Nella Calabria jonica cosentina fra natura, archeologia e gastronomia: il Museo della Liquirizia a Rossano e “U Tatarannu”

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

80_sila_greca_calabria_sud_italia (1 di 1)

Calabria – L’orizzonte visto dall’Incavallicata, contrada del borgo di Campana (Cosenza) – Ph. © Ferruccio Cornicello | La photogallery completa a fondo pagina

“L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi”
Marcel Proust

di Enzo Garofalo

Con questa frase di Marcel Proust nella mente mi accingevo a partire per la Calabria in compagnia di Ferruccio Cornicello, fotografo e direttore editoriale di Fame di Sud. Un’idea, quella espressa dal grande scrittore francese, di cui sono da sempre fermamente convinto e che mi porta a tornare più volte in luoghi già noti con rinnovata curiosità. Al tempo stesso però incombeva un interrogativo: ‘Cosa potrò mai scoprire che già io non sappia della regione in cui sono cresciuto?’. Lo avrei saputo da lì a qualche ora, il tempo di percorrere i 252 Km che separano Bari da Pietrapaola Marina, piccolo borgo balneare della Calabria jonica cosentina, per l’occasione eletto a ‘quartier generale’ della nostra ‘due giorni’ fatta di poche tappe fra natura, archeologia e gastronomia. Abbiamo lasciato la Puglia con un cielo che non prometteva nulla di buono. Dopo una ricca colazione a base di cappuccini, tè e cornetti, ci siamo finalmente avviati verso sud imboccando la statale Bari-Taranto. Il tragitto è stato gradevolissimo considerato che man mano che scendevamo lungo la litoranea il clima si è mostrato più clemente facendoci ben sperare in un soggiorno non funestato dal maltempo. E in effetti, col senno di poi, possiamo dire di aver catturato in Calabria appena in tempo gli ultimi scampoli di una lunga tregua metereologica.

Il Museo della Liquirizia “Giorgio Amarelli” e l’incontro con “U’ Tatarannu”

Giunti in Calabria, e trovandoci di strada, la prima tappa è stata a Rossano (Cosenza), al palazzo-fortezza degli Amarelli (XV-XVIII sec.), la famiglia che da più di 200 anni lavora la liquirizia ricavandone prodotti celebri in tutto il mondo. Ero passato da qui in tante occasioni, facendo acquisti presso il delizioso shop al pianterreno, ma sempre fuori dagli orari di visita al Museo della Liquirizia “Giorgio Amarelli” ospitato in alcuni ambienti del palazzo. Sapevo inoltre del Premio Guggenheim assegnato alla Amarelli nel 2001 per l’impegno nella valorizzazione della cultura d’impresa, ma non immaginavo che il museo dedicato alle attività di un’azienda potesse essere così coinvolgente ed esteticamente gratificante, come ho avuto finalmente modo di constatare grazie alla preparatissima giovane guida che ci ha amabilmente accompagnati nella visita.

Un mondo affascinante si è dipanato sotto i nostri occhi: dalle prime pioneristiche macchine create dagli Amarelli per la lavorazione della liquirizia al progressivo espandersi della loro rete di rapporti commerciali; dalle tavole miniate su questa sorprendente pianta dalle molteplici proprietà officinali alla ricostruzione di un antico ufficio di spedizione del prodotto finito, passando per antichi cimeli (abiti compresi) di una famiglia che da secoli conosce il prestigio delle imprese militari, culturali e commerciali: nel museo sono custoditi documenti su Alessandro Amarelli, crociato, morto in Palestina nel 1103 o su Francesco Amarelli, uno dei vincitori della battaglia di Otranto, morto nel 1514, o ancora Giovan Leonardo, Conte Palatino e Priore dell’Università di Messina, morto nel 1667, e Vincenzo, patriota e maestro del più noto letterato e patriota napoletano Luigi Settembrini. E poi memorie della fondazione, avvenuta nel 1731, dell’attuale “concio” Amarelli, alla cui attività fu dato particolare impulso nel 1800 con il miglioramento dei trasporti marittimi e con i privilegi e le agevolazioni fiscali concesse dai Borbone alle industrie di prodotti tipici.

Insomma un allestimento veramente eccellente concepito da Francesco Amarelli, docente di Diritto Romano presso l’Università di Napoli, e una lunga storia di successi alla radice di un presente non meno prestigioso, che giustifica l’appartenenza della Amarelli all’esclusivo club internazionale “Les Hénokiens” radunante imprese familiari con almeno duecento anni di storia e per 4 anni presieduto dalla vulcanica e charmante Pina Mengano Amarelli, consorte di Francesco e presidente dell’azienda rossanese che ha in Fortunato Amarelli il suo giovane amministratore delegato.

Dopo un assaggio degli ormai celebri ‘sassolini’ alla liquirizia e alcuni acquisti nel delizioso shop, abbiamo un po’ curiosato nella parte della tenuta che fronteggia il palazzo sulla quale si affaccia lo storico stabilimento per la lavorazione della materia prima. Qui, enormi cumuli di radici di liquirizia e una lunga teoria di attrezzi storici in ferro e ghisa ormai rimpiazzati da altri più moderni, fanno bella mostra di sé accanto ad ulivi ultrasecolari. Proprio vedendo questi alberi, una volta usciti dalla tenuta, ci siamo ricordati di come quella contrada recante il nome dell’illustre famiglia rossanese, custodisca un esemplare di ulivo particolarmente vetusto. Ferruccio mi ha così guidato verso quello che può considerarsi il vero patriarca del luogo. Un altissimo e antichissimo ulivo dal poetico nome dialettale di ‘U Tatarannu’ (il grande padre) per fortuna sottratto alla spregiudicatezza edilizia della zona, circondato da una semplice aiuola e menzionato su una lapide che, posta ai piedi della venerabile pianta, ne esalta le virtù. (SEGUE)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

GUARDA LA PHOTOGALLERY

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Calabria - Insegna della Amarelli sulla facciata ottocentesca del laboratorio in cui si lavora la liquirizia, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Facciata ottocentesca del laboratorio Amarelli in cui si lavora la liquirizia - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Cumuli di radici di liquirizia davanti al laboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Cumuli di radici di liquirizia nel aboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Cumuli di radici di liquirizia nel aboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

L pianta della liquirizia (Glycyrrhiza glabra, L. 1758), un'erbacea perenne alta fino a un metro appartenente alla famiglia delle Leguminose, da cui si ricava il noto estratto vegetale tramite bollitura della sua radice. Nella Calabria jonica cosentina la liquirizia è quasi infestante. Durante il nostro viaggio l'abbiamo vista un po' dappertutto: dal litorale fin sulle colline - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Antiche macchine per la lavorazione della liquirizia, in mostra stabile davanti al aboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Antica macchina per la lavorazione della liquirizia, in mostra stabile davanti al aboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Didascalia illustrativa delle antiche macchine per la lavorazione della liquirizia, in mostra stabile davanti al aboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Antica macchina per la lavorazione della liquirizia, in mostra stabile davanti al aboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Antica macchina per la lavorazione della liquirizia, in mostra stabile davanti al aboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Vecchio motore di macchina per la lavorazione della liquirizia, in mostra stabile davanti al aboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Ulivo del '700 nei pressi del laboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Ulivo del '700 nei pressi del laboratorio Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Palazzo Amarelli, sede dell'omonima azienda produttrice di liquirizia (palazzo-fortezza, XV - XVIII sec.) - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Una delle sale del Museo "Giorgio Amarelli" - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. Courtesy of Museo "Giorgio Amarelli"

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Alcune confezioni di liquirizia Amarelli nello shop annesso al Palazzo di famiglia - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. Courtesy of Museo "Giorgio Amarelli"

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Documenti storici sulla famiglia Amarelli, esposti in una delle sale del Museo "Giorgio Amarelli" - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. Courtesy of Museo "Giorgio Amarelli"

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Formelle per sagomare la liquirizia, Museo "Giorgio Amarelli" - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. Courtesy of Museo "Giorgio Amarelli"

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Documenti aziendali esposti in una delle sale del Museo "Giorgio Amarelli" - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. Courtesy of Museo "Giorgio Amarelli"

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Antico strumento per la marchiatura della liquirizia, Museo "Giorgio Amarelli" - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. Courtesy of Museo "Giorgio Amarelli"

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Sala Auditorium nel palazzo Amarelli - Tenuta Amarelli, Rossano (CS) - Ph. Courtesy of Museo "Giorgio Amarelli"

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tataranni (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Lapide ai piedi di 'U Tatarannu (il patriarca), celebre ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Enzo mostra alcune olive mature di 'U Tatarannu (il patriarca), l'imponente ulivo millenario di contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Ferruccio mostra alcune olive mature di 'U Tatarannu (il patriarca), l'imponente ulivo millenario di contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Enzo Garofalo

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Le basi sono tutto...Il tronco di 'U Tatarannu (il patriarca), l'imponente ulivo millenario di contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tataranni (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

'U Tatarannu (il patriarca) ulivo millenario in contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Nella Calabria jonica cosentina: Amarelli e U Tataranni

Ferruccio Cornicello all'ombra di 'U Tatarannu (il patriarca), l' imponente ulivo millenario di contrada Amarelli, a Rossano (CS) - Ph. © Enzo Garofalo

Leggi anche:

Nella Calabria jonica cosentina fra natura, archeologia e gastronomia: i misteriosi “Giganti di Pietra” di Campana

Nella Calabria jonica cosentina fra natura, archeologia e gastronomia: il pane al sambuco, il monte di Mandatoriccio, il Castello dell’Arso

Castiglione di Paludi: in Calabria, una ”perla” archeologica sconosciuta e trascurata

Calabria jonica: a Rossano, due antiche masserie, lo storico Caffè Tagliaferri, il pane di Forello e la cantina Marinelli

Riferimenti bibliografici:

– D. Canino, Le Pietre dell’Incavallicata, Cosenza, Falco editore, 2007, 82 p.
– A. Taliano Grasso, La Sila Greca. Atlante dei siti archeologici, Gioiosa Jonica, Edizioni Corab, 2000, 141 p.
– J. B. Trumper- A. Mendicino- M. Maddalon (a cura di), Toponomastica calabrese, Roma, Gangemi Editore, 2000, 235 p.
– G. Rohlfs, Dizionario toponomastica e onomastico della Calabria, Ravenna, Longo Editore, 1974, 429 p.
– E. Manzi- V. Ruggiero, La casa rurale nella Calabria, Firenze, Leo Olschki Editore, MCMLXXXVII, 445 p.
– L. Renzo, Campana: itinerari di storia, Rossano (CS), Studio Zeta, 1997, 398 p.
– S. Settis ( a cura di), Storia della Calabria antica. Età italica e romana, Roma, Gangemi Editore, 2000, **, 902 p. + tavv. f.t.
– E. Sereni, Storia del paesaggio agrario italiano, Roma- Bari, Laterza ,1996, 499 p.
– SVIMEZ, Piante officinali in Calabria. Presupposti e prospettive di industrializzazione, Roma, 1951, 118 p.
– G. Valente, Le torri costiere della Calabria, Chiaravalle Centrale (CZ), Frama’s, 1972, 150 p.

Ti potrebbero interessare anche:

I segreti del bosco vecchio. Viaggio nella poetica bellezza dei Giganti di Cozzo del Pesco

L’ultimo lembo dell’antica Silva Brutia è il bosco incantato di Fallistro

Sud d’Autore | Sila d’estate, di Ferruccio Cornicello

Racconta il tuo SUD | Il bianco splendore della Sila negli scatti del calabrese Mario Mele

Vieni, c’è una casa nel bosco…Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Racconta il tuo SUD | Calabria: armonie cromatiche d’autunno in Sila, immagini di Gianni Termine

Racconta il tuo SUD | Calabria: la Sila Grande, immagini di Gianni Termine

Racconta il tuo SUD | Calabria: mucca e vitello fra i boschi della Sila Grande, immagine di Gianni Termine

Racconta il tuo SUD | Autunno sulla Sila, immagine di Gianni Termine

latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su