazione e Cultura dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane – Ph. © Luciana Doronzo

Rav Roberto Della Rocca, direttore Dipartimento Educazione e Cultura dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane – Ph. © Luciana Doronzo

Perchè Trani? Perchè l’ebraismo è elemento fondamentale della cultura e della storia di questa città pugliese; anche per questo , in base ad una usanza ormai consolidata, le Autorità comunali accendono il primo lume della Channukkia (lo shammash) in segno di condivisione di valori inestinguibili come la libertà e la multiculturalità della quale la Festa dell’olio che non si consumò è uno dei simboli più riusciti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su