La grande opera del Mediterraneo. Lectio magistralis di Renato Soru a Reggio Calabria per il progetto Third Island

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

L'imprenditore Renato Soru - Ph. Spexi.eu | CCBY-SA3.0

L’imprenditore Renato Soru – Ph. Spexi.eu | CCBY-SA3.0

latuapubblicita2

di Redazione FdS

Giorno 14 maggio 2015 alle ore 11.00 presso l’Atelier del Dipartimento dArTe (ex Facoltà di Architettura) dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, Renato Soru partecipa alle giornate conclusive del progetto di ricerca The Third Island Ag 64’ 94’ 14’ con una lectio magistralis su La grande opera del Mediterraneo.

Si avvia alla conclusione il percorso che, a partire dal progetto di ricerca documentaria presentato all’interno della sezione MONDITALIA – XIV Mostra Internazionale di Architettura – la Biennale di Venezia, si è decentrato in Calabria, attraverso un confronto multidisciplinare che ha visto coinvolti fotografi, architetti, critici d’arte, registi, scrittori, giornalisti.
Il ciclo di seminari è stato incentrato sul tema “Per un osservatorio internazionale sulle grandi opere”.

Grandi opere, incompiute, complessi edilizi interrotti, fanno parte ormai del paesaggio italiano, insieme ai grandi sistemi infrastrutturali del dopoguerra che hanno rappresentato un’azione di modernizzazione soprattutto nel sud.
Il curatore nazionale è Antonio Ottomanelli, ricercatore e fotografo documentarista, tra gli autori e curatori invitati alla XIV Esposizione Biennale Internazionale di Archiettura di Venezia – La Biennale di Venezia.

Per il Dipartimento dArTe i curatori scientifici sono i proff. Gianfranco Neri (direttore del DArte), Ottavio Amaro e Marina Tornatora.

Le giornate conclusive sono state organizzate in collaborazione con L’Ordine degli Architetti, Conservatori, Pianificatori e paesaggisti di Reggio Calabria, nell’ambito del Protocollo d’intesa con il Dipartimento DARTE finalizzato allo scambio scientifico e culturale, per una formazione continua.

Renato Soru è un imprenditore e politico italiano, fondatore di Tiscali e della disciolta Andala UMTS, ex Presidente della Regione sarda, carica che ha ricoperto dal 2004 al 2008. Si laurea in Discipline economiche sociali presso la facoltà di Economia dell’Università Bocconi di Milano. Una delle sue prime iniziative in ambito finanziario è stata la partecipazione alla fondazione della CBI Merchant. Nel 1992, dopo una serie di esperienze lavorative a Londra e a Milano, decide di tornare in Sardegna. Qui la sua attività imprenditoriale si sposta verso la grande distribuzione del mercato immobiliare nei paesi dell’est europeo. Inizia a collaborare con l’imprenditore cagliaritano Nicola Grauso, creatore di Video On Line, il primo internet service provider di dimensioni nazionali, e in contatto con lui segue il progetto relativo alla fondazione di un’analoga iniziativa nella Repubblica Ceca. Grauso prima e Soru poi diventano in quegli anni le figure più innovative e lungimiranti dell’imprenditoria italiana, scoprendo e sviluppando un settore, Internet, che sino ad allora era conosciuto solo dagli addetti ai lavori. Nel 1997 fonda Tiscali. Tiscali cresce fino a diventare provider informatico tra i più importanti al mondo. Renato Soru diventa in quegli anni uno dei personaggi più conosciuti e innovativi dell’imprenditoria italiana e mondiale. Nel 2003, dopo anni di contatti informali con i DS, decide di entrare in politica, creando un proprio movimento denominato Progetto Sardegna, che si colloca su posizioni di sinistra moderata, proponendo un programma di valorizzazione dell’economia sarda. Si candida alla guida della Regione Sardegna per lo schieramento di centrosinistra e conquista il 50,13% delle preferenze. Nel 2014, è stato eletto Europarlamentare nella Circoscrizione Isole.

Info:  prof. Ottavio Amaro – tel. 3491085898 – ottavio.amaro@unirc.it

Leggi anche:

The Third Island. La Calabria raccontata a Reggio in un festival che indaga il rapporto tra tecnologia, infrastrutture e paesaggio

Trasformare, difendere, ricostruire il paesaggio. Incontro a Bari con Antonio Ottomanelli

aliamedia

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su