Trivellazioni nel Mar Jonio. Comune di Corigliano: «Incompatibili con la presenza di aree naturali protette»

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Veduta di Corigliano Calabro (Cosenza) - Ph. Ferruccio Cornicello

Veduta di Corigliano Calabro (Cosenza) – Ph. Ferruccio Cornicello

di Redazione FdS

Dal riconoscimento del Parco della Sila come Riserva della Biosfera UNESCO che coinvolge 49 comuni e 43 soggetti pubblici (Provincia, Regione, Università della Calabria, sindacati, camere di commercio, Confindustria e altri) all’individuazione della Foce del Crati quale area SIC – Sito di Importanza Comunitaria; dalla presenza documentata nel mar Jonio di cetacei e tartarughe marine “Caretta Caretta” che continuano a preferire le spiagge calabresi per la nidificazione, passando per la relazione Prevenzione e previsione dei rischi della Provincia di Cosenza, fino alla relazione della commissione ICHESE che non esclude la correlazione tra fenomeni sismici e le operazioni di ricerca di idrocarburi in mare. E a pagarne le conseguenze potrebbe essere anche il parco archeologico di Sibari.

È, questa, parte della documentazione che l’assessore all’ambiente Marisa Chiurco con l’aiuto dell’avv. Silvana Abate della Commissione Magna Grecia, sta raccogliendo per dimostrare, se ancora ve ne fosse bisogno, che in materia di trivellazioni nel Mar Jonio, esiste un conflitto d’interesse grande quanto lo stesso mare: non si può chiedere ai Sindaci di tutelare il proprio territorio e allo stesso tempo lasciare che una concessione impedisca di svolgere le propria funzioni. Ecco perché serve che le Amministrazioni comunali adottino con urgenza l’ordinanza di precauzione.

Il lavoro di ricerca da consegnare al Presidente della Giunta regionale Mario Oliverio affinchè si determini con efficacia il prima possibile, è stato presentato lunedì 22, in occasione dell’assemblea convocata presso la sala consiliare del comune di Amendolara, alla quale l’assessore Chiurco ha partecipato con l’assessore agli affari generali del Comune di Rossano, Rodolfo Alfieri.

In questa fase così delicata l’Assessore Marisa Chiurco ha sollecitato la partecipazione alla protesta in corso anche delle associazioni più importanti come Legambiente e Greenpeace.
 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su