La cultura intorno a te: la pluripremiata startup calabrese Viaggiart sbarca con la sua App sugli store Apple e Android

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

viaggiart_logo

di Redazione FdS

Ad aprile scorso ne intervistammo i fondatori, Stefano Vena e Giuseppe Naccarato, ed ora torniamo ad occuparcene in occasione dell’uscita sugli store Apple ed Android della prima App ad essa dedicata. Parliamo di Viaggiart, la piattaforma calabrese che agli inizi di quest’anno è stata premiata nel corso della tappa materana di Next-La Repubblica delle Idee – il festival itinerante dell’innovazione che fa capo al quotidiano nazionale La Repubblica ed è promosso dal giornalista Riccardo Luna – quale migliore startup per la categoria Turismo.

Con la creazione del nuovo dispositivo si amplia l’accesso all’offerta informativa di Viaggiart fino ad ora fruibile attraverso il suo sito (viaggiart.com). Musei, monumenti, beni paesaggistici e architettonici e tanto altro ancora, sono ora a completa disposizione dell’utente semplicemente premendo un tasto sullo smartphone. Dopo una prima fase di test, è dunque arrivata online l’app di Viaggiart, la piattaforma che permette di conoscere e scoprire tutti i luoghi della cultura intorno a noi. E’ possibile scaricare Viaggiart gratuitamente, collegandosi agli store Apple e Android, iniziando così a scoprire anche i posti più suggestivi ma meno conosciuti della penisola italiana.

“Abbiamo lavorato tanto per entrare negli Store – spiega il direttore commerciale Fabio Tarantinoe vogliamo fare in modo che Viaggiart diventi davvero uno strumento indispensabile per aiutare i turisti e i viaggiatori a conoscere l’Italia più bella ma spesso sconosciuta, quella intorno a noi. Inoltre, nei prossimi mesi lavoreremo per integrare gli attrattori culturali e le eccellenze del Made in Italy sparsi in tutta la penisola”

COS’È | Viaggiart è la piattaforma per il turismo realizzata dall’azienda calabrese Altrama Italia (maggiori dettagli su www.altrama.com): i due sviluppatori, Giuseppe Naccarato e Stefano Vena, hanno utilizzato i data set disponibili sui portali del Ministero per i Beni Culturali uniformandoli e rendendoli fruibili in maniera facile e intuitiva. Dopo la sua presentazione, è arrivato il premio di Next: la Repubblica delle Idee e, pochi mesi dopo, Viaggiart ha anche ricevuto il premio Telecom Italia durante il Best Practices, l’evento organizzato da Confindustria Salerno e dedicato alle migliori realtà innovative italiane. Nei mesi scorsi Viaggiart è stata selezionata per partecipare al TalentLab, il percorso di formazione e accelerazione aziendale promosso da CalabriaInnova insieme ai venture capitalist di dPixel, organizzatori tra l’altro del BarCamper e del TechGarage.

COME FUNZIONA | Dopo averla scaricata sugli store Android  o Apple, basta avviare l’applicazione che geolocalizzerà l’utente. Subito dopo aver stabilito la posizione, l’app scarica immediatamente gli attrattori culturali che si trovano a pochi chilometri, permettendo all’utente di scegliere quale visitare o di creare tramite le mappe un itinerario che ne comprenda più di uno e di raggiungerli tramite navigatore. E’ possibile inoltre conoscere e scoprire le mostre, i convegni culturali, i concerti e gli incontri promossi nelle tue vicinanze, dandoti inoltre la possibilità di condividerli con gli amici o di farti raggiungere tramite la localizzazione.

È possibile, inoltre, filtrare le ricerche selezionando le tipologie di monumenti e beni culturali che si vogliono visitare, siano essi parchi, edifici, musei, teatri e tanto altro ancora, decidendo inoltre entro quale raggio si debba allargare la ricerca, impostata inizialmente per indicare i luoghi della cultura a pochi chilometri da te.

Stefano Vena e Giuseppe Naccarato GLI AUTORI | Giuseppe Naccarato (a destra, nella foto) è laureato in Ingegneria Gestionale ed ha svolto un dottorato di ricerca in Psicologia della Programmazione e Intelligenza Artificiale presso l’Università della Calabria. Durante l’attività di ricerca si è occupato di tecnologie digitali applicate ai Beni culturali e al turismo, focalizzandosi sul tema della valorizzazione dei luoghi della cultura attraverso sistemi basati sulla localizzazione degli utenti e algoritmi matematici per la personalizzazione degli itinerari. Stefano Vena è laureato in Ingegneria Informatica ed ha svolto un dottorato di ricerca in Psicologia della Programmazione e Intelligenza Artificiale presso l’Università della Calabria. Si è occupato di nuove tecnologie applicate al multimedia e all’intrattenimento educativo e di Intelligenza Artificiale, focalizzandosi sul tema delle “Dinamiche non lineari in Reti Neurali Cellulari”. Il blog Che Futuro! li ha inseriti nella TOP100 dell’Innovazione in Italia per il 2013.
 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su