RevOILution: inventato in Calabria il robot per fare l’olio d’oliva in casa

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Olio di oliva extravergine - Ph. USDA | CCBY2.0

Olio di oliva extravergine – Ph. USDA | CCBY2.0

di Redazione FdS

Innovazione tecnologica e food, un binomio senz’altro da premiare se processo produttivo high tech, qualità e gusto riescono a convivere senza conflitti. E’ quanto garantisce di ottenere RevOILution, l’unico kitchen robot che consente di produrre comodamente in casa l’olio extravergine d’oliva, per 365 giorni l’anno e con sicura garanzia di qualità. E’ l’ultima novità che arriva dalla Calabria, vera fucina di idee innovative sempre di più al centro dell’attenzione di potenziali investitori. A inventarlo è la start up foodtech AGE, fondata e amministrata a Lamezia Terme (Catanzaro) da Antonio Pagliaro nonché formata da una squadra di esperti nel settore alimentare e delle tecnologie elettromeccaniche. Già vincitrice del  Talent Lab Calabria, AGE è stata selezionata a luglio da Start Up Initiative – la piattaforma sviluppata da Intesa Sanpaolo e volta a promuovere aziende ad alto contenuto tecnologico – nell’ambito del Food Tech Open Innovation Days, evento che all’Expo ha puntato i riflettori sulle tecnologie innovative per la sicurezza e la tracciabilità alimentare.

RevOILution, il kitchen robot che permette di produrre l'olio d'liva in casa

RevOILution, il kitchen robot che permette di produrre l’olio d’oliva in casa

All’insegna del motto ‘innovare la tradizione si può’ AGE riapproda ora a Expo 2015, dove dal 25 al 30 settembre (dalle 10.00 alle 23.00), presso lo spazio aperto del Corriere della Sera, sottoporrà all’attenzione del pubblico un prototipo di RevOILution della linea 1.0, mentre nelle settimane successive seguirà la presentazione ufficiale del prodotto nella sua veste finale.

RevOILution è l’unico strumento che permette oggi di produrre in casa e di gustare l’olio spremuto a freddo, senza rischi di manipolazioni. Ottenere il risultato è facile: basta inserire le olive e nell’arco di 45 minuti si otterrà mezzo litro di olio extravergine d’oliva, italiano, genuino e soprattutto senza adulterazioni. La spremitura a freddo, su cui si basa il robot,  lavora le olive come accade in un frantoio moderno, senza rinunciare al gusto della tradizione.

Il prossimo 29 settembre, sempre negli spazi del Corriere, RevOILution – definito dagli ideatori anche The Extra Virgin Espresso – sarà protagonista di un convegno sull’innovazione nel mondo del food e della sostenibilità con ospiti e personaggi di spicco del settore, oltre al folto pubblico dell’Expo; un appuntamento nel corso del quale il fondatore di AGE, Antonio Pagliaro, illustrerà le caratteritiche e le funzioni dell’innovativo strumento con cui si è voluta ‘reinventare’ una delle tradizioni millenarie del food mediterraneo, quella dell’olio d’oliva appunto.

 “L’idea di rivoluzionare il modo di gustare l’olio d’oliva – ha dichiarato Antonio Pagliaro – consente di apprezzarne la freschezza grazie all’impiego immediato dopo la spremitura e far sprigionare così tutte le straordinarie proprietà organolettiche e sensoriali dell’olio che lo rendono ingrediente principe della cucina mediterranea”.

Le Bag d'O, le scorte di olive per fare l'olio tutto l'anno

Le Bag d’O, le scorte di olive per fare l’olio tutto l’anno

Per garantire una spremitura nell’arco dell’intero anno, AGE ha pensato di associare allo strumento anche le Bag d’O, confezioni di olive accuratamente selezionate per varietà, surgelate al momento e poste sottovuoto per mantenerne intatta la fragranza nel tempo. Una soluzione che permetterà di combinare diverse tipologie di olive al fine di ottenere l’olio più adatto al proprio gusto e alla propria tavola.

E a proposito delle olive, Pagliaro ha aggiunto: “RevOILution vuole apportare nuova linfa al mercato e all’economia del settore agroalimentare contribuendo a contrastare il fenomeno della mancata raccolta delle olive salvaguardando al contempo la biodiversità. Siamo convinti che sia importante valorizzare le singole note delle oltre 500 varietà diverse di olive e puntare su quelle varietà che non seguono le sole logiche della grande industria, valorizzando e premiando invece il lavoro dei piccoli agricoltori e degli artigiani.”

Maggiori informazioni su: www.revoilution.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su