Buona Puglia Food Festival: torna al Castello di Barletta il meglio dell’enogastronomia regionale

Castello di Barletta (XI-XVII sec.) – © Image by Famedisud

Tra i grandi protagonisti dell’evento i vini rosati e un nuovo spazio riservato all’arte

di Redazione FdS

Le eccellenze pugliesi dei Cibo e del Vino tornano a incontrare Arte e Cultura in una location unica, il Castello di Barletta, sede del Museo Civico che per l’occasione rimarrà aperto alle visite. E’ la formula vincente del Buona Puglia Food Festival, manifestazione che dopo il grande successo della scorsa edizione rinnova la sua presenza dal 23 al 26 giugno 2023 in uno dei più grandi castelli d’Italia. La scelta non è casuale in quanto propone una rivisitazione del castello, storico baluardo militare, in spazio “a difesa del gusto autentico”. Come lo scorso anno, gli organizzatori hanno selezionato alcuni dei migliori produttori del settore agroalimentare e artigiani di grande talento, tutti introvabili nei circuiti delle grandi distribuzioni. Accorpati per territorio (Gargano e Daunia, Terre di Federico II, Murgia, Valle d’Itria, Terre del Primitivo e Salento) sono già 40 i produttori locali che hanno aderito alla manifestazione. Per la maggior parte di loro si tratta di una riconferma della propria partecipazione, sulla scia dell’ottimo riscontro avuto nella scorsa edizione. Un ristretto numero di posti è tuttavia ancora disponibile (chi volesse aderire può contattare gli organizzatori ai seguenti recapiti: tel. 080.9696659 – info@buonapuglia.it – www.buonapuglia.it). L’organizzazione tecnica è a cura di Francesco Nacci e Lello Lacerenza. La direzione artistica è di Paolo De Santoli.

 

Buona Puglia Food Festival (Barletta, 23-26 giugno 2023)

Dai formaggi ai salumi, dalle carni ai prodotti da forno, dalle conserve artigianali alla pizza, ai dolci, ai vini, agli oli extravergine, alle birre artigianali, Buona Puglia Food Festival sarà una kermesse a 360 gradi, una “disfida del turismo eco-gastronomico” come gli organizzatori hanno scelto di denominarla ispirandosi alla storica Disfida di Barletta per sottolineare la forza competitiva dell’agroalimentare pugliese e comunicare l’idea che senza un ambiente e un’agricoltura sani è impossibile avere prodotti agroalimentari, ristorazione, e quindi ospitalità, realmente di valore. Il pubblico avrà la possibilità di fare la spesa ‘etica’ presso il mercatino dei piccoli produttori dove, oltre alle eccellenze gastronomiche, troverà i vini rosati (fermi e spumanti) e i vini Naturali, ultima frontiera enologica che vanta molti appassionati.

 

Buona Puglia Food Festival, un’immagine dall’edizione 2022 – Image by Buona Puglia

Ad arricchire la parte espositiva saranno i laboratori del gusto e i cooking show tenuti da 20 preparatissimi chef di Buona Puglia. E, come sempre, grandi protagonisti saranno i Vini Rosati nell’ambito dell’iniziativa Rosati in Terra di Rosati, giunta alla sua 26a edizione. Saranno ben 100 i rosati ottenuti da vitigni del territorio pugliese, proposti in degustazione libera nei giorni del Festival presso i banchi di assaggio curati dai sommelier dell’AIS Puglia, associazione che nello stesso contesto presenterà anche il progetto “Il sommelier astemio”, iniziativa inclusiva di formazione sul vino rivolta a ragazzi con bisogni educativi speciali e impossibilitati ad assumere alcolici.

 

Rosati in Terra di Rosati, 26a edizione

Dei Rosati in degustazione i migliori saranno premiati in occasione dell’evento “Con le stelle al Castello”, la raffinata cena di gala con orchestra live in programma per il 26 giugno nella grande piazza d’armi del Castello: una serata unica e straordinaria, che radunerà numerosi chef pugliesi e sarà presentata da Nick Difino (Telenorba), Fiorella Perrone (Gambero Rosso) e Dino Perrone (chef). Di grande prestigio il parterre di esperti provenienti dal mondo del giornalismo e della ristorazione che formeranno la giuria selezionatrice dei migliori Rosati: Massimo Di Cintio (Presidente), Antonio Riontino, Mario Bolivar, Pasquale Porcelli, Gianni Sinesi, Chiara Giorleo, Davide Gangi, Alessia Moncada, Pino De Luca, Franco Ricatti, Enzo Scivetti.

 

Rosati in Terra di Rosati: i membri della Giuria

Arte e Cultura avranno un ruolo di primo piano nel corso della manifestazione non solo grazie alla possibilità di accedere al Museo Civico, che offre in esposizione dipinti, sculture e reperti archeologici, ma anche attraverso alcune mostre collettive d’arte (“Arte, visuale Puglia”, “De la Ceramica d’Apulia”, “Puglia Tra_dizioni”) e un’installazione a tema marino, il cui allestimento, tra i suggestivi sotterranei del Castello e lo splendido Lapidario, è affidato a Paolo De Santoli, noto artista pugliese che dal 1972 espone con successo in Italia e all’estero. A lui sono state commissionate anche alcune opere realizzate con antica tecnica pittorica su legno, che saranno assegnate ai vincitori del contest dedicato ai Vini Rosati.

 

Alcune opere dell’artista Paolo De Santoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

VIDEO – BUONA PUGLIA FOOD FESTIVAL
 

Castello di Barletta
P.zza Castello
Nei giorni 23, 24 e 25 giugno la manifestazione rimarrà aperta al pubblico dalle ore 18.00 alle 24.00 e sarà accessibile attraverso ticket acquistabili in prevendita fino al 31 maggio 2023 sul sito www.eventbrite.com al costo di 15 euro (25 euro al botteghino se ancora disponibili). Nel costo del ticket sono inclusi: ingresso al Castello; bicchiere da degustazione tecnico Inao + sacca portabicchiere; degustazione libera dei 100 Rosati partecipanti; degustazione libera dei 40 Oli Evo di Puglia; ingresso al Polo Museale; Show Cooking con famosi chef, presentati da Nick Difino e Fiorella Perrone.
La cena di gala “Con le stelle al Castello”, prevista per il 26 giugno, sarà accessibile tramite ticket acquistabili in prevendita fino al 28 maggio 2023 sul sito www.eventbrite.com al costo di 90 euro tutto incluso (o 120 euro al botteghino se ancora disponibili)
Info: 080 9696659 – info@buonapuglia.it
www.buonapuglia.it
Facebook
Instagram

IL LUOGO

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

Torna su