I tesori della Magna Grecia tornano visibili al Museo Archeologico di Napoli

Affresco con le Danzatrici di Ruvo, V sec. a.C. - Napoli, Museo Archeologico Nazionale

Affresco con le Danzatrici di Ruvo, V sec. a.C. – Napoli, Museo Archeologico Nazionale

di Redazione FdS

Basterebbe lo splendido affresco funerario delle Danzatrici di Ruvo e i reperti votivi provenienti dall’antica colonia greca di Locri Epizephiri, per rendere la sezione dedicata alla Magna Grecia una delle più preziose fra quelle che compongono lo straordinario patrimonio del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, ma al suo interno c’è di più, molto di più. Finalmente, dopo oltre venti anni di chiusura (l’ultimo allestimento risale al 1996) il prossimo 11 luglio riapre al pubblico uno dei nuclei storici del museo partenopeo. E’ una delle più ricche e pregevoli raccolte di antichità magno-greche, che verso la seconda metà del Settecento cominciarono ad affluire nell’allora Museo del Regno, con acquisizioni proseguite fino ai primi decenni del Novecento.
 

Sezione Magna Grecia (Museo Archeologico di Napoli, opening 11 luglio 2019)

Sezione Magna Grecia (Museo Archeologico di Napoli, opening 11 luglio 2019)

La collezione sarà visibile al primo piano del Museo in sale (dalla 130 alla 143) attigue al salone della Meridiana, in un allestimento progettato dall’archeologo Enzo Lippolis, scomparso prematuramente nel 2018, a cui è dedicata la prima sala della sezione. I reperti in mostra sono oltre 400 e saranno visitabili anche col supporto di un catalogo-guida curato da Paolo Giulierini, direttore del Museo. Il nuovo percorso espositivo sarà incentrato sul tema delle culture, per spiegare la complessità delle coesistenza e dei sistemi di relazioni tra le diverse comunità dell’Italia meridionale prima della Romanizzazione.

Tra i maggiori nuclei espositivi risalta la presenza del materiale votivo dalla colonia di Locri, in particolare quello proveniente dal santuario di contrada Parapezza, dedicato a Demetra. Questo complesso votivo permette di rappresentare in maniera esemplare l’importanza del rituale religioso nell’organizzazione sociale e politica delle società magno greche. In generale saranno in mostra, bronzi, armature, armi e piccoli oggetti provenienti dai principali siti della Magna Grecia.

I visitatori potranno ripercorrere il “mondo” della Magna Grecia attraverso alcuni grandi itinerari tematici (ad esempio, la religione, l’architettura, la pratica del banchetto e le forme di interrelazione tra le diverse popolazioni dell’Italia meridionale dal VI alla fine del III sec. a. C.).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Museo Archeologico Nazionale, Napoli
Piazza Museo, 19
Orari: feriali 9.00 – 19.30; festivi 9.00 – 19.30; chiuso il martedì
Info:  Tel. +39 081 442 2149 – www.museoarcheologiconapoli.it

IL LUOGO

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su