Online le lettere di Luigi Vanvitelli, architetto della Reggia di Caserta

Giacinto Diano, Ritratto di Luigi Vanvitelli, XVIII secolo - Reggia di Caserta

Giacinto Diano, Ritratto di Luigi Vanvitelli (part.), XVIII secolo – Reggia di Caserta

di Redazione FdS

25 maggio 1751: è la data di una lettera, quella con cui ha inizio la storia della Reggia di Caserta, lo splendido palazzo reale voluto dal re di Napoli Carlo di Borbone. A spedirla è l’architetto napoletano di padre olandese Luigi Vanvitelli (Napoli, 1700 – Caserta, 1773), già attivo con successo soprattutto a Roma – dove la sua famiglia si era trasferita pochi anni dopo la sua nascita – e nell’Italia centrale. Affermatosi come uno dei maggiori interpreti del Rococò e del Classicismo, fu chiamato da Carlo di Borbone deciso a costruire una nuova residenza reale che emulasse i fasti di Versailles nei pressi del borgo medievale di Casertavecchia.
 

Lettera di Luigi Vanvitelli al fratello Urbano in cui gli parla della Reggia di Caserta, 1751

Lettera di Luigi Vanvitelli al fratello Urbano in cui gli parla della Reggia di Caserta, 1751 – Archivio Storico Reggia di Caserta

Luigi ne dà quindi notizia, tramite quella lettera, al fratello Urbano, abate della chiesa romana di San Giovanni dei Fiorentini, informandolo che sta per recarsi a Caserta per tracciare insieme a un capomastro e a un capo scalpellino il perimetro dell’area su cui verrà edificata la Reggia. Il re Carlo di Borbone ha infatti presentato alla corte il progetto selezionato, congratulandosi con il Vanvitelli e destinando una somma di 50.000 ducati l’anno per i lavori, il cui inizio è fissato per l’1 gennaio 1752.
 

Scorcio della Reggia di Caserta

Scorcio della Reggia di Caserta

Quella menzionata è solo una delle lettere originali di Luigi Vanvitelli ora digitalizzate in formato TIFF grazie all’accurato lavoro dell’Archivio Storico della Reggia di Caserta che culminerà nella prossima disponibilità online di oltre 1500 documenti. La banca dati conterrà anche altre importanti testimonianze delle collezioni del Museo della Reggia.
 

Jakob Philipp Hackert, Veduta di Caserta, olio su tela, XVIII sec. - Museo dell'Hermitage, S. Pietroburgo

Jakob Philipp Hackert, Veduta di Caserta, olio su tela, XVIII sec. – Museo dell’Hermitage, S. Pietroburgo

Scritte dall’architetto tra il 1751 e il 1768, le lettere sono indirizzate principalmente al fratello Urbano e alla moglie Olimpia Starich. L’epistolario è contenuto in 16 fascicoli riposti in scatole protettive a pH neutro presso la Biblioteca Palatina. Il fascicolo relativo all’anno 1758, 80 lettere per 82 fogli, è stato gentilmente concesso in prestito dalla Società di Storia Patria di Terra di Lavoro. La preziosissima documentazione nei prossimi anni sarà oggetto di restauro al fine di rallentare l’ossidazione degli inchiostri e riparare i danni meccanici al supporto cartaceo.
 

Lettera di Luigi Vanvitelli

Lettera di Luigi Vanvitelli – Archivio Storico Reggia di Caserta

L’archivio storico quale fonte di memoria costituisce il deposito di conoscenza da tutelare, e la digitalizzazione dei documenti assume in tal senso una valenza strategica per la Reggia di Caserta. La dematerializzazione consente infatti di preservare straordinarie testimonianze e nel contempo di renderle accessibili, affinché il pubblico e gli studiosi possano liberamente consultarle. Un processo di diffusione della cultura che restituisce al museo una delle sue funzioni principali: la trasmissione del sapere.
 

Jakob Philipp Hackert, Il Giardino Inglese della Reggia di Caserta, olio su tela, XVIII sec.

Jakob Philipp Hackert, Il Giardino Inglese della Reggia di Caserta, olio su tela, XVIII sec. – Reggia di Caserta

In quest’ottica, la Direzione della Reggia di Caserta, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 “Istruzione di qualità” e “Ridurre le diseguaglianze”, ha impresso un forte impulso alle attività di digitalizzazione del patrimonio archivistico del Complesso vanvitelliano che andranno avanti nei prossimi mesi con i fondi più antichi della raccolta.
 

Jakob Philipp Hackert, Giardino Inglese della Reggia di Caserta, olio su tela, XVIII sec.

Jakob Philipp Hackert, Giardino Inglese della Reggia di Caserta, olio su tela, XVIII sec. – Reggia di Caserta

E’ stato inoltre avviato il processo di costituzione dell’Archivio corrente del Museo Reggia di Caserta, diventato istituto autonomo del MiBACT nel 2014, quale produttore culturale e in quanto tale depositario di nuove memorie da tramandare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Jakob Philipp Hackert - Acquedotto Carolino, olio su tela, XVIII sec. - Cleveland Museum of Art

Jakob Philipp Hackert, Acquedotto Carolino, gouache, 1789 – Cleveland Museum of Art

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su