Presentato a Roma il piano di ricerca della tomba di Alarico. Valore stimato del tesoro 275 miliardi di euro

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Ph. by GLady | Public domain

Ph.  GLady | Public domain

di Redazione FdS

Il sindaco di Cosenza, mario Occhiuto, illustra a Roma, presso la Camera dei Deputati, il progetto di ricerca archeologica su Alarico - Ph. Daniele Luxardo

Il sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, illustra a Roma, presso la Camera dei Deputati, il progetto di ricerca archeologica su Alarico – Ph. Daniele Luxardo

Dopo il preannuncio, nei giorni scorsi, dell’avvio di un piano di scavi per la ricerca della tomba e del tesoro di Alarico - re dei Visigoti ed autore, con i suoi soldati, del famoso Sacco di Roma che nel 410 d.C. decretò la fine dell’Impero Romano d’Occidente – il sindaco di Cosenza e presidente della Provincia Mario Occhiuto ha incontrato ieri mattina a Roma la stampa internazionale presso la Sala Aldo Moro della Camera dei Deputati per illustrare i dettagli del progetto. Con lui sono intervenuti anche il giornalista e studioso Francesco Sisci, il geologo Amerigo Giuseppe Rota e il sindaco di Mendicino (Cosenza) Antonio Palermo.Insieme hanno descritto le fasi che precederanno la campagna di scavi vera e propria finalizzata alla ricerca della sepoltura del celebre re barbaro.

E’ ormai nota la storia riportata dallo storico bizantino di origine gotica Jordanes nel VI sec. riecheggiante quanto già scritto dal calabrese Cassiodoro, celebre segretario di Teodorico, tra il 450 e il 470 d.C.: Alarico, di ritorno da Roma dopo il sacco durante il quale portò via una decina di carri carichi d’oro, argenti e altri preziosi (quantificabili in 25 tonnellate d’oro e 150 d’argento, oltre a camei e gioielli) e, secondo alcuni, anche la Menorah trafugata dai romani di Tito nel Tempio di Gerusalemme (70 chili d’oro e d’argento), morì prematuramente a Cosenza. Da 1600 anni quell’incommensurabile tesoro – il più grande della storia dell’umanità – giacerebbe lì, probabimente sotto il letto del fiume Busento o nei suoi pressi, come vuole la leggenda. Diversi sono stati nel tempo i tentativi compiuti per trovarlo, ma nessuna campagna di scavi era mai stata tentata prima d’ora per cercarlo in modo scientifico e ufficiale.

Per volontà del sindaco Occhiuto si è dunque dato ufficialmente il via alla caccia al tesoro che potrebbe portare la città di Cosenza al centro dell’interesse archeologico mondiale. Il geologo Rota, componente del Comitato scientifico Alarico, ha spiegato come la fase di ricerca preveda l’utilizzo dei più moderni mezzi che la tecnologia mette oggi al servizio dell’archeologia: dai droni ai georadar, dalla proiezione magnetometrica alla geosismica. Saranno utilizzate diverse tecniche per individuare anomalie del terreno che possano rispondere alle caratteristiche di una sepoltura, in cinque zone già individuate che corrono lungo il fiume e intrecciano i territori di Cosenza, Mendicino, Carolei e Domanico. L’area interessata sarebbe quella che corrisponde alla confluenza dei fiumi Crati e Caronte nel Busento. Solo successivamente a questa mappatura, e in base ai risultati acquisiti, si procederà alla campagna di scavi vera e propria.

“I Goti – ha spiegato il geologo – si ritiene abbiano scavato una fossa profonda fra i 15 e i 20 metri, poi fatto delle palificazioni e quindi scavato ancora per seppellire il loro re con il cavallo e il tesoro. Dalle prime rilevazioni fatte ci sono elementi che ci spingono a procedere su un’area al momento circoscritta a poco più di un ettaro”.

Nel corso della conferenza si è infine fatto riferimento ad un luogo particolare salito alla ribalta oltre dieci anni fa come probabilmente legato alla sepoltura del re dei Goti. Si tratta di due grotte individuate dai fratelli Natale e Francesco Bosco presso il massiccio dell’Alimena in territorio di Mendicino, vicino Cosenza, le quali conterrebbero incise delle rune gotiche, di cui una farebbe riferimento proprio alla Menorah presumibilmente seppellita insieme ad Alarico. Altri elementi sospetti sono un toponimo aulico gotico-anglossassone, Rigardi, che vuol dire “guardare verso un luogo con devozione e rispetto”, una grande croce lapidea (20×12 m.) incisa su una roccia prospiciente le grotte, un piccolo altare rupestre e l’anomala presenza di tanta sabbia all’interno delle cavità. Il luogo è risultato già preso di mira da tombaroli, ma a quanto pare senza significative alterazioni, il che lo rende ancora oggetto di interesse per gli studiosi. La scelta di questo luogo, non proprio coincidente con la confluenza del Busento con il Crati, potrebbe essere stata motivata sia dal fatto che da lì passava un’antica strada che da Cosenza portava ad Amantea, sul Tirreno, dove i Goti diretti in Sicilia si fermarono per una mareggiata per poi risalire la montagna e raggiungere il capoluogo del Bruzio, sia perché si tratta di un luogo appartato, fuori da occhi indiscreti. Per raggiungerlo basta risalire il ponte di Carolei per un chilometro e mezzo tra due pareti alla confluenza tra il Caronte e il Canalicchio, e si arriva alle due grotte aperte sulla rupe a strapiombo.

Nel frattempo qualcuno ha provato a fare un calcolo del valore economico di quei presunti dieci carri carichi di tonnellate di oro e d’argento e ne è derivata la stima iperbolica di 275 miliardi di euro, una somma pari a quella di nove manovre finanziarie. Molti di meno, a quanto pare, saranno i soldi necessari a condurre le ricerche che – ha affermato Occhiuto – ammontano a poche decine migliaia di euro interamente coperte dalla Fondazione Cassa di Risparmio della Calabria e della Lucania, senza escludere la possibilità di reperire anche altri fondi.

Poichè l’iniziativa è stata nei giorni scorsi accompagnata da polemiche e battute sarcastiche da parte degli scettici, i sindaci Occhiuto e Palermo hanno sottolineato che Alarico non toglie assolutamente nulla alle storie prestigiose di cosentini che hanno reso illustre il territorio, come il filosofo rinascimentale Bernardino Telesio, ma che si tratta solo di un’altra storia da raccontare, e che come tale merita di essere ricordata. Non si tratta, insomma, di rincorrere una leggenda o di glorificare la figura di un barbaro, ma di dare il via a una ricerca scientifica, metodologica, basata sulle poche fonti storiche disponibili, per tentare di portare alla luce uno dei più incredibili tesori di tutti i tempi, che potrebbe essere ancora celato sotto il tranquillo scorrere del fiume.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su