Il cuoco pugliese Peppe Zullo premiato dall’Unesco a Foligno

DSC_8198 copia

Puglia – Scorcio della tenuta di Villa Jamele ad Orsara di Puglia – Ph. © Ferruccio Cornicello – All rights reserved Feart ®

Il cuoco pugliese Peppe Zullo premiato dall’Unesco a Foligno. La sua Villa Jamele è considerata una delle migliori venti strutture in Italia

di Redazione FdS

DSC_8596

Puglia – Peppe Zullo il cuoco-contadino di Orsara di Puglia (Foggia) – Ph. © Ferruccio Cornicello – All rights reserved Feart ®

Villa Jamele, a Orsara di Puglia (Foggia),  è una delle migliori venti strutture in Italia. Lo ha stabilito l’UNESCO, che a fine ottobre ha premiato a Foligno Peppe Zullo, cuoco-imprenditore della struttura, consegnandogli l’attestato di merito con le seguenti motivazioni: “Per aver mirabilmente costruito, con Villa Jamele, un’azienda a bassissimo impatto ambientale, senza mai tralasciare l’obiettivo di proporre un’alimentazione all’insegna della genuinità con prodotti della filiera enogastronomica a chilometro zero”.

Istituito soltanto quattro anni fa, il concorso è già assurto ad evento di primaria importanza. L’edizione che si è recentemente conclusa ne ha confermato la grande rilevanza assunta: 29 i club e i centri UNESCO partecipanti, 28 le “fabbriche” iscritte, 12 le regioni rappresentate. Tale successo è determinato dalla crescente condivisione degli obiettivi che il concorso si prefigge, vale a dire la diffusione della cultura del territorio e del paesaggio: come recita il Bando, “… nella consapevolezza che lo sviluppo sostenibile è fondato sul rapporto equilibrato tra i bisogni sociali, l’attività economica e l’ambiente”; “…che il paesaggio coopera all’elaborazione delle culture locali e rappresenta una componente fondamentale del patrimonio culturale ed economico, contribuendo al benessere e alla soddisfazione degli esseri umani e al consolidamento dell’identità nazionale”. Obiettivi resi ancor più sentiti dalla campagna di educazione allo sviluppo sostenibile promossa dalla Commissione nazionale Italiana per l’UNESCO, titolata: “I paesaggi della bellezza dalla valorizzazione alla creatività”. Il concorso è rivolto a operatori “che hanno attivato iniziative e progetti dimostrando una particolare sensibilità nei confronti del Paesaggio”.

DSC_8670

Puglia – Peppe Zullo il cuoco-contadino di Orsara di Puglia (Foggia) mostra una piantina di borragine che cresce nella sua tenuta – Ph. © Ferruccio Cornicello – All rights reserved Feart ®

Non è la prima volta che Villa Jamele viene premiata per l’armonia delle sue strutture con il paesaggio e il rispetto dei criteri di eco sostenibilità. La tenuta di Peppe Zullo, infatti, nella primavera del 2013, è stata recensita dalla rivista “Solare Business” come una delle migliori strutture ecosostenibili per la ristorazione. “Energia pulita per il ristorante bio”: è questo il titolo che il periodico ha dedicato alla tenuta del “cuoco-contadino”. Nell’articolo pubblicato da “Solare Business” si legge che “Villa Jamele si caratterizza per un mix armonico di tradizione e innovazione, a partire dalla cucina del suo fondatore, Peppe Zullo, per arrivare ai criteri che hanno improntato la ristrutturazione dello stabile ottocentesco e la realizzazione delle moderne sale ricevimenti, progettate per rispondere al principio dell’efficienza energetica”. Sulla rivista, inoltre, si legge che “il sistema fotovoltaico si sposa perfettamente con l’attenzione all’ambiente che caratterizza il ristorante, specializzato nella produzione di prodotti biologici e tradizionali”. Per le camere d’albergo, realizzate in una dépendance situata in prossimità del ristorante, il proprietario ha infatti scelto di installare un sistema di pannelli solari termici che soddisfano il 60% circa del fabbisogno annuo di acqua calda sanitaria.

DSC_8702

Puglia – La parmigiana di borragine realizzata da Peppe Zullo il cuoco-contadino di Orsara di Puglia (Foggia) – Ph. © Ferruccio Cornicello – All rights reserved Feart ®

Villa Jamele è una struttura totalmente ecosostenibile non solo per l’utilizzo dell’energia solare e il recupero delle acque piovane, ma anche per la filosofia del “Km zero” adottata da Peppe Zullo. I prodotti utilizzati in cucina provengono innanzitutto dai 22.000 metri quadrati del suo orto, dai 35.000 metri quadrati di vigneto, dagli alberi da frutto e da un’azienda agricola capace di produrre cose di eccezionale qualità. La filosofia del “Km Zero” è un modo per far scoprire il territorio attraverso i suoi sapori, puntando su unicità, stagionalità, freschezza e tracciabilità assoluta dei prodotti utilizzati in cucina. Non è un caso, dunque, che Peppe Zullo per i matrimoni e gli eventi ospitati nelle sue strutture proponga menù “Dalla Terra alla Tavola”: il matrimonio è un atto d’amore e può esserlo a tutto tondo se improntato anche al rispetto per madre natura.

DSC_8180 copia

Puglia – Scorcio di Villa Jamele del suo enorme orto. La tenuta appartiene a Peppe Zullo il cuoco-contadino di Orsara di Puglia (Foggia) – Ph. © Ferruccio Cornicello – All rights reserved Feart ®

fonte: Villa Jamele

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su