Conferenza sui Bronzi di Riace a Ferrara. La Soprintendente Simonetta Bonomi: «fra le statue greche in bronzo, sono le più belle»

open pic article

Calabria – I due Bronzi di Riace, freschi di restauro, esposti nel Nuovo Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria – Ph. © Ferruccio Cornicello – All rights reserved Feart ®

di Redazione FdS

Venerdì 14 febbraio parte la nuova edizione del ciclo di lezioni-conferenze Department Lectures, organizzate dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara che si tengono da febbraio a maggio 2014, iniziative culturali aperte alla cittadinanza che – come afferma Matteo Galli, Direttore del Dipartimento… “sono tenute da nostri studiosi e studiosi ospiti ed intendono documentare la molteplicità e la ricchezza delle attività che organizziamo”.

La prima conferenza prevista proprio per venerdì 14 febbraio alle ore 15.00 a Palazzo Turchi di Bagno, avrà come protagonista  Simonetta Bonomi, Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria e Direttrice del Museo Nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria, che terrà una relazione sul tema “Dalla scoperta alla valorizzazione: il caso dei Bronzi di Riace”.

E’ la stessa Bonomi ad anticipare l’argomento dell’incontro: “I Bronzi di Riace, capolavori scultorei noti in tutto il mondo, costituiscono la maggiore attrazione del Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria. La loro unicità è dovuta anche al fatto che sono pochissime al mondo le statue greche, in bronzo, pervenute intatte fino ai giorni nostri e, fra tutte, queste sono le più belle. I Bronzi di Riace furono scoperti il 16 agosto 1972 nel tratto di mar Jonio antistante il comune reggino di Riace Marina da Stefano Mariottini, un appassionato subacqueo in vacanza in Calabria, durante un’immersione alla profondità di 8 m. Il recupero fu curato dalla Soprintendenza con la collaborazione del Nucleo Sommozzatori dei Carabinieri di Messina. Il primo restauro avvenne tra gli anni 1975 e 1980 a Firenze dove vennero esposti al pubblico per la prima volta in tutto il loro ritrovato splendore. Prima di tornare a casa, per volontà del Presidente della Repubblica Sandro Pertini, vennero esposti al Quirinale per 12 giorni, dove richiamarono l’attenzione di trecentomila visitatori. Nel 2009 i Bronzi sono stati trasferiti nel Palazzo Campanella, nella sala Federica Monteleone del Consiglio regionale della Calabria, trasformata in museo-laboratorio aperto al pubblico. I lavori di restauro si sono protratti fino al 2011. Durante questo periodo i bronzi sono stati esposti in posizione supina, perchè privi di basamento, in una teca allestita appositamente. Dal 21 dicembre 2013, è possibile ammirarli di nuovo in posizione eretta nella sede del museo archeologico nazionale della Magna Grecia, al Palazzo Piacentini, su basi antisismiche appositamente progettate”.

Palazzo Turchi di Bagno, Ferrara
C.so Ercole I D’Este, 32
ore 15,00
Ingresso libero

IL LUOGO

Visualizzazione ingrandita della mappa

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su