Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic. Tutti i premi della serata conclusiva

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

paskaljevic 5

Il regista serbo Goran Paskaljevic ritira il premio Bif&st 8 1/2 International Award come miglior regista per il film “Land of the Gods” presentato in concorso nella sezione Panorama Internazionale – Ph. © Ferruccio Cornicello | Immagini nel testo e photo gallery a fondo pagina

di Enzo Garofalo

Serata emozionante quella di chiusura dell’8° Bari International Film Festival (Bif&st), apertasi al Teatro Petruzzelli sulle note della musica di Nino Rota per il cinema di Fellini, brillantemente eseguita dal pianista Maurizio Zaccaria e dal sassofonista Paolo Di Benedetto. In programma l’assegnazione dei tre premi Bif&st 8 1/2 International Award (miglior regista, miglior attore protagonista, migliore attrice protagonista) riservati ai film in concorso nella sezione Panorama Internazionale che ha visto la proiezione di 10 film (più 2 fuori concorso) provenienti da tutto il mondo, presentati a Bari in anteprima italiana o internazionale (i titoli italiani erano tutti in anteprima mondiale). I film vincitori sono stati scelti da una giuria del pubblico composta da 30 spettatori selezionati e presieduta dall’attrice, sceneggiatrice e regista Chiara Caselli, che ha anche condotto il momento della premiazione accanto a Felice Laudadio, direttore del Bif&st.

paskaljevic 6

Il regista serbo Goran Paskaljevic premio Bif&st 8 1/2 International Award miglior regista per il film “Land of the Gods”, Teatro Petruzzelli, Bari – Ph. © Ferruccio Cornicello

Il premio Bif&st 8 1/2 International Award per la migliore regia è andato al celebre maestro serbo del cinema indipendente Goran Paskaljevic autore di pellicole come Cabaret Balkan, Special Treatment, Someone Else’s America e numerose altre. Se lo è aggiudicato per il film “Dev Bhoomi – Land of the Gods”, realizzato in cooproduzione serbo-indiana, presentato in anteprima mondiale lo scorso settembre al Toronto International Film Festival nella sezione Masters, quindi in Serbia a marzo e all’Hong Kong International Film Festival lo scorso 14 aprile,  per poi arrivare al Bif&st dove è stato proiettato in anteprima italiana. Questa la motivazione del premio: “…perché il viaggio in una realtà a noi lontana, in cui tradizioni secolari si scontrano con il desiderio e la necessità delle nuove generazioni femminili di avere accesso all’istruzione e alla scelta della propria vita, viene trasformato dal regista in un alto racconto cinematografico”. Il film racconta la storia di Rahul che dopo un esilio di 40 anni ritorna nel suo piccolo villaggio sull’Himalaya suscitando nei suoi concittadini oscuri ricordi e vecchi rancori. Il protagonista (il bravissimo attore indiano Victor Banerjee, già visto in film importanti come Passaggio in India di David Lean e Luna di Fiele di Roman Polanski, è autore anche della sceneggiatura insieme al regista) si ritrova così immerso in una realtà piena di pregiudizi, dove le donne non hanno alcun diritto di decidere del proprio destino. Il film è la prima pellicola serba ad essere girata in India, con una troupe serba e attori indiani, ed è anche il primo film serbo ad essere stato selezionato da Amazon per una distribuzione globale in video on demand. Paskaljevic si è detto felicissimo per il prestigioso riconoscimento tributato alla sua opera ed ha voluto scattare una foto-ricordo con il pubblico del Petruzzelli alle sue spalle, annunciando che con molta probabilità realizzerà nuove riprese in Puglia, regione che nel 2009 è già stata set di un suo lavoro supportato dall’Apulia Film Commissin, il film Honeymoons in parte girato a Brindisi con una troupe serbo-albanese.

sbaraglia 6

L’attore argentino Leonardo Sbaraglia riceve il Bif&st 8 1/2 International Award come miglior attore per il film “El otro hermano” di Adrián Caetano. Glielo consegna l’attrice Chiara Caselli, Teatro Petruzzelli, Bari – Ph. © Ferruccio Cornicello

Si è invece aggiudicato il premio Bif&st 8 1/2 International Award per il miglior attore l’argentino Leonardo Sbaraglia per il film “El otro hermano” una produzione argentino-uruguayana del 2017 diretta dal regista Adrián Caetano con Daniel Hendler e Angela Molina come altri interpreti. La motivazione del premio: “perché Leonardo Sbaraglia dà vita e corpo alla complessa e originale natura malvagia del protagonista”. Il film è la storia di un dramma familiare con connotazioni thriller di cui è protagonista Cetarti (Leonardo Sbaraglia), un uomo senza lavoro o altro scopo nella vita, che passa le sue giornate rinchiuso a guardare la tv e a fumare finché uno sconosciuto lo informa che sua madre e suo fratello sono stati uccisi a colpi di pistola. Parte quindi per Lapachito, il villaggio in rovina dove viveva sua madre, per prendere in consegna i corpi, ma lo fa con l’unico scopo di riscuotere una piccola assicurazione sulla vita che gli permetterà di proseguire il suo viaggio verso il Brasile. Una serie di incontri però complicherà non poco i suoi piani. Leonardo Sbaraglia – attore noto per aver interpretato pellicole come La notte delle matite spezzate di Héctor Olivera,  Nowhere di Luis Sepúlveda e Storie pazzesche di Damián Szifrón –  ha ringraziato la giuria del premio per questo riconoscimento del quale si è detto particolarmente orgoglioso per via delle sue origini italiane.

An-ordinary-Man

L’attrice islandese Hera Hilmar (assente a Bari) in un frame del film “An ordinary man” accanto al premio oscar Ben Kingsley

Il premio Bif&st 8 1/2 International Award per la migliore attrice è andato alla islandese Hera Hilmar protagonista, accanto all’attore premio oscar Ben Kingsley, del film “An ordinary man” del regista statunitense Brad Silberling. Il riconoscimento le è stato attribuito “perchè a soli 28 anni Hera Hilmar tiene testa al coprotagonista Ben Kinglsey e, lavorando per sottrazione, riesce a creare un personaggio potente e sorprendente”. Per impegni pregressi l’attrice non era a Bari per ritirare il premio. Il film narra la storia dell’ultimo criminale di guerra ancora latitante nella ex Jugoslavia e della insolita relazione instaurata con la sua domestica (Hera Hilmar), unico suo collegamento con il mondo esterno.

carpenzano 2

L’attore esordiente Andrea Carpenzano, menzione speciale come attore-rivelazione del Bif&st – Ph. © Ferruccio Cornicello

Sempre nell’ambito della sezione Panorama Internazionale, la giuria all’unanimità ha voluto segnalare il lavoro dell’attore esordiente Andrea Carpenzano, protagonista, accanto all’attore-regista Giuliano Montaldo (premiato quest’anno al Bif&st con il Fellini Award per l’eccellenza cinematografica) del film “Tutto quello che vuoi” di Francesco Bruni. A lui è andata pertanto la menzione speciale come attore-rivelazione del Bif&st 2017. Il film racconta la storia di Alessandro, un ventiduenne trasteverino inquieto ed ignorante e di Giorgio, un ottantacinquenne poeta dimenticato di cui il ragazzo diventerà l’accompagnatore. Grazie a ricordi che lentamente affioreranno dalla mente dell’anziano uomo, e alle esperienze che vivranno insieme, Alessandro avrà modo di scoprire tutta la ricchezza celata nel proprio cuore.

archibugi 3

La regista Francesca Archibugi vince al Bif&st 2017 il Premio Luciano Vincenzoni per la migliore sceneggiatura, scritta con Paolo Virzì, per il film “La pazza gioia”, Teatro Petruzzelli, Bari – Ph. © Ferruccio Cornicello

Per la sezione Italia FilmFest/Lungometraggi, dedicata ai migliori film italiani dell’anno 2016-2017 selezionati dalla giuria stabile del Bif&st composta da 9 critici italiani aderenti al SNCCI (Sindacato nazionale critici cinematografici italiani), è stato assegnato il Premio Luciano Vincenzoni per la migliore sceneggiatura alla regista Francesca Archibugi, autrice insieme a Paolo Virzì della sceneggiatura del film “La pazza gioia” di Paolo Virzì, con Valeria Bruni Tedeschi (al Bif&st premio Anna Magnani per la miglior attrice protagonista) e Micaela Ramazzotti. Il film racconta la storia di due donne, Beatrice Morandini Valdirana, una chiacchierona istrionica, sedicente contessa e a suo dire in intimità coi potenti della Terra, e Donatella Morelli una giovane donna tatuata, fragile e silenziosa, che custodisce un doloroso segreto. Ospiti entrambe di una comunità terapeutica per donne con disturbi mentali, sono classificate socialmente pericolose. La loro imprevedibile amicizia porterà a una fuga strampalata e toccante, alla ricerca di un po’ di felicità in quel manicomio a cielo aperto che è il mondo dei sani.

perrin 6

L’attore, regista e produttore francese Jacques Perrin premiato al Bif&st 2017 con il Federico Fellini Award per l’eccellenza cinematografica. Nella foto con Felice Laudadio e l’attrice Claudia Cardinale – Ph. © Ferruccio Cornicello

La premiazione si è conclusa con la consegna del Federico Fellini Award per l’eccellenza cinematografica all’attore, produttore e regista francese Jacques Perrin, interprete di film di rilievo come La ragazza con la valigia e Cronaca familiare di Valerio Zurlini, Z-L’orgia del potere di Costa-Gavras e Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore, solo per citare pochi titoli di una lunga filmografia. Ieri mattina al Teatro Petruzzelli Perrin ha tenuto un’applauditissima masterclass dopo la proiezione del film “Il deserto dei Tartari” di Vittorio Zurlini da lui prodotto e interpretato nel 1976 accanto a Vittorio Gassman, Philippe Noiret e Jean-Lous Trintignant. Al Bif&st Perrin ha inoltre presentato nell’ambito della nuova sezione “Cinema e Scienza” una serie di meravigliosi documentari da lui diretti o prodotti che – ha dichiarato – “sono film politici perché ci rendono più attenti e responsabili su ciò che è attorno a noi e da cui dipende la nostra stessa sopravvivenza. Donald Trump, con la sua politica antiambientalista, sta minacciando la vita di tutti noi”.

ozbilici

Sul palco del Petruzzelli il fotografo turco Burhan Ozbilici, vincitore del World Press Photo 2017. A dx Felice Laudadio direttore del Bif&st – Ph. © Ferruccio Cornicello

Un breve, ma importante fuori programma, ha chiuso la fase della premiazione, con la presenza sul palco del Petruzzelli del fotografo turco Burhan Ozbilici, autore dello scatto raffigurante l’omicidio dell’ambasciatore russo ad Ankara, Andrey Karlov, avvenuto lo scorso dicembre nel corso di una mostra fotografica. Nella foto si vede il diplomatico colpito a morte da un poliziotto che, con la pistola ancora in pugno, rivendica vendetta per la guerra in Siria. Lo scatto, realizzato con incredibile sangue freddo, è valso ad Ozbilici il primo premio al World Press Photo 2017, la cui mostra è in corso a Bari fino al 21 maggio. Il fotografo si è detto felice per questo suo primo viaggio in Italia, Paese che per la sua famiglia è sempre stato un mito della cultura e dell’arte, ed ha sottolineato l’importanza di salvaguardare, sempre e ovunque, la libertà di informazione.

pubblico

Il pubblico del Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari – Ph. © Ferruccio Cornicello

La premiazione è stata seguita dalla proiezione, in Anteprima Internazionale, del film Gifted del regista statunitense Marc Webb, con Chris Evans e Jenny Slate. Il film, ottimamente recitato, è un dramma familiare con molti momenti divertenti e racconta la storia di Frank che sta crescendo da solo la nipote di sette anni Mary, figlia della sorella morta suicida. La bambina (la piccola Mckenna Grace, interprete degna di un Oscar) si rivela essere un genio della matematica, caratteristica che la accomuna alla defunta madre. Suo zio, tenendo fede alla promessa fatta a sua sorella, cerca di farla crescere nella più assoluta normalità, ma le eccezionali doti della bambina rischiano di compromettere l’obiettivo. Il lieto fine del film e gli applausi entusiastici del pubblico del Petruzzelli hanno chiuso nella migliore atmosfera questa ottava edizione del Bif&st.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Il sassofonista Paolo Di Benedetto, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Felice Laudadio e Chiara Caselli presentano i premiati della sezione Panorama Internazionale, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Il regista serbo Goran Paskaljevic, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Felice Laudadio e Chiara Caselli, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Il regista serbo Goran Paskaljevic sta per salire sul palco del Teatro Petruzzelli, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Il regista serbo Goran Paskaljevic con Felice Laudadio sul palco del Teatro Petruzzelli, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Il regista serbo Goran Paskaljevic ritira il Bif&st 8 1/2 International Award, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Felice Laudadio e Chiara Caselli, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

L'attore argentino Leonardo Sbaraglia, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Leonardo Sbaraglia ritira il Bif&st 8 1/2 International Award come miglior attore, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Leonardo Sbaraglia abbraccia Chiara Caselli, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Leonardo Sbaraglia ritira il Bif&st 8 1/2 International Award come miglior attore, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Leonardo Sbaraglia ritira il Bif&st 8 1/2 International Award come miglior attore, Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Andre Carpenzano, attore-rivelazione Bif&st 2017, Menzione Speciale - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Andre Carpenzano, attore-rivelazione Bif&st 2017, Menzione Speciale - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

L'attore Giorgio Colangeli al Bif&st 2017, Teatro Petruzzelli, Bari

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Francesca Archibugi, Premio Vincenzoni miglior sceneggiatura per "La pazza gioia" di Virzì, Bif&st 2017, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Francesca Archibugi, Premio Vincenzoni miglior sceneggiatura per "La pazza gioia" di Virzì, Bif&st 2017, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Francesca Archibugi, Premio Vincenzoni miglior sceneggiatura per "La pazza gioia" di Virzì, Bif&st 2017, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Felice Laudadio, direttore del Bif&st, saluta i numerosi ospiti in sala, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Felice Laudadio, direttore del Bif&st, saluta i numerosi ospiti in sala, Teatro Petruzzelli, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

L'attore Jacques Perrin e il regista Volker Schlöndorff (a dx.), Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

L'attrice Claudia Cardinale sul palco del Teatro Petruzzelli, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Claudia Cardinale con Felice Laudadio, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Felice Laudadio direttore del Bif&st - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Claudia Cardinale con Felice Laudadio, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

L'attore francese Jacques Perrin ritira il Fellini Award per l'eccellenza cinematografica, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Jacques Perrin ritira il Fellini Award per l'eccellenza cinematografica, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Jacques Perrin ritira il Fellini Award per l'eccellenza cinematografica, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Jacques Perrin ritira il Fellini Award per l'eccellenza cinematografica, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Il fotografo turco Burhan Ozbilici, vincitore del World Press Photo 2017, con Felice Laudadio, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

L'attore e produttore Andrea Occhipinti fra il pubblico del Bif&st - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Jacques Perrin e Andrea Occhipinti fra il pubblico del Bif&st - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

Il direttore della fotografia Luciano Tovoli, Bif&st 2017 - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

La regista Francesca Archibugi fra il pubblico del Bif&st - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

L'attrice Pamela Villoresi fra il pubblico del Bif&st - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

L'attrice Pamela Villoresi al Teatro Petruzzelli, Bif&st 2017, Bari - Ph. © Ferruccio Cornicello

Bif&st 2017: premio per la miglior regia a “The Land of the Gods” di Paskaljevic

La regista Margarethe von Trotta, presidente del Bif&st - Ph. © Ferruccio Cornicello

 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su