Basilicata e Cina: al via la collaborazione siglata su cinema e agricoltura

matera2019

Basilicata – Veduta panoramica dei sassi di Matera – Ph. Francesco Cirigliano | CCBY2.0

di Redazione FdS

Basilicata e Cina: al via la collaborazione siglata su cinema e agricoltura. Una delegazione lucana si è recata a Pechino per sviluppare i quattro settori individuati nel protocollo sottoscritto lo scorso agosto alla presenza del console Li Bin

Parte dal settore cinematografico e arriva fino all’agricoltura la collaborazione siglata di recente tra Basilicata e Cina. In seguito alla produzione cinematografica cinese, che ha visto Matera come set del prestigioso film ”Let’s get married” (“Sposiamoci”), che uscirà in 3000 sale cinesi il prossimo 14 febbraio 2015, infatti, l’adesione della Regione Basilicata ad Icfa (Italian Friendship Association) per lo sviluppo di partnership sulle tematiche turistiche, culturali, dell’industria cinematografica e dell’enogastronomia, ha consentito di organizzare una delegazione lucana in Cina per sviluppare i quattro settori individuati nel protocollo Basilicata/Cina sottoscritto lo scorso agosto anche alla presenza del console Li Bin.

La delegazione, guidata da Giovanni Oliva, dirigente generale del Dipartimento Politiche Agricole, è stata ricevuta in settimana a Pechino da Tian Yan, Vicepresidente esecutivo della sede Cipafic di Pechino con la quale l’associazione italocinese Icfa ha firmato un protocollo d’intesa per la collaborazione che riguarderà anche la Basilicata. La delegazione, ha poi incontrato Li Jiangping, vicepresidente Cipafic con delega per l’Europa che ha formalmente invitato la Regione Basilicata ad intervenire nel corso del prossimo Forum Agricolo Europa/Cina che si terrà a Shandong nel settembre 2015 e coinvolgerà circa 300 esperti e studiosi di agricoltura provenienti da Cina ed Europa. “La metà della popolazione cinese – ha affermato Li Jiangpinglavora in agricoltura, quindi lo sviluppo del settore è uno degli obiettivi prioritari del nostro Governo in questa logica la collaborazione con partner internazionali in possesso di alto knowhow nel settore è molto importante”.

La delegazione si è poi spostata a Canton oltre 2000 km a sud di Pechino, per partecipare al “2014 China International Friendship Cities Conference” una conferenza che vede la partecipazione di 270 città provenienti da tutto il mondo e 200 città cinesi. Nel Corso della conferenza il Direttore Oliva, in rappresentanza del Presidente Marcello Pittella, ha tenuto un intervento su Basilicata, Sostenibilità e Città Intelligenti al cospetto di un pubblico qualificato di circa 1000 esperti di tutte le province cinesi, vertici parlamentari e rappresentanti governativi di Bolivia, Brasile, Stati Uniti, Australia solo per citarne alcune. La delegazione, che vede la partecipazione anche di Patrizia Minardi, dirigente dell’Ufficio Internazionalizzazione Sistemi Culturali, Turistici e Cooperazione Internazionale, che, con il Dipartimento Agricoltura svilupperà i punti del protocollo Basilicata/Cina, riguardanti Turismo, Cinema e Beni Culturali, è intervenuta lo scorso 28 novembre al Guangzhou International Urban Innovation Conference.

Nell’ambito della conferenza  è stato consegnato il 2° Guangzhou International Award for Urban Innovation che ha visto finaliste le 15 città protagoniste di processi di sviluppo della qualità della vita dei cittadini. La scelta tra le finaliste Abu Dhabi, Antioquia, Boston, Bristol, Buenos Aires, Christchurch, Dakar, Eskisehir, Gwangju, Ambirgo, Hangzhou, Rio de Janeiro, Linkoping, Melbourne, Jakarta, è avvenuta con un meccanismo di partecipazione popolare attraverso il sito www.guangzhouaward.com. A margine dell’incontro, la delegazione ha incontrato alcune province cinesi con cui gemellare la Basilicata in occasione di EXPO2015, previsto nell’ambito dell’Accordo Basilicata/Cina con Icfa.

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su