Reader’s Choise Awards. Capri, Isole Eolie e Ischia nella Top Ten delle isole più Belle d’Europa stilata dal magazine Traveler

eolie

Sicilia – Isole Eolie (Messina) – Photo by Boboviel | CCBY2.0

di Redazione FdS

Una rivista di viaggi di lusso e lifestyle come Traveler Condé Nast e il gusto dei suoi esigentissimi lettori sono all’origine della classifica Reader’s Choise Awards che ha identificato le 10 isole più belle d’Europa. Ad occupare ben tre posizioni sono isole del Sud Italia: Capri, Eolie e l’Isola d’Ischia con l’intero gruppo flegreo. Prima fra quelle del Sud, Capri è al terzo posto della classifica generale subito dopo l’Elba e l’Arcipelago Toscano a loro volta preceduti dalla greca Santorini che svetta al 1° posto. Vediamo cosa scrivono di Capri i lettori che l’hanno votata con un rating di 83.7/100, media calcolato secondo vari parametri: bellezza dei paesaggi (97.4); cordialità (82.9); atmosfera (91.8);  ristoranti (84.1);  ricettività (84.5); attività (75.0); spiagge (58.8). Lo scopriamo leggendo le motivazioni: “Resorts di classe”, “cibo, gente, e vedute eccezionali”, il richiamo della celebre Grotta Azzurra, si sono guadagnati un posto nel cuore dei nostri lettori. “Ci siamo innamorati di lei!” ha esclamato un visitatore. Anche se alcuni lamentano che l’isola è “molto costosa”, tuttavia considerano Capri una “mecca dello shopping” con un tocco “bello e molto elegante”. “A spasso per Capri mi sentivo come se avessi camminato nel bel mezzo di un servizio di moda per Prada, dove il paesaggio e la gente risultavano magnifici” scrive un altro lettore.

capri

Campania – Scorcio dell’isola di Capri (Napoli) – Photo by S J Pinkney | CCBY2.0

E poi la volta dell’arcipelago vulcanico delle Isole Eolie (vedi foto in alto), che si classifica al 7° posto con un rating di 82.6/100, così suddiviso:  bellezza dei paesaggi (100); cordialità (89.3); atmosfera (92.9);  ristoranti (72.7);  ricettività (53.3); attività (86.4); spiagge (64.3). Nelle motivazioni leggiamo: queste “semplici e rilassanti isole” accanto alla Sicilia sono sede di vulcani spenti, a parte lo Stromboli, e sono famose per le loro città e i villaggi davvero incantevoli, la loro drammatica topografia, e, nel caso di Vulcano, i bagni di fango terapeutici. Grazie alla loro storia vulcanica, sono state inserite nel Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO; Lipari,  la più grande del gruppo, “merita una espressa deviazione dalla Sicilia” per il suo “bellissimo paesaggio”.

Al nono posto troviamo invece Ischia con il gruppo delle isole Flegree che si aggiudicano un rating di 81.9/100 calcolato secondo i seguenti parametri: bellezza dei paesaggi (96.2); cordialità (80.8); atmosfera (92.3);  ristoranti (80.0);  ricettività (81.8); attività (70.8); spiagge (63.6). Sempre molto elogiative le motivazioni: Queste “belle” isole nel Golfo di Napoli hanno ottenuto il punteggio più alto per il loro paesaggio e per l’atmosfera. I nostri lettori li definiscono “gemme nascoste” con la particolarità di essere “ancora molto old-style italiano.” “Non hanno lo sfarzo e il glamour di Capri”, dice uno, “ma molte attività sono disponibili.” “Le sorgenti calde sono straordinarie”, ed i nostri lettori trovano “le spiagge migliori rispetto a quelle di Capri.

ischia

Campania – Ischia (Napoli) – Photo di Dieter Karner | CCBY2.0

Volendo dare un’occhiata al resto della classifica, troviamo al 4° posto l’Arcipelago di Stoccolma (82.8), al 5° Creta (82.8), al 6° Mykonos (82.8), all’8° Boozcada e Gokceada (82.4) e al 10° Krk e le isole del Nord Adriatico (81.3).

Ricordiamo che Traveler Condé Nast fa parte di un gruppo editoriale che ha nel suo portfolio ben 20 media brand digitali e cartacei: Allure, Architectural Digest, Ars Technica, Bon Appétit, Brides, Condé Nast Traveler, Details, Epicurious, Glamour, Golf Digest, Golf World, GQ, Lucky, The New Yorker, Self, Teen Vogue, Vanity Fair, Vogue, W e Wired.

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su