Viaggio fra i tesori naturalistici di Civita

Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Tratto finale del torrente Raganello visto da Civita (Cs) - © Andrea Martini di Cigala

Tratto finale del torrente Raganello visto da Civita (Cs) – © Andrea Martini di Cigala | Photo gallery a fondo pagina

di Andrea Martini di Cigala

Civita (Cosenza) è un piccolo paese di origine albanese fondato nella seconda metà del 1400 da gente in fuga dall’invasione turca dell’Albania. A differenza di tanti altri piccoli paesi dell’entroterra calabrese, negli ultimi anni Civita si sta distinguendo per la valorizzazione delle proprie tradizioni, della sua particolare cultura e delle risorse naturalistiche del proprio territorio, favorendo la nascita di diversi B&B, attività culturali e servizi di turismo ambientale escursionistico. Il territorio di Civita ricade all’interno del Parco Nazionale del Pollino e della riserva naturale Gole del Raganello estesa su un territorio di 1600 ettari. Quest’ultima, istituita nel 1987, comprende due grandi Canyon scavati dal torrente Raganello il quale prende il nome probabilmente dalla consistente presenza nelle sue acque della Raganella comune. I due canyon attraversano un territorio estremamente roccioso, con impressionanti pareti verticali alte centinaia di metri.

Il canyon più visitato è costituito dalle gole basse del Raganello, facilmente raggiungibile a piedi dal centro del paese. In poco più di un quarto d’ora si arriva al bellissimo Ponte del Diavolo, costruito ad un’altezza di circa 50 metri dall’alveo del torrente, mentre scendendo ancora si raggiunge l’ingresso sud delle gole basse dal quale si può risalire il torrente inoltrandosi nel canyon, muniti almeno di un caschetto di protezione e scarpe da scoglio. E’ comunque possibile farsi accompagnare da guide esperte e competenti. Nel tratto più basso delle gole il torrente è facilmente percorribile ma se si vuole visitare in tutti i suoi 7 chilometri è necessario avere corde, moschettoni e una certa esperienza di arrampicata.

L’altro canyon, scavato sempre dallo stesso torrente ma più a monte, è costituito dalla gigantesca fenditura che separa la Timpa di San Lorenzo dalla Timpa di Cassano ed è chiamato anche Gola di Barile. L’imbocco della gola si raggiunge dal paese di San Lorenzo Bellizzi (Cosenza) in dieci minuti di auto. Per entrare nella gola è necessario arrampicarsi tra delle rocce e passare da una stretta fenditura. Questo canyon di circa 3km è molto meno frequentato delle gole basse ma conserva forse anche per questo un fascino particolare; ovviamente bisogna anche qui stare attenti ed essere ben attrezzati per non incorrere in spiacevoli imprevisti. Oltre ai canyon il territorio di Civita comprende una zona montana raggiungibile in 12 km che vale assolutamente la pena di visitare.

Imboccata la strada per la montagna seguendo l’indicazione per “Rifugio Colle Marcione”, si raggiunge appunto il passo di Colle Marcione dal quale si ha una bellissima vista sull’incredibile valle alta del Raganello e sull’imponente parete Sud-Ovest della Timpa di San Lorenzo che precipita quasi verticalmente per circa 800 metri. Inoltre dallo stesso punto si può ammirare una delle faggete più estese del Pollino denominata “La Fagosa” dalla quale emergono alcune delle vette più alte del parco. Questa località rappresenta anche un valido punto di partenza per numerose escursioni montane, in particolare si può raggiungere la lunghissima e panoramica “Cresta dell’Infinito” che arriva fino alla vetta di Serra Dolcedorme che con i suoi 2267 m. slm è la più alta montagna del Sud Italia dopo l’Etna. Raggiungere la Serra Dolcedorme da Colle Marcione rappresenta comunque un itinerario molto impegnativo con un dislivello di oltre 1000 metri. Le foto che seguono sono una sintesi visiva della riserva naturale Gole del Raganello e del territorio intorno a Civita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Civita e i suoi tesori naturalistici

Veduta panoramica di Civita (Cs) - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Scorcio del Ponte del Diavolo, Civita (Cs) - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Tratto delle gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Il Ponte del Diavolo visto dal letto del torrente Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Tratto delle gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Le rocce levigate dall'acqua nelle Gole del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Nelle gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Tratto delle gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Tratto delle gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Pareti rocciose delle gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Le rocce a strapiombo che sovrastano le gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Le rocce a strapiombo che sovrastano le gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Il torrente Raganello fuori dalle gole basse del Raganello - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Le timpe e le vette del Pollino - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

La Timpa del Demonio e uno scorcio panoramico di Civita, dopo una nevicata - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Campi innevati lungo la strada per Colle Marcione - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Sulla Cresta dell'Infinito - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

La Serra Dolcedorme e la Serra delle Ciavole che sovrastano il bosco de La Fagosa - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

La Serra Dolcedorme e la Manfriana - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Sulla Cresta dell'Infinito - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

La parete sud-ovest della Timpa di San Lorenzo - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

La parete sud-ovest della Timpa di San Lorenzo - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Le vette del Pollino e il bosco de La Fagosa - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Gola di Barile, la grande spaccatura fra le Timpe di S. Lorenzo e di Cassano - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

La Timpa del Demonio e uno scorcio panoramico di Civita - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Timpa del Demonio - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Parete sud-ovest della Timpa di San Lorenzo - Ph. © Andrea Martini di Cigala

Civita e i suoi tesori naturalistici

Sulla strada per Civita - Ph. © Andrea Martini di Cigala

 
CALABRIE Blog
 
latuapubblicita2
 

  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
    Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

18 + quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su