Capo Colonna: sei parlamentari presentano interpellanza al ministro Franceschini. Fra essi l’ex ministro Bray

franceschini_opt

Il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini – Ph. BTO | CCBY2.0

di Redazione FdS

Continuano a susseguirsi le iniziative in difesa del parco archeologico di Capo Colonna (Crotone) da giorni sotto i riflettori dopo l’infelice iniziativa della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria e del Comune di Crotone volta a ricoprire di cemento armato e cotto i resti dell’antico Foro Romano emersi di recente nei pressi del locale Santuario della Vergine. Una inevitabile scelta protettiva, secondo la Soprintendente Elisabetta Bonomi; uno scempio, secondo le centinaia di cittadini in rivolta costituitisi nel comitato #SalviamoCapocolonna, da giorni in presidio costante (anche notturno) sul luogo. Alle proposte e soprattutto alle polemiche – pro e contro – piovute  da più parti nei giorni scorsi, si aggiunge ora l’iniziativa di una interpellanza parlamentare presentata da sei deputati della Repubblica (PD e Misto), documento del quale abbiamo ricevuto oggi copia e che pubblichiamo integralmente.

INTERROGAZIONE
Al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali

PREMESSO CHE:

il sito archeologico di Capo Colonna a Crotone è riconosciuto come bene di inestimabile valore storico e culturale;

in particolare il sito richiama la vicenda storica, risalente al VII secolo a.C., del santuario di Hera Lacinia e la partenza di Annibale che, da quel luogo, nel III secolo a.C., in ritirata, fece ritorno a Cartagine;

i preziosi resti archeologici oggi appaiono delimitati da una cinta muraria risalente alla prima età augustea;

al fine di valorizzare il sito si è reso necessario un piano di recupero e di protezione che, in sede di Accordo di Programma Quadro tra il Ministero dei Beni Culturali e la Regione Calabria, ha previsto il finanziamento di uno specifico progetto denominato “Ampliamento delle conoscenze della realtà archeologica di Capo Colonna e messa in sicurezza delle strutture archeologiche portate in luce”;

il soggetto attuatore del progetto risulta essere la Soprintendenza Archeologica della Calabria;

il progetto prevede i lavori per “la ristrutturazione del sagrato della chiesa: pavimentazione dell’area antistante in cotto riquadrato di lastre di materiale lapideo, previa indagine archeologica dell’area”;

altresì, è prevista la realizzazione “di opere di fruibilità e copertura a protezione dei mosaici rinvenuti nell’area dell’intervento”;

l’appalto dei lavori è stato aggiudicato con un ribasso del 30,21% sull’elenco prezzi posto a base di gara;

numerose associazioni culturali ed ambientaliste, esponenti istituzionali, forze intellettuali sono impegnate in una vigorosa protesta che denuncia il deturpamento di una delle aree più suggestive e storicamente significative del Paese dal momento che, pare, si sarebbe fatto ricorso a colate di cemento e posizionamento di reti elettrosaldate a danno dei numerosi e preziosi reperti presenti nel sito;

pare, inoltre, che lo scempio di quei luoghi sarebbe riconducibile anche alla costruzione di un megavillaggio turistico che, in località Scifo, si estende su un’area di 74mila mq proprio a ridosso del parco archeologico, in piena area marina protetta. E’ notorio che sulla circostanza la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone ha aperto un fascicolo di indagine;

PER SAPERE SE:

la realizzazione dell’intervento previsto nell’APQ sia realizzato senza arrecare danno ai reperti archeologici;

quali efficaci e tempestive iniziative, inoltre, il Ministero intende assumere affinché l’intera area di interesse del sito archeologico sia tutelata, protetta ed effettivamente valorizzata e non sottoposta ad interventi che ne compromettano il valore storico, architettonico e culturale.

Vincenza Bruno Bossio
Nico Stumpo
Franco Bruno
Bruno Censore
Alfredo D’attorre
Massimo Bray

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Potrebbero interessarti anche:

A Crotone l’incredibile cementificazione del Foro Romano di Capo Colonna. Cittadini presidiano il cantiere

Cemento sul Foro Romano di Capo Colonna. La reazione dei responsabili. Il ministro Franceschini chiede chiarimenti

Cemento a Capo Colonna. Balletto di dichiarazioni delle autorità: chi difende il progetto e chi si dissocia

Capo Colonna. Le associazioni inviano un esposto alla Procura. Il sindaco di Crotone attacca il ministro Lanzetta

Capo Colonna.Turbolenza nella maggioranza PD: la Commissione Cultura, Archeologia e Turismo chiede spiegazioni al sindaco

Ieri il sit-in per Capo Colonna. Non si sedano le polemiche: plausi alla manifestazione e accuse di strumentalizzazione politica

Il ministro Lanzetta fa visita a Capo Colonna: «una soluzione cementificatoria che ha tutti i crismi della inadeguatezza»

Nulla di fatto a Capo Colonna: la Soprintendente Bonomi difende il progetto ed annuncia il proprio trasferimento

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su