Venerdì Santo a Ferrandina, gli Ori del Cristo morto: le prime suggestive immagini di un rito secolare

Il Cristo morto della Chiesa di S. Domenica dopo la vestizione con gli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Il Cristo morto della Chiesa di S. Domenico, a Ferrandina (Matera), ricoperto di ori devozionali – Ph. © Francesco La Centra

Il secolare rito della apposizione del ori devozionali sulla statua del Cristo Morto ha luogo ogni anno, il Venerdì Santo, nel borgo lucano di Ferrandina. Il fotografo Francesco La Centra ne ha documentato per la prima volta lo svolgimento

di Alessandro Novoli

Nel 2014 vi parlammo della processione del Venerdì e del Sabato Santo a Ferrandina (Matera), fra devozione e identità, mostrandovi alcuni momenti del rito comunitario attraverso le immagini del fotografo lucano Francesco La Centra. C’è però una fase molto suggestiva che precede e segue la processione del Cristo morto, momento centrale dei Riti della Settimana Santa che in questo borgo lucano, come in altri luoghi del Sud Italia, assume significati profondi legati al mistero della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo. Essa si svolge da generazioni a porte chiuse nella chiesa barocca di San Domenico sotto l’egida dell’omonima Confraternita: è il rito della apposizione sulla statua del Cristo morto degli ori devozionali frutto di innumerevoli donazioni ex voto, fatte cioè per grazia ricevuta o in adempimento di una promessa, al quale segue quello della loro rimozione la sera del Sabato santo, al termine della processione. A presiedere questi due momenti è un gruppo di donne, per la precisione tre, come le Marie ai piedi della Croce: con cura meticolosa e un intenso trasporto, svolge questo compito fin dall’età di 13 anni Lucrezia Farina, oggi cinquantenne, assistita con analogo spirito di devozione da Antonella Violillo e Carmela Timpone. Il rito si svolge da sempre in assenza di pubblico per cui le suggestive immagini di Francesco La Centra che vi proponiamo sono le prime ad essere pubblicate; con esse, in photo gallery, anche alcuni momenti della processione [v. le photo gallery a fondo pagina].

Il Cristo morto con la corona di spine in argento - Ph. © Francesco La Centra

Il Cristo morto con la corona di spine in argento, XIX sec. – Ph. © Francesco La Centra

Il rito inizia verso le 9.00 del mattino del Venerdì e prosegue fin verso l’ora di pranzo perché i monili d’oro, portati in chiesa da un membro della Confraternita scortato da alcune guardie giurate, devono essere rigorosamente catalogati prima di essere posizionati sulla statua del Cristo che nel corso dell’anno indossa solo una corona di spine in argento sul capo e porta fra le mani alcuni fiori dello stesso metallo prezioso.  Dopo l’apposizione degli ori la sacra effigie è pronta per essere portata a spalla dai confratelli, cosa che avverrà a partire dalle 19 del Venerdì, con un corteo al quale strada facendo si uniranno altre statue, fra cui quelle della Vergine Addolorata e di San Giovanni. La processione si ripete il giorno successivo, e la sera verso le 19.00, a corteo ultimato, dopo il rientro della statua nella chiesa di S. Domenico, ha luogo la rimozione degli ori, eseguito dalle stesse persone del giorno precedente: stavolta viene verificata la corrispondenza degli oggetti con quelli catalogati dopodiché vengono levati dalla sacra effigie e riposti nelle rispettive custodie, alcune delle quali mostrano i remoti segni del tempo. La quantità dei gioielli cresce ogni anno perché può accadere che uno o più fedeli compiano una nuova donazione la mattina del Venerdì Santo.

I fedeli rendono omaggio al Cristo morto - Ph. © Francesco La Centra

Venerdì Santo: i fedeli rendono omaggio al Cristo morto, Ferrandina (Matera) – Ph. © Francesco La Centra

La processione del Cristo morto pressoché come la conosciamo oggi fu impostata nel 1870 dal canonico Nicola Caputi ed era in origine circoscritta al Venerdì, sebbene si prolungasse spesso fino al mattino successivo. La statua veniva allora trasportata senza bara, faceva tappa presso la Chiesa Madre di Santa Maria della Croce per poi approdare alla chiesa dei Cappuccini dove tutti i fedeli attendevano con mestizia l’arrivo della Addolorata per lo struggente incontro con il Figlio morto. In origine l’antica effigie del Cristo era in legno e veniva custodita presso la Chiesa di Santa Chiara. Con la soppressione dell’ordine delle Clarisse fu trasferita a San Domenico – chiesa ricca di opere d’arte e raffinati manufatti di falegnameria del Sei-Settecento – e per la processione si decise di utilizzare una nuova statua in cartapesta policroma, realizzata nel 1897 da Salvatore Mariano sulla base di un calco ottenuto dall’originale. Dello stesso autore è anche l’attuale statua del San Giovanni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

GLI ORI DEL VENERDI SANTO A FERRANDINA

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Venerdì Santo, Chiesa di S. Domenico, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Il Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

L'inventario degli ori devozionali, Chiesa di S. Domenico, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Ori devozionali, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Apposizione degli ori sul Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Lucrezia Farina appone gli ori sul Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Apposizione degli ori sul Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Il Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Apposizione degli ori sul Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Apposizione degli ori sul Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Apposizione degli ori sul Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Apposizione degli ori sul Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Gli ori del Cristo morto a Ferrandina

Ori devozionali per il Cristo morto, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

 

LA PROCESSIONE e LA RIMOZIONE DEGLI ORI

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Processione del Venerdì Santo, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Processione del Venerdì Santo, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Processione del Venerdì Santo, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Processione del Venerdì Santo: i cirii, caratteristiche strutture formate da candele ornate con finimenti d’argento, Ferrandina (Matera) - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Il feretro del Cristo dopo la processione del Sabato, Chiesa di S. Domenico, Ferrandina (Mt) - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Il feretro del Cristo dopo la processione del Sabato, Chiesa di S. Domenico, Ferrandina (Mt) - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Il feretro del Cristo attende la rimozione degli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Apertura del feretro per la rimozione degli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Apertura del feretro per la rimozione degli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Apertura del feretro per la rimozione degli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Rimozione degli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Rimozione degli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Rimozione degli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Rimozione degli ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Alcuni ori devozionali - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

Chiaroscuri nella chiesa dell'Addolorata, sec. XVI-XVIII, Ferrandina (Mt) - Ph. © Francesco La Centra

Processione e rimozione ori, Ferrandina

L'angelo che regge la Vergine Addolorata, chiesa dell'Addolorata, Ferrandina (Mt) - Ph. © Francesco La Centra

Bibliografia:
Nicola Caputi, Cenno storico sull’origine, progresso e stato attuale della città di Ferrandina, Napoli, 1870
La processione del Venerdì Santo a Ferrandina (Matera) in una foto degli anni '20 - Archivio Notarangelo

La processione del Venerdì Santo a Ferrandina (Matera) in una foto degli anni ’20 – Immagine: Archivio Notarangelo / MUV

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

14 − 11 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su