Lanciata la Stagione 2019 del Teatro Petruzzelli: prestigiosi allestimenti d’opera, concerti e danza contemporanea

Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. NH53 | ccby2.0

Teatro Petruzzelli, Bari – Ph. NH53 | ccby2.0

di Redazione FdS

Un cartellone ricco di appuntamenti per l’opera, il balletto e i concerti caratterizzerà la Stagione 2019 del Teatro Petruzzelli di Bari, presentata in conferenza stampa pochi giorni fa presso il foyer del politeama pugliese. L’offerta comprende 8 appuntamenti d’Opera (per 9 titoli), fra cui tre nuovi allestimenti del Petruzzelli, un appuntamento dedicato alla danza contemporanea, lo spettacolo di clownerie che ha commosso ed emozionato tutto il mondo e 20 appuntamenti concertistici, per un totale di ben 102 alzate di sipario (un oggettivo incremento tenendo conto delle 82 della stagione 2018). Si tratta di un cartellone compilato nel segno della qualità, con la promessa di regalare al pubblico grandi emozioni.

A presentarlo c’erano il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il sindaco di Bari, Antonio Decaro, e il Sovrintendente della Fondazione Petruzzelli, Massimo Biscardi“Il nuovo corso del Petruzzelli – ha detto Emilianoha confermato le aspettative del pubblico di questo straordinario Teatro. Oggi possiamo dire di aver riposto la giusta fiducia nei confronti di un contenitore culturale che ha una grande responsabilità: quella di contribuire in modo concreto alla crescita della comunità, con una cura verso i giovani che, ostinatamente, continua ad essere al centro dell’attenzione del management della Fondazione Petruzzelli.” Ha quindi spiegato come la Regione Puglia, oltre al finanziamento ordinario, abbia garantito con un finanziamento straordinario l’omologazione del piano di risanamento e la sua attuazione, ed ha segnalato l’avvenuto incremento delle produzioni interne, come il Simon Boccanegra di Giuseppe Verdi, senza che ciò abbia comportato un aumento di costi. Ha inoltre evidenziato il significato importante della scelta di artisti prestigiosi come Martha Argerich e Krystian Zimerman di tornare al Teatro Petruzzelli, ed ha infine rimarcato come la presenza in cartellone dell’Eugenij Onegin dell’Helikon Opera Moscow sia un’espressione del ponte esistente fra Puglia e Russia nel nome della grande musica e del teatro lirico di grande qualità.

Quella del 2019 – ha commentato il sindaco Decaro –  sarà un’altra stagione di successo per la Fondazione Petruzzelli che insieme al suo Teatro è riuscita in questi anni a superare importanti momenti di difficoltà dimostrando peraltro di sapersi rialzare e diventando più forte di prima. “Gran parte di questo successo – ha sottolineato –  lo si deve alle tante maestranze, ai professionisti, alle istituzioni che hanno sempre sostenuto il Teatro e ai cittadini baresi che hanno fatto questo percorso insieme a noi. Perché il successo più importante che possiamo augurarci all’inizio di una nuova stagione è che tutti i bambini che lo scorso anno sono entrati in teatro chiedano ai loro genitori di tornarci per assistere a uno spettacolo, che sia un concerto, un balletto, o un’opera”. E proprio riferendosi al pubblico più giovane ha ricordato come lo scorso anno ben 18.790 ragazzi abbiano varcato la soglia del Petruzzelli, ed ha anticipato la presenza, fra le novità di punta del nuovo cartellone, dello Slava’s SnowShow di Slava Polunin, il clown che ha conquistato il pubblico di tutto il mondo con la magia della sua arte e gli effetti speciali da egli stesso creati. Infine, proprio in vista dell’avvio di un cartellone con proposte di straordinaria qualità e di respiro internazionale, ha voluto menzionare “la professionalità di tutti i lavoratori della Fondazione, dall’Orchestra, al Coro, ai tecnici, agli amministrativi e a tutti quelli che rendono possibile alzare il sipario e andare in scena, dal primo all’ultimo giorno di ogni stagione”.

Il Soprintendente Biscardi si è a sua volta profuso in una serie di ringraziamenti per quanti si sono prodigati affinché il Teatro Petruzzelli tornasse a ripercorrere la strada di quel prestigio che in passato lo ha reso uno dei più importanti teatri europei. “Ringrazio sentitamente – ha detto – le istituzioni che hanno creduto in noi e nella rinascita del Teatro Petruzzelli. Il Consiglio di Indirizzo che con professionalità e impegno ha lavorato per rendere possibili conquiste importanti. Il Collegio dei Revisori dei Conti che con attenzione segue ogni nostro passo. Il Direttore stabile della nostra Orchestra ed al Maestro del nostro Coro. Lo staff e tutti i lavoratori miei compagni di avventura che stanno operando con rigore e impegno per tenere alto il nome della 14ma Fondazione lirico-sinfonica italiana che, passo dopo passo, si è guadagnata il rispetto di tutto il mondo musicale. Il pubblico che ci sostiene dimostrando apprezzamento per la nostra programmazione e in particolare i giovanissimi spettatori a cui dedichiamo sempre maggiore attenzione, attraverso iniziative come i Family Concert, i matinèe per le scuole, le Opere per ragazzi. 

La Stagione 2019 - ha aggiunto – vede una grande novità, la Fondazione Petruzzelli torna a produrre suoi spettacoli in collaborazione con grandi realtà internazionali, come avverrà per l’apertura, con il Simon Boccanegra. Riscoprendo come punto di partenza il fascino della sua storia passata e creando qualcosa di nuovo con Die Walküre. Producendo un allestimento totalmente nuovo con La Bohème. Il tutto, avvalendoci dell’opera di grandi registi, scenografi, costumisti. A chi spesso mi ricorda il passato, gli anni ’80, senza rinnegare ciò che è stato, vorrei chiedere di aver fiducia nell’evoluzione che il Petruzzelli sta affrontando nei tempi moderni, trasformandosi in uno dei luoghi più importanti della musica classica nel mondo. L’obiettivo è percorrere una via virtuosa, contenendo i costi, privilegiando la qualità, sulla scia dei grandi Teatri di produzione artistica internazionali. Il Petruzzelli deve essere un luogo di crescita, aperto a tutti coloro che hanno sete di cultura, di musica, di intelligenza. Per questo – ha concluso - estendo a tutti il nostro invito a Teatro ed a considerare questo luogo un’occasione per provare emozioni nuove, fruire della bellezza, tornare a casa più felici”.

IL CARTELLONE

L’apertura della Stagione d’Opera e di Balletto 2019 è in programma domenica 27 gennaio alle 18.00, con Simon Boccanegra di Giuseppe Verdi, nuovo allestimento scenico della Fondazione Teatro Petruzzelli, in coproduzione con Fondation pour l’Art Musical, Lyrique et Chorégraphique-Opéra de Lausanne e Slovene National Theatre Maribor. Sul podio dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli Jordi Bernàcer, regia di Arnaud Bernard. Maestro del Coro Fabrizio Cassi.

Sabato 19 gennaio alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli avrà luogo la Conversazione sull’Opera, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, dedicata a Simon Boccanegra, a cura di Giovanni Gavazzeni.

Sabato 23 febbraio alle 18.00 andrà in scena Madama Butterfly di Giacomo Puccini, allestimento scenico della Fondazione Teatro Petruzzelli, per la direzione di Giampaolo Bisanti (direttore stabile dell’Orchestra del Teatro) e la regia di Daniele Abbado. Maestro del Coro Fabrizio Cassi.

Giovedì 14 febbraio alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli avrà luogo la Conversazione sull’Opera, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, dedicata a Madama Butterfly a cura di Giovanni Bietti.

Mercoledì 13 marzo alle 20.30 è in programma Slava’s SnowShow. Ideato e messo in scena da Slava Polunin, considerato “il miglior clown del mondo”, questo spettacolo è considerato “un classico del teatro del XX secolo” (The Times, Londra), visto in decine di Paesi, centinaia di città, migliaia di volte da milioni di spettatori.

Mercoledì 10 aprile alle 20.30 è in cartellone Die Walküre (La Valchiria) di Richard Wagner, nuovo allestimento scenico della Fondazione Teatro Petruzzelli, dall’idea scenica originale del 2009, per la direzione di Stefan Anton Reck e la regia di Walter Pagliaro. Maestro del Coro Fabrizio Cassi.

Mercoledì 3 aprile alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli avrà luogo la Conversazione sull’Opera, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, dedicata a Die Walküre a cura di Stefano Catucci.

Sabato 22 giugno alle 18.00 sarà la volta di Tosca di Giacomo Puccini, allestimento scenico della Fondazione Teatro Regio di Parma, diretto da Antonio Pirolli (22, 23, 27, 28, 29, 30 giugno, 2 e 3 luglio) e Alvise Casellati (25, 26 giugno) e per la regia di Joseph Franconi Lee (da un’idea di Alberto Fassini). Maestro del Coro Fabrizio Cassi.

Giovedì 13 giugno alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli avrà luogo la Conversazione sull’Opera, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, dedicata a Tosca a cura di Sandro Cappelletto.

Sabato 14 settembre alle 18.00 andrà in scena Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini, allestimento scenico del Rossini Opera Festival di Pesaro, per la direzione di Renato Palumbo e la regia di Pier Luigi Pizzi. Maestro del Coro Fabrizio Cassi.

Giovedì 5 settembre alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli avrà luogo la Conversazione sull’Opera, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, dedicata a Il barbiere di Siviglia a cura di Andrea Estero.

Sabato 19 ottobre alle 18.00 doppio appuntamento con la direzione di Renato Palumbo: La voix humaine di Francis Poulenc, allestimento scenico del Teatro Comunale di Bologna per la regia di Emma Dante e Cavalleria rusticana allestimento scenico della Fondazione Teatro Petruzzelli di Pietro Mascagni, per la regia di Michele Mirabella, maestro del Coro Fabrizio Cassi.

Sabato 12 ottobre alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli avrà luogo la Conversazione sull’Opera, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, dedicata a La voix humaine ed a Cavalleria rusticana a cura di Carla Moreni.

Mercoledì 13 novembre alle 20.30 è in programma Eugenij Onegin di Pëtr Il’ič Čajkovskij, produzione e allestimento scenico dell’Helikon Opera Moscow, con la direzione di Valery Kiryanov e la regia di Dimitry Bertman, dall’originale storico di Konstantin Stanislavsky. Maestro del Coro Fabrizio Cassi.

Mercoledì 6 novembre alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli avrà luogo la Conversazione sull’Opera, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, dedicata a Eugene Onegin a cura di Jacopo Pellegrini.

Giovedì 21 novembre alle 20.30 arriva la grande danza con Ballet Preljocaj di Angelin Preljocaj che proporrà lo spettacolo La Fresque (dal racconto cinese “La pittura sul muro”).

A chiudere la Stagione d’Opera 2019 sarà La Bohème di Giacomo Puccini, nuovo allestimento scenico della Fondazione Teatro Petruzzelli, per la direzione di Giampaolo Bisanti e la regia di Hugo De Ana. Maestro del Coro Fabrizio Cassi. La prima dell’opera è in cartellone mercoledì 18 dicembre alle 20.30.

Mercoledì 11 dicembre alle 19.00, nel foyer del Teatro Petruzzelli avrà luogo la Conversazione sull’Opera, ad ingresso libero fino ad esaurimento posti, dedicata a La Bohème a cura di Angelo Foletto.

La Stagione Concertistica 2019

Quest’anno propone ben 20 appuntamenti (due in più rispetto al 2018) e vedrà protagoniste top star del panorama internazionale, con l’Orchestra e il Coro della Fondazione Petruzzelli ed un appuntamento con l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo. L’apertura della Stagione è in programma sabato 5 gennaio alle 19.00. Sul podio dell’Orchestra del Teatro il maestro Stefan Anton Reck dirigerà Turangalîla – Symphonie, per pianoforte, onde Martenot e grande orchestra di Olivier Messiaen. Solista d’eccezione Pierre Laurent Aimard (pianoforte).

Lunedì 14 gennaio alle 20.30 è in programma il concerto di Krystian Zimerman (pianoforte).

Venerdì primo febbraio alle 20.30 è in cartellone il concerto del Pavel Haas Quartet, composto da Veronika Jarůšková (violino), Marek Zwiebel (violino), Jiří Kabát (viola), Peter Jarůšek (violoncello). In programma Quartetto n.2 in re minore di Bedřich Smetana, Quartetto n.1 “Sonata Kreutzer” di Leóš Janáček e Quartetto n.3 in mi bemolle minore, op. 30 di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Domenica 10 febbraio alle 19.00 Giampaolo Bisanti dirigerà l’Orchestra del Teatro Petruzzelli. Solista Jan Lisiecki (pianoforte). In programma: Concerto n.3 in do minore per pianoforte e orchestra, op. 37 di Ludwig van Beethoven e Sinfonia n.2 in Do maggiore op. 61 di Robert Schumann.

Venerdì 15 febbraio alle 20.30 è in cartellone il recital di Maxim Vengerov (violino) e Polina Osetinskaya (pianoforte). In programma: Sonata, in si bemolle maggiore di Wolfgang Amadeus Mozart, Fantasie, in do maggiore di Franz Schubert, Poème, op. 25 di Ernest Chausson, Sonata n. 3, in re minore, “Georges Enescu” di Eugène Ysaÿe, Havanaise, in Mi maggiore, op. 83 Introduction et rondò capriccioso, in la minore, op. 28 di Camille Saint-Saëns.

Domenica 10 marzo alle 19.00 è in cartellone il concerto di Isabelle Faust (violino), con un programma tutto dedicato a Johann Sebastian Bach che propone: Sonata n. 1 in sol minore BWV 1001, Partita n. 1 in si minore BWV 1002 Sonata n. 2 in la minore, BWV 1003, Partita n. 3 in Mi maggiore BWV 1006, Sonata n. 3 in Do maggiore BWV 1005 e Partita n. 2 in re minore BWV 1004.

Martedi 19 marzo alle 20.30 Ryan Mc Adams dirigerà l’Orchestra del Teatro Petruzzelli, solista Hakan Hardenberger (tromba). In programma Four sea interludes, dall’opera “Peter Grimes”, op. 33 di Benjamin Britten, Concerto per tromba e orchestra “Nobody knows the trouble I see” di Bernd Alois Zimmermann e Sinfonia n.5, in re minore, op.47 di Dmitrij Šostakovič.

Sabato 23 marzo alle 19.00 Renato Palumbo dirigerà l’Orchestra e il Coro del Teatro Petruzzelli. Maestro del Coro Fabrizio Cassi. Solisti del concerto: Maria Teresa Leva (soprano), Silvia Beltrami (mezzosoprano), Luciano Ganci (tenore), Roberto Scandiuzzi (basso). In programma Messa da Requiem per soli, coro e orchestra di Giuseppe Verdi.

Mercoledi 15 maggio alle 20.30 un appuntamento di particolare prestigio con l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, diretta da Yuri Temirkanov, con la solista Sayaka Shoji (violino). In programma: Concerto per violino e orchestra in Re Maggiore, op. 35 e Sinfonia n.6 in si minore, op. 74 “Patetica” di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Giovedi 30 Maggio alle 20.30 sarà la volta del recital di Angela Hewitt (pianoforte) con un programma tutto dedicato a Johann Sebastian Bach che propone Toccata in do minore, BWV 911, Toccata in sol maggiore, BWV 916, Toccata in fa diesis minore, BWV 910, Toccata in mi minore, BWV 914, Toccata in re minore, BWV 913, Toccata in sol minore, BWV 915, Toccata in re maggiore, BWV 912 e Fantasia cromatica e Fuga in re minore, BWV 903.

Sabato 8 giugno alle 19.00 Giampaolo Bisanti dirigerà l’Orchestra, il Coro femminile del Teatro Petruzzelli e il Coro di Voci Bianche. Maestro del Coro Fabrizio Cassi, solista Annely Peebo (contralto). In programma la Sinfonia n. 3, in re minore, in sei tempi per contralto, coro femminile, coro di voci bianche e orchestra di Gustav Mahler.

Venerdì 27 settembre alle 20.30 Sasha Goetzel dirigerà l’Orchestra del Teatro Petruzzelli. Solista Beatrice Rana (pianoforte). Il programma propone la prima esecuzione assoluta di The fairy circles, nuova composizione di Michele Dall’Ongaro, commissionata dalla Fondazione Petruzzelli, Concerto n.3 op.26 in Do maggiore per pianoforte e orchestra op. 26 di Sergej Sergeevič Prokof’ev e L’Uccello di fuoco, versione 1945 di Igor Stravinskij.

Mercoledi 2 ottobre alle 20.30 Ottavio Dantone dirigerà l’Orchestra e il Coro del Teatro Petruzzelli. Maestro del Coro Fabrizio Cassi. Solisti: Roberta Invernizzi (soprano), Josè Maria Lo Monaco (mezzosoprano), Patrick Grahl (tenore), Luigi De Donato (basso). In programma: Requiem in re minore, per soli, coro e orchestra KV 626 di Wolfgang Amadeus Mozart.

Domenica 6 ottobre alle 19.00 sarà la volta dell’Artemis Quartett composto da Vineita Sareika (violino), Anthea Kreston (violino), Gregor Sigl (viola) ed Eckart Runge (violoncello). In programma: Quartetto per archi n. 12, in do minore, D. 703, “Quartettsatz” di Franz Schubert, Quartetto per archi n. 6, in Re maggiore, SZ 114 di Béla Bartók e Quartetto per archi n. 15, in Sol maggiore, op. 161, D. 887 di Franz Schubert.

Lunedi 21 ottobre alle 20.30 è in cartellone il recital di Benjamin Grosvenor (pianoforte) che proporrà un programma dedicato a Blumenstück, in re bemolle maggiore, op.19 e Kreisleriana, otto fantasie per pianoforte, op. 16 di Robert Schumann, Sonata 1.X.1905, in mi bemolle minore, VIII/19 di Leoš Janáček, Visions Fugitives per pianoforte, op. 22 di Sergej Prokofiev e Réminiscences de Norma basato su temi dell’opera “Norma” di Vincenzo Bellini, LW A77 di Vincenzo Bellini/Franz Liszt.

Venerdi 1 novembre alle 19.00 saranno in concerto al Petruzzelli Viktoria Mullova (violino) ed Alasdair Beatson (pianoforte) con un programma tutto dedicato a Ludwig van Beethoven che propone Sonata n. 4, in la minore, per violino e pianoforte, op. 23, Sonata n. 5, in Fa maggiore, per violino e pianoforte, op. 24 “La Primavera” e Sonata n. 9, in La maggiore, per violino e pianoforte, op. 47 “A Kreutzer”.

Sabato 9 novembre alle 19.00 saranno di scena Sol Gabetta (violoncello) e Nelson Goerner (pianoforte). In programma Sonata n. 1 in re maggiore per violino e pianoforte, op. 137 n. 1, D. 384 (arr. per violoncello e pianoforte) di Franz Schubert, Sonata n. 1 in sol maggiore per violino e pianoforte, op. 78 (arr. per violoncello e pianoforte in re maggiore) e Sonata n. 1 in mi minore per violoncello e pianoforte, op. 38 di Johannes Brahms.

Giovedì 28 novembre alle 20.30 Sasha Goetzel dirigerà l’Orchestra ed il Coro del Teatro Petruzzelli. Solista Edgar Moreau (violoncello). Maestro del Coro Fabrizio Cassi. In programma Sinfonia concertante, in mi minore, per violoncello e orchestra, op. 125 di Sergej Prokofiev, Ajace, cantata per coro e orchestra, su di un testo di V. Cardarelli (1940) di Orazio Fiume e Boléro di Maurice Ravel.

Domenica 8 dicembre alle 19.00 è in programma il recital di Piotr Anderszewski (pianoforte) che proporrà Tre preludi e Fughe, dal “Clavicembalo ben temperato”, vol. II di Johann Sebastian Bach, Variazioni op.27 di Anton Webern e 33 Variazioni in Do maggiore su un valzer di Diabelli, op. 120 di Ludwig van Beethoven.

Domenica 15 dicembre alle 19.00 chiuderà la stagione il concerto della Franz Liszt Chamber Orchestra, diretta da Gabor Takacs-Nagy con due solisti d’eccezione Martha Argerich ed Eduardo Hubert che proporranno un programma dedicato a Prélude à l’après-midi d’un faune, L 87 (trascrizione per due pianoforti) di Claude Debussy, 6 studi in forma di canone, op. 56 (trascrizione per due pianoforti) di Robert Schumann/Claude Debussy e Concerto n.1 in Do maggiore, per pianoforte e orchestra op. 15 di Ludwig van Beethoven.

La Campagna Abbonamenti 2019 per la Stagione d’Opera e di Balletto e per la Stagione Concertistica comincerà martedì 25 settembre, con la prelazione dedicata agli abbonati alle Stagioni 2018 che si concluderà giovedì 25 ottobre. A partire da martedì 30 ottobre sarà possibile sottoscrivere i nuovi abbonamenti. La sottoscrizione dell’abbonamento 2019 garantirà un tangibile risparmio rispetto all’acquisto dei singoli titoli di ingresso per gli eventi in cartellone. L’abbonato alla Stagione d’Opera e Balletto 2019 avrà un risparmio del 25%, l’abbonato alla Stagione Concertistica 2019 del 40%.

Novità di quest’anno la possibilità di rinnovare l’abbonamento anche con bonifico bancario, scrivendo una mail ad abbonamenti@fondazionepetruzzelli.it. Altra novità: la possibilità di acquistare tutto l’anno buoni regalo con REGALOPERA che offre la possibilità di donare gli spettacoli in cartellone, scegliendo un posto nel settore preferito.

Botteghino del Teatro Petruzzelli: Orario di apertura – dal lunedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00.
Telefono: 080.975.28.10.

IL LUOGO

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su