Viaggio a piedi attraverso il Sud. E’ NeturalWalk3, nuova frontiera della social innovation

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

NeturalWalk3 - 2015: destinazione Lucania

Netural Walk3 – 2015: destinazione Lucania/Calabria

di Redazione FdS

E’ una delle nuove frontiere della social innovation ed è giunta al suo terzo anno di vita: è NeturalWalk, uno dei progetti di maggior successo dell’associazione CasaNetural, coworking rurale e incubatore di sogni che ha sede a Matera. NeturalWalk è un viaggio lento, antropologico che, in punta di piedi, cerca di entrare in contatto con i territori del Sud, con chi li vive ma borbotta, chi è andato e poi è ritornato, chi costantemente e con passione li governa, le associazioni che li promuovono, che lottano per difenderli, che testardamente hanno ancora voglia di recuperare le tradizioni e di non dimenticarle, con chi sceglie di restare e di fare una vita diversa: più lenta e più “net-ural”.

La Netural Walk si rigenera ogni anno grazie alle energie di una trentina di Camminatori, il cui obiettivo non è solo camminare, ma raccontare camminando, creando nuovi spunti e connessioni che dureranno nel tempo. E lo fanno ogni volta con occhi nuovi, secondo prospettive geografiche ed emozionali e alla ricerca di innovazione sociale.

NeturalWalk 2015 si terrà dal 17 al 22 agosto e il percorso passerà attraverso Tortora, Aieta, Piani del Carro, Laino Borgo, Castelluccio. I partecipanti attraverseranno una Terra di mezzo, l’antica Lucania, ora segnata da una linea di confine, una linea politica tra Basilicata e Calabria nel Parco Nazionale del Pollino, un confine che di fatto è solo formale, dove la cultura è identica: su questo confine si creeranno legami, connessioni e una nuova rete di amicizie, sguardi e visioni.

Il passo sarà quello sincero dell’asina Cometa Libera, che insegnerà a guardare l’asinità che è in noi, e di un cantastorie, Biagio Accardi che “cunta e canta” di leggende e storie di cui è ricco il nostro Meridione.

Quale miglior consiglio se non quello di portare sé stessi, restando aperti al cambiamento?

Questo viaggio sarà dentro ciascuno di noi, perché questo viaggio è anche star soli, è silenzio, è imparare a tenere in tasca solo le mani, è dare un nome agli alberi, è scrutare i volti segnati dal sole di chi vive queste terre, è creare pensieri involontari, è non fare piani, ma lasciar che tutto fluisca.

Altre info su NeturalWalk3:
FACEBOOK
Twitter
Sito Web
Hastag ufficiale: #neturalwalk3
 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su