Il Museo Archeologico di Taranto riapre con le nuove sezioni dedicate alla città romana, tardo-antica e bizantina

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Taranto Museo

Puglia – Orecchino, oreficeria tarantina, IV sec. a.C. – Taranto, Museo Archeologico – Photo by Marie-Lan Nguyen | Public Domain

Il prossimo 21 dicembre, dopo un periodo di chiusura per ristrutturazione di alcune sue parti, riapre il Museo Nazionale Archeologico  di Taranto (Mar.Ta),che si arricchisce di nuove sezioni espositive. E’ prevista la presenza del Ministro dei Beni Culturali e Turismo Massimo Bray, per il quale il 21 dicembre sarà una giornata intensa visto che nel pomeriggio dovrà presenziare anche all’inaugurazione della nuova sala dei Bronzi di Riace al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria.

Dal 22 dicembre – informa una nota stampa del Museo – “saranno riaperte al pubblico, con orario di visita 8.30 – 19.30 (chiusura biglietteria ore 19.00), le nuove sezioni espositive del Museo Nazionale Archeologico di Taranto dedicate alla città romana, alla città tardoantica ed altomedievale fino alla rifondazione bizantina dell’XI secolo d.C. Oltre agli spazi già visitabili, in tutti i casi integrati con l’esposizione di nuovi reperti (monumenti funerari, vasi figurati, mosaici, intonaci dipinti, arredi), saranno fruibili nuove sale dedicate alla ricca documentazione delle produzioni tarantine e delle importazioni di età romana, dei variegati corredi della necropoli della città, a partire dalla conquista di Q. Fabio Massimo del 209 a.C. fino al III secolo d.C. Nelle vetrine risaltano le bellissime oreficerie, arricchite da paste vitree e pietre colorate, le terrecotte policrome ancora di tradizione greca, ossi, avori, e soprattutto vetri colorati importati che caratterizzano le sepolture ad incinerazione di età imperiale, fino ai frammenti di eccezionale eleganza di un sarcofago in marmo con scena di assalto alle navi.

La sezione dedicata alla città dal tardoantico all’età bizantina offre invece una vasta documentazione dei pavimenti musivi dell’edilizia pubblica e privata, con motivi geometrici e figurati policromi e materiali da scavi stratigrafici recenti (Villa Peripato, Palazzo delli Ponti, Cattedrale di S. Cataldo) che hanno fornito dati rilevanti per la ricostruzione del centro antico in tali fasi cronologiche. Nell’ultima sala sono anche inserite epigrafi funerarie di Ebrei, Cristiani e Musulmani, che documentano la presenza a Taranto di genti di cultura e religione diverse fra il IV e l’XI secolo d.C.

La sezione dedicata alla storia del Museo è stata completamente rinnovata, con la ricostruzione di ambientazioni d’epoca del periodo di Q. Quagliati e C. Drago e con l’esposizione di acquisti e donazioni pervenute al Museo dalla fine dell’Ottocento ad oggi, con i vasi figurati di importazione e di produzione locale, trafugati dai siti archeologici del territorio apulo, confluiti in musei stranieri e oggi restituiti alla fruizione pubblica.”

IL LUOGO

Visualizzazione ingrandita della mappa
 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su