Principi in low cost. Pippa e Harry sbarcano in Puglia per le nozze di un amico. Forse in arrivo anche William e Kate

pippa_harry

Pippa Middleton e il principe Harry d’Inghilterra

di Kasia Burney Gargiulo

Lei è salita alla ribalta per il fondoschiena più clamoroso d’Europa debitamente messo in risalto in occasione del matrimonio della sorella, lui è l’irrequieto rampollo di casa reale inglese, fratello del principe ereditario William, figlio minore della compianta Lady Diana e nipote della Regina Elisabetta. Parliamo di Pippa Middleton – sorella di Kate, Duchessa di Cambridge – e del principe Harry d’Inghilterra, sbarcati nel primo pomeriggio di oggi a Bari con un volo low cost della Easy Jet. Destinazione Fasano: città che dopo aver fatto da location per il matrimonio milionario di Rikita Agarwal, figlia del magnate indiano del ferro, si candida a diventare la meta preferita per i matrimoni vip a cinque stelle.

Ad aver scelto gli uliveti e il mare del Salento per convolare a nozze questa volta è Charlie Gilkes , che pare sia un ex della stessa Pippa, rimpiazzata da Anneke von Trotha Taylor. Non c’è che dire, la Middleton deve essere proprio di larghe vedute se ha accettato di partecipare al matrimonio della sua vecchia fiamma con un’altra. Ma cosa si sa degli sposi? Lei lavora nel campo delle pubbliche relazioni mentre lui  è noto soprattutto come proprietario di numerosi ristoranti, nightclub e bar fra cui il “Bunga Bunga”, fondato a Londra con il socio Duncan Stirling. Una evidente strizzatina d’occhio all’Italia berlusconiana che il ragazzo dimostra di ben conoscere. Così come deve conoscere bene anche Bari, visto che per il secondo anniversario del suo locale ha fatto servire pizza e birra Peroni. Certamente Gilkes è un grande amico di Harry come del fratello William, avendo condiviso con loro il prestigioso college di Eton.

Nonostante circoli del gossip insistente su una presunta relazione fra Pippa e Harry i due, una volta arrivati all’aeroporto ‘Karol Wojtyla’  di Bari, si sono divisi in prossimità dell’uscita: lui è riuscito a defilarsi velocemente imboccando un varco creato per questioni di sicurezza, con un buon dispiegamento di forze dell’ordine che però sono riuscite a non dare nell’occhio, mentre Pippa è uscita tranquillamente con i comuni mortali, passando pressoché inosservata tra la gente prima di rifugiarsi in una delle macchine dai vetri oscurati che attendevano l’arrivo dei celebri ospiti.

Da quello che è dato sapere al momento, pare che la cerimonia nuziale sia in programma al Castello di Monopoli (Bari), venerdì prossimo alle 16.00. Certo è che sono stati allertati tutti i maggiori resort della Valle d’Itria considerato anche un crescente afflusso di inglesi nelle ultime ore, giunti probabilmente in Puglia per lo stesso motivo. L’organizzazione di tutti gli spostamenti e della sicurezza per i due ospiti è a cura della Masseria Torre Coccaro, cinque stelle L di Savelletri, che dovrebbe essere una delle mete degli ospiti, insieme a Masseria Don Luigi, Torre Maizza e ad altre prestigiose strutture della zona. Del resto le frequentazioni in Puglia della high society inglese, famiglia reale compresa, non sono nuove considerato che la camicia per il matrimonio di William è stata acquistata a Ginosa (Taranto)  dal sarto Angelo Inglese (un destino nel nome), e che di recente la figlia di Camilla Parker Bowles, seconda moglie di Carlo d’Inghilterra e quindi sorellastra di Harry, è stata vista cenare in un noto ristorante della Valle d’Itria.

Nel tardo pomeriggio di oggi l’Ansa ha fatto sapere che molto probabilmente al matrimonio interverranno anche William e Kate, una volta affidato il principino George ai genitori di lei. La notizia era del resto già stata annunciata ad agosto dalla rubrica Royal Watch del periodico Vanity Fair, ma ora attende di essere confermata, considerato lo stato di Kate, in attesa del secondo figlio.

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su