Lecce rende omaggio a Christian Dior. In mostra gli abiti di una collezione pugliese

dior_image_opt

L’immagine della maison Christian Dior per le vie di Londra – Ph. Nikos Koutoulas  | CCBY2.0

di Redazione FdS

dior_portrait“Christian Dior, l’artigiano degli abiti, il Genio tra classe e lusso” è il titolo dell’evento promosso a Lecce in omaggio al celebre stilista (nella foto a sinistra), in programma mercoledì 21 gennaio, a partire dalle ore 10, a Palazzo dei Celestini. Domani, data del 110° anniversario della sua nascita, il mondo intero, e anche Lecce, celebreranno il ricordo di questo grande stilista, che ha disegnato il cuore delle donne su pezzi di stoffa raffinati e molto pregiati.

L’International Fashion School Cordella, infatti, ha organizzato una giornata celebrativa dell’artista francese, con una eccezionale ed unica esposizione di abiti originali del maestro Dior, un incontro di riflessione sulla sua arte e una lezione speciale dedicata agli studenti. Alcuni abiti originali della collezione New Look risalenti al 1947, patrimonio della Collezione Privata Cordella, saranno infatti esposti per l’intera mattinata nella sede della Provincia di Lecce. Un omaggio che si inserisce nei festeggiamenti promossi a livello nazionale e internazionale in ricordo del grande maestro.

Interverranno Filomena D’Antini Solero, consigliera di Parità della Provincia di Lecce, Antonio Del Vino, della segreteria della Presidenza, Carol Cordella, direttrice dell’Istituto Cordella e Maria Luisa Capasa, imprenditrice del settore della moda e madre dello stilista Ennio Capasa.

Nel corso della mattinata saranno tanti gli spunti su cui riflettere e confrontarsi in un incontro che si svolgerà alla presenza degli studenti di numerose scuole ed istituti artistici e professionali di Lecce, provincia e non solo. A seguire, anche una lezione speciale sullo stilista e il New Look, una collezione caratterizzata dalla rotondità delle spalle, dall’enfasi donata al busto e dal risalto dato alla vita stretta, nonché da gonne a forma di campana di materiale sontuoso. Al contrario del nome attribuitogli (New Look, appunto), questa collezione poggiava sulle conquiste della moda francese della seconda metà del 1800. Non a caso, Dior stesso in seguito ammise di essersi ispirato agli eleganti vestiti che indossava sua madre.

Christian Dior è sicuramente fra gli stilisti più famosi del XX secolo. Nato a Granville, Francia, il 21 gennaio 1905, egli dapprima lavorò come illustratore di moda, poi come un assistente di moda a Parigi sia per Lucien Lelong, che per Robert Piguet. Dior con la sua nuova silhouette, è stato il responsabile principale del ritorno di Parigi come “capitale” del mondo per la moda, dopo che aveva perso la sua importanza durante la seconda guerra mondiale. Nonostante ciò, ci furono molte critiche nei confronti del New Look, soprattutto da parte delle femministe. L’accusa principale era quella di aver riportato le donne ad un ruolo decorativo e quasi subalterno, mentre altri erano scioccati dall’uso stravagante di ornamenti e dal metraggio di tessuto, dato che a quell’epoca il vestiario era ancora razionato. Dopo questa collezione, Dior ne creò ancora di numerose, perseverando nel discorso intrapreso con quelle precedenti e soprattutto orientandosi verso le tematiche iniziali, caratterizzate da tessuti altamente modellati. Dior stabilì un modello di donna improntato al romanticismo e ad un look estremamente femminile, attraverso il quale enfatizzò il lusso, talvolta a discapito del comfort. La morte lo colse nel 1957 a soli 52 anni. Tuttavia, come si dice spesso per i geni, quello che aveva da dire riuscì ad esprimerlo compiutamente, tanto da riuscire a fare del suo nome un sinonimo di classe e di lusso.

Palazzo dei Celestini, Lecce

via Umberto I°

dalle ore 10.00

Ingresso libero

IL LUOGO

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su