Vieni, c’è una casa nel bosco…Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Calabria - Scorcio ovest della residenza baronale Torre Camigliati, Camigliatello Silano (Cosenza) – Ph. © Ferruccio Cornicello

Calabria – Scorcio ovest della residenza baronale Torre Camigliati, Camigliatello Silano (Cosenza) – Ph. © Ferruccio Cornicello | Photogallery a fondo pagina

di Redazione FdS

Oggi vi proponiamo un viaggio alla scoperta di una bellissima dimora di campagna appartenente ad una nobile famiglia calabrese che all’epoca del Regno delle Due Sicilie passava per essere la più ricca d’Italia quanto a proprietà terriere: i Barracco. A parte tale dettaglio di non poco conto, essi dettero all’Italia post-garibaldina una delle figure più colte e raffinate di mecenate e collezionista oltre che senatore del neonato Regno d’Italia, quel Giovanni Barracco fondatore dell’omonimo museo di arte antica che oggi è visitabile a Roma presso la Piccola Farnesina. A lui e al suo museo prossimamente dedicheremo un pezzo per la nostra rubrica Gente del Sud.

Ecco cosa scriveva dei Barracco nell’800 l’assiriologo e numismatico francese Francois Lenormant nel suo diario di viaggio in Italia La Grande Grèce: “«Uno dei nobili di Crotone, il barone Barracco, passa per il più ricco proprietario fondiario di tutta Italia; io non ardisco qui di manifestare il numero di milioni, con cui la voce pubblica valuta la sua fortuna». Stando a questa breve annotazione, ci si aspetterebbe di vedere associato il casato a residenze fastose, ma così non è per la sobria architettura settecentesca del grande palazzo di Crotone (oggi sede del MACK, museo di arte contemporanea) e per la villa-palazzo di Torre Camigliati, a pochi passi da Camigliatello Silano, nella Sila Grande: un edificio in pietra a vista e laterizi dal severo aspetto di masseria fortificata ma immerso nell’incanto di un ambiente naturale unico che ne addolcisce ogni spigolosità.

E’ questo il luogo in cui vi portiamo oggi e vi diciamo subito che la nostra visita ha riguardato solo l’esterno e il contesto naturale, dato che attualmente l’edificio ospita al secondo piano un B&B di charme, mentre per il resto è occupato dagli appartamenti privati dei proprietari – eredi diretti di quelli storici e normalmente residenti a Napoli – e dalla sede del Parco Letterario ‘Old Calabria’ dedicato al capolavoro dello scrittore austro-inglese Norman Douglas che agli inizi del ‘900 “cantò” la Calabria in quello che senza dubbio può considerarsi il libro più bello ad essa mai dedicato, appunto Old Calabria (edito in Italia da Giunti con il titolo di Vecchia Calabria).

L’inverno in Sila può essere molto duro, ma noi siamo stati fortunati nel giungere a Torre Camigliati in un giorno di sole splendente, con quell’aria tersa che aiuta lo sguardo a definire i contorni delle cose esaltandone la bellezza. Siamo a 1200 metri di altezza, a 30 chilometri da Cosenza e a due passi dal centro di Camigliatello Silano: la neve qui è già caduta e disciolta ma l’inverno è lungo e può riservare ancora sorprese. Il cancello che immette nel viale di ingresso della tenuta è aperto, sebbene un cartello avvisi che il Parco Letterario ‘Norman Douglas’ è al momento chiuso. Fra alti alberi secolari e il suono argentino dell’acqua trasparente di un piccolo torrente percorriamo il viale – un sentiero secondario, perché il viale alberato centrale, quello scenograficamente in asse con la facciata del palazzo è sbarrato – ed arriviamo sul lato ovest della tenuta. Bellissimi arbusti di agrifoglio con le loro bacche rosse e una lapide del 2007 in memoria di Salvatore Bisignano, colui che “con il suo ingegno, passione e laboriosità rese possibile il ritorno agli antichi splendori di Camigliati”, si impongono alla nostra attenzione mentre percorriamo il breve passaggio che permette di accostarsi al palazzo.

La Torre Camigliati, una costruzione a tre piani, maestosa nella semplicità delle sue linee, è un monumento di interesse nazionale risalente al XVIII secolo. Considerata un esempio tipico delle residenze baronali calabresi, silane in particolare, si staglia in un parco naturale privato di 60 ettari vincolati ai sensi della legge 1089 e costellati di splendidi alberi secolari – pini, ontani, pioppi, aceri, querce – su prati che a primavera diventano una magica tavolozza di colori e ruscelli che convogliano l’acqua delle numerose polle sorgive della zona. La Torre fu abitata dai Baroni Barracco fino all’inizio del secolo scorso per poi diventare, a distanza di anni, il primo ed unico hotel di lusso di questo angolo di Calabria. Con la riforma agraria del 1950 e la fine del latifondo, la Torre andò incontro ad anni di abbandono e decadenza. Più di recente, grazie ad un attento restauro strutturale e conservativo ha ritrovato la sua vocazione di struttura ricettiva di charme, arredata secondo i canoni tipici delle case baronali, con mobili di antiquariato napoletano, antichi letti in ferro calabresi, tessuti delle manifatture di San Leucio e stampe inglesi che ricreano le atmosfere di una casa patrizia ottocentesca. Anche i casolari adiacenti sono stati interamente ristrutturati ed aperti all’ospitalità, idonei come base di partenza per escursioni e visite, anche guidate, ai luoghi di maggiore interesse artistico e ambientale della zona. Ma la vera grande novità per Torre Camigliati è stata quella di diventare anche sede del Parco Letterario ‘Old Calabria’, importante centro culturale per la promozione del territorio intitolato appunto a Norman Douglas.

A volerne la nascita la vulcanica Mirella Stampa Barracco, consorte di Maurizio Barracco, attuale presidente del cda del Banco di Napoli (gruppo Intesa Sanpaolo), impegnata a 360 gradi nel mondo della cultura e salita agli onori delle cronache per aver istituito, insieme al marito, la Fondazione Napoli Novantanove, promotrice della lodevole iniziativa ‘Monumenti Porte Aperte’, primo serio tentativo di riavvicinare i cittadini di Napoli alla loro storia, di appassionarli alla loro città, avviando un virtuoso percorso di ‘riscoperta’ dalle notevoli implicazioni culturali e civili oltre che turistiche. Con il Parco Old Calabria e i Viaggiatori del Grand Tour, Mirella Barracco ha messo a frutto in chiave di intelligente promozione territoriale il resoconto di viaggio che Norman Douglas, raffinato ed eccentrico scrittore e viaggiatore, redasse nel 1915 al ritorno da una serie di viaggi in Calabria. Sul suo esempio, il progetto è dunque volto a stimolare la conoscenza della Calabria, soprattutto delle sue zone più interne, al fine di valorizzarne il patrimonio culturale ed ambientale, di permettere ai visitatori la scoperta di usi, costumi, consuetudini, odori e sapori. Il racconto di Douglas non è però l’unico ad aver ispirato la nascita del parco, dato l’alto numero di viaggiatori, stranieri e anche italiani, che a partire dal Settecento si sono spinti alla scoperta del Sud d’Italia e della Calabria in particolare: da Edward Lear a Francois Lenormant, George Gissing, Alexandre Dumas, Dominique Vivant Denon, Henry Swinburne, solo per citarne alcuni.

Sulla scia di tale letteratura odeporica, il Parco organizza veri e propri “viaggi letterari” lungo l’itinerario classico del Grand Tour in Calabria, alla scoperta dei luoghi che lo hanno ispirato. Montagne di incontaminata bellezza, spiagge bianchissime circondate di macchia mediterranea, le storiche colture di agrumi ed ulivi, il millenario patrimonio culturale fra insediamenti magno-greci, castelli, cattedrali, abbazie, certose e tracce della religiosità bizantina sopravvissute in chiese, romitori, grotte, feste e dialetti. E poi ancora botteghe artigiane in cui si perpetuano antiche tradizioni manifatturiere e luoghi in cui gustare i piatti principali della gastronomia regionale. Il tutto in un’area di oltre 200 kmq distribuiti fra le province di Cosenza e Crotone, dal Massiccio del Pollino a Capo Colonna, la punta più orientale della Calabria, abbracciando le diverse culture della regione, quella bruzia, la bizantina, l’albanese, la magno-greca.

Le sede del Parco è al piano terra della Torre Camigliati che d’estate diventa il fulcro delle attività culturali della Fondazione Napoli Novantanove, oltre ad ospitare stabilmente una segreteria, una sala conferenze attrezzata da 60 posti, una biblioteca con la mostra permanente di foto di Mimmo Jodice sui Luoghi del Grand Tour in Calabria, due infopoint sull’altopiano silano, un’antica locanda arredata con attrezzi e utensili della civiltà contadina e shop promozionali dedicati all’artigianato artistico calabrese nei campi della tessitura e della ceramica.

Oltre al Parco Old Calabria la Fondazione Napoli Novantanove ha dato vita anche a La Nave della Sila, il museo ospitato nell’antica vaccheria restaurata dall’Arch. Sila Barracco e situata a poche centinaia di metri dall’ingresso della tenuta. Il museo è primo tentativo di raccontare il drammatico fenomeno dell’emigrazione calabrese nell’ambito di uno sguardo d’insieme di respiro nazionale.

Insomma Torre Camigliati è un luogo assolutamente da conoscere, dove certamente torneremo d’estate quando la vegetazione sarà al massimo del suo rigoglio e ci offrirà un’immagine per noi ancora inedita di questa tenuta che intanto ci saluta con un viale di antichi meli dai cui rami, nonostante l’inverno inoltrato, pende ancora qualche profumatissimo e saporito frutto dorato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

GUARDA LA PHOTOGALLERY

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Calabria - Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Torrente a Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Torrente a Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Vialetto laterale di accesso a Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Arbusto di agrifoglio ricoperto di licheni a Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Lapide in memoria di Salvatore Bisignano, a Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Arbusto di agrifoglio con bacche a Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Prospetto della Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Stemma della famiglia Barracco sulla facciata di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Arma: troncato, nel 1° d'azzurro a due stelle d'oro, nel 2° d'oro con una cornetta da caccia nera sostenuta da tre fili attaccati ad un troncone di albero verde posto sullo spaccato - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Part. della facciata della Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Balcone sulla facciata della Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio della Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Part. di balcone sulla facciata della Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Viale posteriore della Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Fontana lungo il viale posteriore della Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio anteriore della Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Part. architettonico di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Arbusto di agrifoglio cresciuto lungo la facciata di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Fontanella d'acqua sorgiva a Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Panchina nel parco antistante Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio del parco antistante Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio del parco antistante Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Viale posteriore di Torre Camigliati e scorcio della dependance, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Part. di uno dei pilastri d'ingresso del parco Torre Camigliati e scorcio della dependance, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio del viale alberato antistante Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio del viale alberato antistante Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Scorcio del viale alberato antistante Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Fontanella d'acqua sorgiva a Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Alberi secolari e giovani abeti nel parco di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Alberi secolari e giovani abeti nel parco di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Antico albero di mele nel parco di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Vialetto di antichi meli nel parco di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Vialetto di antichi meli nel parco di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Antico albero di mele nel parco di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e il Parco Letterario Old Calabria

Antico albero di mele nel parco di Torre Camigliati, Camigliatello Silano, Spezzano della Sila (Cosenza) - Ph. © Ferruccio Cornicello

Torre Camigliati e Parco Old Calabria, Camigliatello Silano
C.da Torre Camigliati
tel. +39 0984 578200
tel. +39 081 667599
fax +39 0984 578200
fax +39 081 667399

www.torrecamigliati.it
info@torrecamigliati.it

www.oldcalabria.org
www.oldcalabria.it
info@oldcalabria.org

Museo La Nave della Sila
tel. +39 0984 578200
fax +39 0984 570776
www.lanavedellasila.org

Orari di apertura: luglio: venerdì – sabato – domenica 10.00-14.00 – 15.30-18.00
agosto: tutti i giorni (chiuso il 15) 10.00-14.00 – 15.30-19.30
settembre: sabato – domenica 10.00-14.00 – 15.30-18.00

Per prenotazioni:
info@lanavedellasila.it
info@oldcalabria.org
info@napolinovantanove.org
o via fax allo 0984.570.776 o 081.66.73.99
Per qualunque altra informazione: tel. allo 081.66.75.99

IL LUOGO

Visualizzazione ingrandita della mappa

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

sette + 2 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su