Ospiti del salotto di Rossini. A Giovinazzo lo spumeggiante spettacolo dedicato al grande compositore

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Gioachino Rossini in una vignetta francese del 1867

Gioachino Rossini in una vignetta francese del 1867

di Redazione FdS

Il Gruppo Teatro Moduloesse, il prossimo 11 settembre alle 20.30, per la 17a Rassegna Nazionale Giovinazzo Teatro, presenta lo spettacolo “Una serata a Passy in casa Rossini”, soggetto di Adriano Cirillo, testo e regia di Franco Martini. Nei panni di Rossini: Franco Martini. Nei ruoli dei musicisti ospiti: il pianista Adriano Cirillo (Gaetano Donizetti), il pianista Rocco Cianciotta (George Bizet), il violoncellista Luca de Falco (Gaetano Braga), il baritono Giuseppe Naviglio (Luigi Zamboni, primo Figaro ne Il Barbiere di Siviglia).

“Una serata a Passy in casa Rossini” è un omaggio affettuoso e ‘leggero’ a Gioacchino Rossini in occasione del 56esimo anniversario ‘olimpico’ della sua nascita, avvenuta l’ultimo giorno di febbraio del 1792, anno bisestile (una delle tante bizzarrie che costellano la biografia del grande Pesarese), e dei duecento anni del “Barbiere”. Lo spettacolo, già abbozzato dal Maestro Adriano Cirillo nel 2012 per il Teatro Bacchus di Besançon, intende rico- struire una di quelle soirées che si svolgevano (solitamente di venerdì) nella casa parigina del compositore e alle quali tutti i più importanti artisti (e non solo musicisti) dell’epoca ambivano essere invitati, per rendere onore a quella leggenda vivente che era Gioacchino Rossini, considerato all’epoca, quasi concordemente, il più grande musicista di tutti i tempi.

Villa Rossini a Passy

Villa Rossini a Passy

Il Maestro, che aveva repentinamente quanto misteriosamente smesso di comporre per il teatro nel 1829 e aveva già trascorso molti anni in Francia, visse l’ultimo decennio a Passy presso Parigi, in compagnia della sua seconda moglie, la bellissima Madame Olympe Pelissier, una donna che altrettanto incredibilmente aveva di colpo abbandonato il bel mondo, di cui era stata una corteggiata protagonista, per dedicarsi anima e corpo all’assistenza di un uomo di malferma salute e un po’ ipocondriaco, se non peggio.

Nella sua accogliente dimora parigina, Rossini e i suoi rinomati ospiti, di varie nazionalità, commentavano i fatti del giorno e le tendenze artistiche del momento, oltre a fare, ovviamente, della buona musica, con esecuzioni di brani composti dagli ospiti o dallo stesso padrone di casa (che non si negava certo alla Musica, seppure frammentariamente e ‘giocosamente’, neanche nel buen retiro francese). Le serate si concludevano poi intorno a una tavola su cui venivano servite anche le invenzioni culinarie del Maestro, ormai celebre anche come raffinatissimo gourmet: nell’anima del grande compositore la gastronomia aveva preso il posto dell’Opera!

Una nota sul testo. A parte il ‘colore’ e lo humor, i contenuti (fatti e parole) dello spettacolo sono pressoché tutti autentici, nel senso che provengono da fonti documentarie, con trascrizioni talvolta letterali (giudizi di contemporanei, lettere di Rossini o di amici, scritti autobiografici, un testamento…).

Auditorium don Tonino Bello, Giovinazzo (Bari)
Via Martiri di Via Fani, Parrocchia Immacolata – zona 167
ore 20.30
Ingresso con prenotazione
Info. 347.58.62.707
Info: www.moduloesse.altervista.org

IL LUOGO

 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su