Edward Lear: a Bova una mostra dedicata all’artista inglese che amò e descrisse la Calabria

Edward Lear, Veduta di Reggio Calabria, tratta da "Journals of a landscape painter in Southern Italy" - 1852

Edward Lear, Veduta di Reggio Calabria, tratta da “Journals of a landscape painter in Southern Italy” – 1852

di Redazione FdS

Domenica 24 Luglio alle ore 19.00, presso il Museo della Lingua Greco Calabra “Gerhard Rohlfs” di Bova (Reggio Calabria), negli spazi della Biblioteca “Franco Mosino”, sarà possibile visitare la mostra Sguardi Nuovi per vecchi sentieri, sulle orme di Edward Lear, 1847, nata su iniziativa del Liceo Scientifico Statale “Leonardo Da Vinci” (ente promotore) e del Dipartimento d’Arte dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria con la collaborazione dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte. L’esposizione, che rimane aperta fino al 10 settembre, sarà accompagnata dalle letture, a cura di Daniela Scuncia, di alcuni limerick dello scrittore inglese Edward Lear che a metà Ottocento visitò e descrisse magistralmente la Calabria meridionale. Tali letture ci porteranno a scoprire aspetti pochi noti di questa interessante figura di poliedrico artista dell’Inghilterra vittoriana, apprezzato oltre che per i suoi splendidi disegni e dipinti, anche per le sue brevi poesie bizzarre e surreali (limericks).
 

Una delle illustrazioni ottocentesche dei Limericks di Edward Lear

Una delle illustrazioni ottocentesche dei Limericks di Edward Lear

La mostra, coordinata dall’architetto Giovanna Vadalà e dai professori Rosario Giovanni Brandolino e Domenico Mediati dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, propone un’esperienza di rilettura e reinterpretazione di testi, disegni, impressioni e tratti paesaggistici narrati da Edward Lear nelle sue memorie pubblicate nel 1852 in Diario di un viaggio a piedi a seguito del viaggio in Calabria nell’estate del 1847. Il racconto dello scrittore e disegnatore inglese è veicolato sapientemente ad utenze con culture, sensibilità ed abilità differenti: pannelli sono infatti concepiti per racchiudere un’esperienza “interattiva” e multiculturale al fine di raccontare il paesaggio, i personaggi e i luoghi rappresentati dallo scrittore con l’ausilio di molteplici apparati tecnologici e visivi: braille, mappe tattili, codici QR, dispositivi in lingua inglese, arabo e grecanico. L’esposizione nasce dalla collaborazione tra comune di Bova e l’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte con l’obbiettivo di abbattere le barriere architettoniche ed ampliare la fruizione ai ciechi e agli ipovedenti nel Museo della Lingua Greco Calabra “Gerhard Rohlfs”.

All’evento sarà presente il Presidente del Parco Nazionale dell’Aspromonte, Leo Autelitano, il Sindaco di Bova, Santo Casile, il vicesindaco con delega alla cultura Gianfranco Marino. Per l’occasione è stato coinvolto il Centro di Lingua e Cultura Ellenica Ellimomatheia di Reggio Calabria, grazie al quale il Museo “Gerhard Rohlfs” potenzia l’offerta culturale con nuovi dépliant tradotti in neogreco dalla direttrice del centro, Vasiliki Vourda, sul percorso museale e sulle bellezze del borgo di Bova. Fondamentale inoltre la collaborazione con l’associazione bagaladese “Un villaggio per crescere” che organizzerà delle attività per famiglie e bambini fino ai sei anni sui limerick di Edward Lear, brevi poesie dai contenuti apparentemente semplici e dal ritmo di filastrocca, che svelano la visione anticonformista di Lear. La dott.ssa Daniela Scuncia darà lettura proprio di queste originalissime filastrocche, che allieteranno il tramonto al parco letterario “Il giardino delle Parole – O Cipo ton Logo” del Museo della Lingua Greco Calabra “Gerhard Rohlfs”, il quale ha dedicato l’estate 2022 proprio ai viaggiatori del Gran Tour con l’organizzazione di una rassegna culturale carata dal direttore del museo Pasquale Faenza, colma di appuntamenti realizzati dalla associazione di promozione sociale ISMIA, nell’ambito del progetto “Ela ela mu kondà” Come visit us, Vieni a trovarci! – Laboratori culturali al Museo della lingua Greco-Calabria G. Rohlfs di Bova/ Cultural workshops at the G. Rohlfs Museum in Bova” finanziato dal Dipartimento Sviluppo Economico e Attrattori Culturali della Regione Calabria – Sostegno di attività di animazione nei beni culturali – annualità 2020 – Fondi PAC 2007-2013 – scheda di intervento 7 – Pilastro III Nuove operazioni “interventi per la promozione e la produzione culturale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su