Tomba di Anfipoli: intervengono i geofisici dell’Università di Salonicco

Amphipolis-tumb

Grecia – Scorcio del gigantesco tumulo circolare che racchiude una tomba macedone di enormi dimensioni forse appartenuta alla famiglia di Alessandro Magno – Ph. Ministero Greco della Cultura

Tomba di Anfipoli: intervengono i geofisici dell’Università di Salonicco. Probabili nuove clamorose scoperte

di Redazione FdS

amfipolis_04

Grecia – Part. del piede di una delle due splendide cariatidi ritrovate nella tomba macedone di Kasta, ad Anfipoli – Ph. Ministero Greco della Cultura

Mentre nel mondo è ormai esplosa una vera e propria anfipolimania, dal sito macedone di Kasta, ad Anfipoli (Grecia), arrivano nuove intriganti notizie. A dare man forte agli archeologi arrivano i geofisici dell’Università di Salonicco, il cui intervento servirà a far nascere nuove speranze di scoperte sorprendenti a quanti non si accontentano di un paio di sfingi, di due cariatidi e di un grande mosaico. Già ad eccitare gli animi è giunta nei giorni scorsi notizia dell’avvenuto ritrovamento dell’imbocco di un tunnel sotterraneo emerso con la rimozione del terreno che occupava la Quarta Camera. Ad alimentare ulteriori prospettive di scoperta ci penserà ora il Geoscan al quale i geologi sottoporranno la collina che copre l’antica tomba (o tombe) sotterranea.

Il Dipartimento di Geofisica dell’Università di Salonicco effettuerà una tomografia sulla collina di Kasta dove si trova la tomba. Il terreno sarà ricoperto di cavi e sarà utilizzato uno speciale algoritmo elaborato dai tecnici di laboratorio sotto la direzione di Grigoris Tsokas, Professore di Geofisica Applicata.

In passato altri geologi avevano scansionato la tomba nel 1999 (fra gli altri L. Polymenakos) e in quella occasione erano emersi due siti funerari molto promettenti nel sud e sud-ovest della collina e identificate alcune zone ad alta densità oltre a possibili strutture che potrebbero essere giare di pietra. Dopo anni la tecnologia e i sensori sono migliorati e senz’altro i geologi saranno in grado di produrre risultati di migliore risoluzione.

In questi giorni si va discutendo su come l’indagine geologica avrà luogo perchè si teme che alcune zone della collina siano instabili e una eventuale frana potrebbe essere disastrosa. Enormi quantità di terreno sono state cavate fuori dalla tomba e questo fatto, unitamente ai fenomeni erosivi, se da un lato potrebbe portare a un risultato migliore della scansione, dall’altro potrebbe aumentare il pericolo di crolli della struttura.

Il dr. Orit Peleg Barkat della Hebrew University di Gerusalemme teme che ci siano già segni di instabilità e che si potrebbero mettere a repentaglio non solo i reperti archeologici ma soprattutto le persone che attualmente stanno lavorando nell’enorme monumento.

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

2 × 4 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su