Risveglio di interesse per Castiglione di Paludi. Sopralluogo di due sindaci: «Va recuperato grande gap storico di conoscenza e comunicazione»

GERACI-PALUDI-110215 (8)_opt

Calabria – Il sindaco di Corigliano Calabro (Cosenza), Giuseppe Geraci (a sin.) durante il suo sopralluogo nel sito archeologico di Castiglione di Paludi. A destra, lo studioso Palmino Maierù, gli illustra le imponenti rovine

di Redazione FdS

A pochi giorni dalla pubblicazione del nostro reportage sullo straordinario sito archeologico di Castiglione di Paludi (Cosenza), da anni oggetto di un inspiegabile e colpevole disinteresse, apprendiamo con soddisfazione la notizia del sopralluogo di due sindaci – quello di Paludi, Domenico Baldino, e quello di Corigliano Calabro, Giuseppe Geraci – che, accompagnati dallo studioso locale Palmino Maierù, hanno voluto considerare l’opportunità di azioni comuni per la valorizzazione del sito.

“Le grandi città della Sibaritide non possono più continuare ad occuparsi solo ed esclusivamente di ciò che interessa il governo cittadino. Non c’è progetto di sviluppo, in qualsiasi settore di intervento pubblico, che non sia ormai la risultante di un percorso e di un lavoro di squadra, tra più soggetti istituzionali e privati. Va recuperato, anzitutto, il grande gap storico di conoscenza e di comunicazione interna che persiste tra le istituzioni e le stesse comunità di una vasta area omogenea come la nostra.”

E’ quanto ha dichiarato Giuseppe Geraci, Sindaco di Corigliano Calabro (Cosenza), recatosi lo scorso 11 febbraio in visita al parco archeologico brettio di Castiglione di Paludi. Ad accoglierlo c’erano il Sindaco di Paludi Domenico Baldino e Palmino Maierù, appassionato di studi archeologici e tra i più dinamici animatori della valorizzazione del patrimonio locale. Dopo un breve incontro in Comune, nel corso del quale i due primi cittadini hanno condiviso la necessità di ripensare il dialogo inter-istituzionale nel territorio, intensificando anzitutto gli incontri e sintetizzando strategie e strumenti di rappresentanza più efficaci per l’intero comprensorio, Geraci è stato accompagnato in quello che è considerato dagli studiosi una delle più importanti e meglio conservate, imponenti e suggestive testimonianze di architettura militare (IV-III sec a.C.) della Magna Grecia.

Baldino ha espresso gratitudine per la visita e l’attenzione dimostrata da Corigliano rispetto ad una di quelle emergenze archeologiche che – ha detto - se valorizzate insieme da tutti i comuni e con tutti gli altri attrattori locali potrebbero rappresentare, così come altre esperienze dimostrano, utili leve di attrazione turistica destagionalizzata e quindi indiscutibili occasioni di crescita economica locale.

Soprattutto per le attese turistiche dell’intero territorio – ha aggiunto Geraci – la messa in rete dello straordinario patrimonio storico, culturale, architettonico, archeologico, in una parola identitario, esige un passaggio preliminare: la conoscenza diretta dei luoghi a noi limitrofi e la capacità di assumersi l’onere di interpretare le emergenze e le opportunità del territorio come se fossero della propria città. Perché il beneficio non può e non potrà che essere comune e condiviso. “Solo così – ha aggiunto – potremo forse ovviare a tanti errori di chiusura e municipalismi del passato che ci consegnano oggi una Sibaritide, ignota agli stessi residenti, divisa e priva di potere contrattuale a tutti i livelli. Possiamo contribuire a far partire un nuovo corso della storia e dello sviluppo locali.”

Una delle riflessioni stimolate dalla visita è stata quella secondo cui non può essere un piccolo comune di appena 1000 abitanti come Paludi ad occuparsi, da solo, della riqualificazione e della valorizzazione di un sito che, per grandezza, importanza ed unicità, rappresenta un patrimonio esclusivo dell’intero territorio, al pari del Codex Purpureus di Rossano, del Castello Ducale di Corigliano, del Parco archeologico e del Museo della Sibaritide, dell’Elefante di Campana, delle Grotte di S.Angelo a Cassano, della cittadella medioevale di Cariati o del Castello di Rocca Imperiale, solo per fare qualche esempio. “Come Sindaco della Città più grande del territorio – ha concluso Geraci – non posso non sentire anzitutto su di noi l’onore e l’onere di avviare, d’intesa con tutti i colleghi dell’area che incontrerò, una stagione di più efficace e condivisa attenzione sul nostro grande e spesso sconosciuto patrimonio, tra le leve più importanti dello sviluppo sostenibile dei prossimi anni.”

Risveglio di interesse per Castiglione di Paludi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PHOTOGALLERY

Visita sindaci a Castiglione di Paludi

I sindaci di Paludi, Domenico Baldino (a sin.) e di Corigliano Calabro, Giuseppe Geraci (al centro), visitano il sito archeologico di Castiglione di Paludi, accompagnati da Palmino Maierù

Visita sindaci a Castiglione di Paludi

Il sindaco di Corigliano Calabro (Cosenza), Giuseppe Geraci (a sin.) durante il suo sopralluogo nel sito archeologico di Castiglione di Paludi. A destra, lo studioso Palmino Maierù gli illustra le imponenti rovine

Visita sindaci a Castiglione di Paludi

I sindaci di Paludi, Domenico Baldino (a sin.) e di Corigliano Calabro, Giuseppe Geraci (a destra), visitano Castiglione di Paludi, accompagnati da Palmino Maierù (al centro)

Visita sindaci a Castiglione di Paludi

Scorcio degli imponenti resti della cinta muraria di Castiglione di Paludi, IV-III sec. a.C.

Visita sindaci a Castiglione di Paludi

Scorcio degli imponenti resti della cinta muraria di Castiglione di Paludi, IV-III sec. a.C.

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

quattro + dodici =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su