Il Museo Amarelli di Rossano aperto per la Notte dei Musei. Dopo quello della Ferrari è il museo d’impresa più visitato d’Italia

amarellimuseo

Calabria – Uno scorcio del Museo della Liquirizia Amarelli, Rossano Calabro (Cosenza)

di Redazione FdS

E’ il secondo museo d’impresa più visitato d’Italia (dopo quello della Ferrari) e sabato 17 maggio aderisce alla Notte dei Musei con un’apertura straordinaria serale e gratuita a partire dalle ore 18.00. E’ il Museo dello storico brand Amarelli, celebre ovunque per la produzione della migliore liquirizia del mondo. Si trova a Rossano Calabro (Cosenza), città sede dell’azienda plurisecolare (è stata fondata nel 1731), ed è stato premiato qualche anno fa con il prestigiosissimo Premio Guggenheim Impresa & Cultura per l’impegno di valorizzazione della cultura d’impresa, in una zona particolare del Mezzogiorno, legando una lunga storia di successo alle prospettive di sviluppo e coinvolgendo nei processi di crescita gli attori sociali locali.

L’Interact Club “Francesco Farina” di Rossano, con padrino il Club Rotary “Rossano Bisantium” che da anni opera sul territorio ed è impegnato sul tema dell’ecologia, quest’anno organizza una mostra a cui parteciperanno gli artisti emergenti del territorio realizzando opere di fotografia, pittura o scultura. Le opere saranno esposte nell’Auditorium “Alessandro Amarelli” e la migliore sarà premiata.

Museo Amarelli, Rossano Calabro
SS 106, Contrada Amarelli
Tel: 0983/511219
www.liquiriza.it
Orari consueti di apertura del museo
Orari fino al 30 giugno: alle 9:30 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 17:00
Orari fino al 15 settembre: 10:00; 11:00; 12:00
17 maggio: dalle ore 18.00
Per info e prenotazioni: 0983/511219 o info@museodellaliquirizia.it

IL LUOGO

Visualizzazione ingrandita della mappa

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su