L’identità del giovane di Mozia. L’efebo sarebbe Alcimedonte, auriga di Achille

Picture 1 of 19

Sicilia - L'efebo (o auriga) di Mozia, scultura in marmo del V sec. a.C - Museo Whitaker, isola di Mozia (Trapani) - Ph. Island of Volcanoes - License

“Oh santa giovinezza, messaggera di Cipro e di Eros,
giovinezza che troneggi sulle ciglia delle vergini
e nei languidi sguardi di un bell’efebo;
giovinezza che dolcemente ci culli nelle tue braccia,
e sai anche accendere i nostri sensi”

(Pindaro, VI sec. a.C.)

Che L’Efebo custodito al Museo Whitaker dell’isola di Mozia (Marsala) potesse essere un auriga, ossia un giovane alla guida di un cocchio, era stato già ipotizzato, sebbene non mancasse chi presumeva potesse essere un dio (in particolare Apollo o Mlkart/Ercole) o un magistrato punico (suffeta). Di recente però la prima ipotesi è tornata in auge con più forza dopo le dichiarazioni rilasciate da Lorenzo Nigro, docente associato di archeologia e storia dell’arte all’Università La Sapienza di Roma, secondo il quale l’autore dell’opera avrebbe ritratto Alcimedonte, il capo mirmidone greco figlio di Laerce, ricordato da Omero nei libri XVI e XVII dell’Iliade e descritto come un ottimo auriga che guidò personalmente il carro di Achille, trainato dagli immortali destrieri Balio e Xanto, fuori dal terribile scontro accesosi per la contesa del corpo di Patroclo, ucciso da Ettore.

La statua siciliana – di fattura greca del V° sec. a.C. (450-440 a.C.) – è stata esposta la scorsa estate al British Museum in occasione delle Olimpiadi di Londra e continuerà a viaggiare per il mondo ancora per circa un anno e mezzo. Soprattutto negli Usa, dove rimarrà a lungo nel “Paul Getty Museum” di Malibù.

Nigro da undici anni, d’intesa con la Soprintendenza ai Beni culturali di Trapani e la Fondazione Whitaker, proprietaria dell’isola di Mozia, dirige campagne di scavi sull’isola, che tra l’VIII e il IV secolo avanti Cristo fu importante colonia fenicia e centro egemone nel Mediterraneo. Il professor ha spiegato a Marsala che è stato possibile risalire all’identità del personaggio raffigurato nella statua grazie all’iscrizione (“Alkimedon”) su un vaso di ceramica attico scoperto sull’isola nella zona dove sono state trovate le fondamenta del tempio (“Temenos”) attorno al “Kothon”, la vasca per abluzioni effettuate nell’ambito di cerimonie religiose.

Il vaso di ceramica (“cratere di Alcimedonte”) sarebbe stato commissionato in Attica dai moziesi e raffigura una scena di simposio. Nel posthomerica, dopo l’Iliade, si racconta che Alcimedonte venne trafitto mortalmente da Enea durante una delle tante battaglie sotto le mura di Troia. La statua del “Giovinetto in tunica”, dagli elementi superstiti (le braccia risultano quasi del tutto mancanti sin dal ritrovamento) lascia intuire il braccio destro sollevato (forse a brandire un frustino nell’ipotesi dell’auriga), ed il sinistro appoggiato sul fianco, dove ancora si vedono i resti della mano. Il ragazzo indossa una leggera tunica e sfoggia uno sguardo fiero, attributi che arricchiscono il fisico atletico e prestante. La scultura, in passato esposta anche a Venezia (due volte) e a Berlino, è stata rinvenuta a Mozia il 26 ottobre del 1979, nel corso degli scavi effettuati nel settore nord-orientale, tra il santuario di Cappiddazzu e la cinta muraria. Secondo gli esperti sarebbe stata scolpita da un allievo di Fidia. Fu trovata sottoterra. Forse, fu nascosta nel corso della guerra con Siracusa (397 a. C.) per evitare che cadesse nelle mani del nemico e probabilmente era stata portata sull’isola dai Cartaginesi dopo che questi ebbero saccheggiato Selinunte nel 409 a.C.

La statua, in marmo jonico della Tessaglia, è alta poco meno di 190 centimetri e forse faceva bella mostra di sé nell’agorà di Mozia, all’aperto. Lo stile in cui è stata scolpita è in arcaico ionico. E’ caratterizzata dallo stile “panneggio bagnato”. Quattro chiodi di bronzo, presenti nella testa, hanno fatto pensare che il capo fosse cinto da una corona, simbolo di vittoria. Il museo Whitaker di Mozia che oggi la ospita, custodisce anche i corredi funebri provenienti dalla necropoli arcaica dell’isola, le anfore commerciali greche, fenicie ed etrusche ed una ricca collezione di vasi a vernice nera e figure rosse, oltre a materiali provenienti dal tofet, dall’abitato di Mozia e dalla Casa dei Mosaici. Tra gli oggetti esposti vi sono gioielli ed armi, amuleti e scarabei e oggetti con incise didascalie originali, strumenti per la cosmesi o per la chirurgia. I gioielli sono prevalentemente in argento e bronzo, oltre che in oro, di discreta fattura, compresi tra il VII e il IV secolo a.C..

L’ISOLA DI MOZIA: ASCESA E DECLINO DI UN LUOGO MAGICO

Situata a circa 1 km dal litorale di Marsala, l’isola di Mozia (o Mothya – oggi S. Pantaleo) si staglia al centro dello Stagnone (una laguna scarsamente profonda), affiorando di poco sul livello del mare. Con le isole vicine fa parte della Riserva Naturale Regionale dello Stagnone di Marsala. E’ di piccole dimensioni ma nei suoi 45 ettari circa di estensione raduna tutte le suggestioni naturalistiche e culturali del Mediterraneo. Ciò la rende un luogo di grande fascino, ad accrescere il quale contribuiscono i resti dell’omonima antica città fenicia che ne ricopriva la superficie, oltre ai circa 10 mila reperti conservati al Museo Joseph Whitaker, così detto dal nome del produttore inglese di vini siciliani, appassionato di archeologia, che ne fu il proprietario e a cui è intitolata anche la Fondazione che oggi possiede l’isola.

L’accesso all’isola è consentito solo da due imbarcaderi privati, che oltre a collegare la stessa Mozia alla terraferma permettono di visitare anche le altre isole dello Stagnone. Sull’isola benché sia aperta al pubblico e visitabile durante gli orari di apertura, è in vigore il divieto di sbarco non autorizzato. Nell’antichità una strada collegava la terraferma all’isola tra Capo San Teodoro e l’estrema punta moziese settentrionale: oggi la stessa via traspare sotto la superficie del mare e non è più praticabile a causa dell’erosione e delle alghe di Posidonia oceanica.

«Era situata su un’isola che dista sei stadi dalla Sicilia ed era abbellita artisticamente in sommo grado con numerose belle case, grazie alla prosperità degli abitanti»: così scrivava di Mozia lo storico Diodoro Siculo nel I° sec. a.C.

L’isola fu probabilmente interessata dalle esplorazioni dei mercanti-navigatori fenici, che si spinsero nel Mar Mediterraneo occidentale, fin dalla fine del XII secolo a.C.: dovette rappresentare un punto d’approdo ed una base commerciale morfologicamente molto simile alla città fenicia di Tiro. Vi si svolse un’intensa attività di concia delle pelli e di estrazione della porpora dalla lavorazione dei murici, i molluschi delle cui conchiglie è ancor oggi disseminata la laguna che circonda l’isola. Il suo nome antico in fenicio era Mtw, Mtw o Hmtw, come risulta dalle legende monetali; il nome riportato in greco, Motye, Μοτύη, è citato anche da Tucidide e da Diodoro Siculo. Intorno alla metà dell’VIII secolo a.C., con l’inizio della colonizzazione greca in Sicilia, Tucidide riporta che i Fenici si ritirarono nella sua parte occidentale, più esattamente nelle tre città di loro fondazione: Mozia, Solunto e Palermo. Archeologicamente è testimoniato un insediamento della fine dell’VIII secolo a.C., preceduto da una fase protostorica sporadica ed alquanto modesta. Le fortificazioni che circondano l’isola possono essere forse collegate alle spedizioni greche in Sicilia occidentale di Pentatlo e Dorieo nel VI secolo a.C. Nel 397 a.C. Dionisio di Siracusa prese e distrusse la città all’inizio della sua campagna di conquista delle città elime e puniche della Sicilia occidentale; l’anno successivo Mozia venne ripresa dai Cartaginesi, ma perse di importanza in conseguenza della fondazione di Lilibeo. Dopo la battaglia delle Isole Egadi nel 241 a.C. tutta la Sicilia passò sotto il dominio romano, ad eccezione di Siracusa: Mozia doveva essere quasi del tutto abbandonata, dal momento che vi si sono rinvenute solo pochissime tracce di nuova frequentazione, generalmente singole ville di epoca ellenistica o romana.

360°: ALCUNI MERAVIGLIOSI TOUR VIRTUALI A MOZIA…(attendete alcuni secondi per l’inizio di ciascun tour)

L’isola e il suo mare…

La strada fenicia sommersa che portava a Mozia…

Il Giovane di Mozia…

Il santuario di Cappiddazzu…

Il Kothon, piscina delle abluzioni sacre e la Porta Sud…

Il Kothon, da vicino…

Il Tofet, la necropoli fenicia…

Nei giardini del Museo Whitaker…

LA STORIA DEGLI INGLESI WHITAKER, DEVOTI CUSTODI DI MOZIA

Se volete conoscere più a fondo la storia della famiglia Whitaker, dinastia inglese trasferitasi in Sicilia nell’800 per dedicarsi alla produzione e al commercio del Marsala, vi consigliamo di sfogliare questo bellissimo libro, ricco di testi e di immagini che la Fondazione Whitaker, proprietaria dell’isola di Mozia, ha messo a disposizione in rete. Avete quindi la possibilità di approfondire una storia che ha il sapore di un’epopea: QUI

VILLA MALFITANO, LA CASA DEI WHITAKER A PALERMO: QUI e QUI

I VIDEO:

Di seguito vi segnaliamo due video diffusi su You Tube e dedicati rispettivamente al fascino di Mozia e ai lavori di scavo archeologico che l’Università La Sapienza di Roma conduce da tempo sull’isola:

Video 1) Mozia terra fenicia

Video 2) Il canto della terra

IL LUOGO

Visualizzazione ingrandita della mappa

giovane di Mozia 2

Particolare dell’Efebo di Mozia, statua greca del 450-440 a.C. – Ph. Harmut Riehm – Image source

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su