Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato progetto integrato di cineturismo

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Basilicata - Cineturismo a Matera – Ph. © Angela Capurso | Photo gallery a fondo pagina

Basilicata – Cineturismo a Matera – Ph. © Angela Capurso | Photo gallery a fondo pagina

di Angela Capurso

C’è un passaggio che mi sfugge nella storia urbana di Matera. L’horror pleni. La città ha destato interesse dopo essersi svuotata. Cosa che accade con i paesi fantasma! “uando l’orrore e la pietà restituiscono il senso tragico del tempo, che scivola impercettibile e consuma, e da cui deriva il senso estetico di rovine e abbandoni. L’aspetto scabro, pallido e macilento di una città che ha perduto la sua polpa e il suo sangue incute orrore e pietà e sembra rispondere allo sguardo delle gravine con vuoteorbite cieche. quanto più si spopolava, tanto più Matera attraeva visitatori. Vennero sociologi, urbanisti, architetti, artisti, scrittori! fotografi e giornalisti. Vennero soprattutto i cineasti, folgorati dalla formidabile quinta che i panorami di Matera potevano offrire, senza trucco, o quasi.

Matera, la murgia e le colline circostanti sono ontologicamente arcaiche e pertanto mitiche e atemporali. Vi si può ambientare ogni storia. Pier Paolo Pasolini, dopo il viaggio in Israele, ormai irrimediabilmente perso per i segni devastanti della modernità, concluse che Gerusalemme e la Galilea erano in Basilicata. E così è stata Sicilia per Alberto Lattuada o Realzisa, città immaginaria sconvolta dalla guerra civile spagnola, per Fernando Arrabal. La “scoperta” hollywoodiana è avvenuta quarant’anni dopo, con Mel Gibson (2004) e da quel momento i picchi d’interesse sono in continua ascesa. E’ chiaro che tra il Gesù-Irazoqui contadino e artigiano e il Gesù-Caviezel supereroe, come ha sottolineato Alessandro Calvi (Paracarri,
Soveria Mannelli, 2015) passa la stessa distanza che c’è tra i Sassi abitati da uomini e animali di ieri e i Sassi degli alberghi e dei ristoranti di lusso di oggi, mettendoci in guardia dal pericoloso sentore di una incontrollata Materashire di polistirolo. E’ quanto coralmente hanno assicurato i relatori, gli ospiti istituzionali, tra cui il sindaco di Matera Raffaele De Ruggieri, e i cineasti presenti nelle giornate del “Basilicata Cineturismo Experience”, a cura del Gruppo di Azione Locale Bradanica, presieduto da Leonardo Braico, appena concluse a Miglionico, nella suggestiva cornice del Castello del Malconsiglio e a Matera, dove gli ospiti hanno sperimentato itinerari diurni e notturni di “Movie tour”, guidati da Francesco Foschino.

Il turista, oggi, non è più per caso: tra turista e viaggiatore il divario può accorciarsi, anche perché la lista dei luoghi inesplorati si assottiglia sempre più e, d’altro canto, i viaggi generalisti attraggono sempre meno. Fra le proposte di promozione territoriale compaiono percorsi e itinerari artistici e musicali, in occasione di manifestazioni e eventi, viaggi di studio, letterari, filosofici, archeologici, biografici, viaggi enogastronomici, termali e di benessere, religiosi, fotografici, folclorici e via così. In questa occasione sono promossi viaggi alla ricerca dei “magnifici set”, per citare l’efficace titolo di uno dei numerosi libri e guide (G. Todaro) di letteratura cineturistica degli ultimi anni, all’interno di una proposta di conoscenza del territorio plurima e diversificata. Proprio su questa pista di ricerca si è mosso il progetto di Giuseppe Lalinga del Gal. Se ogni film è un viaggio e i fotogrammi di quel viaggio sono entrati nell’immaginario collettivo, nasce il desiderio di “esserci” e di ritrovare il già visto o il sognato. Il movie tour ha spiegato Michelangelo Messina, presidente dell’Osservatorio nazionale del Cineturismo, nonché creatore del neologismo e fondatore del Film Festival di Ischia, è un settore in ascesa ovunque e la Basilicata, proprio per le sue dimensioni contenute, rappresenta la migliore delle scelte per realizzare un esempio nazionale di buone pratiche di marketing e management nel settore. Alle iniziative di promozione globale dell’APT Basilicata, ricordate da Stefania Bruni, si connettono nello specfico le azioni della Lucana Film Commission, su cui si è espresso Paride Leporace, non solo in termini di potenzialità territoriali, programmate e disciplinate, quanto in termini di ricaduta occupazionale e d’immagine.

Veniamo agli artisti: hanno raccontato le loro esperienze e l’efficacia del rapporto territorio-cultura-cinema! i registi Cinzia Th Torrini, per la prima volta a Matera dove ambienterà la sua nuova fiction, Nico Cirasola, autore del celebre “Focaccia blues” (2009) e Giuseppe Marco Albano, autore dello spot cineturistico “Matera is more than a film”, proiettato anche a Milano (Teatro Verme, 26/10/2015) in occasione dell’incontro con Francis Ford Coppola “Ritrovare le radici per incontrare il futuro: la mia Basilicata”. Anche dai fotografi lucani, ciascuno con il proprio linguaggio creativo e evocativo, giungono visioni uniche di un percorso immaginario ed emozionale nella collina materana. A Miglionico sono esposti gli scatti dei dodici fotografi (Barbara Burzo, Angela Capurso, Fabio Sirago, Francesco La Centra, Claudio Marchese, Nilde Mastrosimone de Troyli, Paolo De Novi, Nino Oriolo, Claudia Venezia, Mario Di Gioia, Michele Morelli, Roberto Camerini) selezionati per la prima Biennale di fotografia dedicata alla Basilicata, “Travel Food Eperience”, ideata dal GAL per Fuori Expo e presentata da Giorgio Grasso a Milano, nel Mondadori Multicenter di via Marghera, il 18 settembre 2015.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. GAL Bradanica

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Castello di Miglionico (Matera) - Ph. © Angela Capurso

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. © Angela Capurso

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. © Angela Capurso

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. © Angela Capurso

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. © Angela Capurso

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. © Angela Capurso

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. © Angela Capurso

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. © Angela Capurso

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Ph. GAL Bradanica

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Mostra fotografica - Ph. GAL Bradanica

Vivi il cinema a Matera e in Basilicata. Lanciato un progetto integrato di cineturismo

Mostra fotografica - Ph. GAL Bradanica

 
CON GLI OCCHI, CON LE MANI Blog
 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su