Ascoltando il silenzio. La Lucania folgorante e autentica di Sandro Sansone

Lucania - Ph. S. Sansone

Un’immagine del video di Sandro Sansone

di Redazione FdS

E’ uno dei video più belli sulla Lucania che siano mai apparsi in rete. E’ proprio vero che un luogo, a volte, può essere raccontato meglio da chi non ci vive piuttosto che da chi vi è quotidianamente immerso ed a volte finisce col dare per scontato tutto ciò da cui è circondato. Nel caso di Sandro Sansone, autore delle immagini e del loro montaggio in video – oltre che della scelta musicale – c’è un elemento in più che sicuramente è stato determinante nell’acuire la sensibilità con cui ha percepito e ritratto il territorio e le persone raffigurate nelle sue fotografie, e cioè il fatto di essere figlio di genitori lucani, trasferitisi al nord nel secondo dopoguerra. Questo sicuramente ha permesso a lui, nato a Milano, di non perdere lo straordinario filo rosso che ci lega alle nostre radici; un legame fatto di sentimenti autentici, magari coltivati autonomamente da adulti, che ci permette – in qualunque parte del mondo noi siamo – di riconoscerci e di sapere chi siamo. Lasciamo dunque la parola a Sandro Sansone che, a sua volta, ha scelto di commentare il video facendo sue le parole di un altro grande estimatore della Lucania, il celebre pittore e scrittore Carlo Levi:

“La Lucania mi pare più di ogni altro, un luogo vero, uno dei luoghi più veri del mondo […] Qui ritrovo la misura delle cose […] le lotte e i contrasti qui sono cose vere […] il pane che manca è un vero pane, la casa che manca è una vera casa, il dolore che nessuno intende un vero dolore. La tensione interna di questo mondo è la ragione della sua verità: in esso storia e mitologia, attualità e eternità sono coincidenti”.
(Carlo Levi)

IL VIDEO

A

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su