The Third Island: Calabria “isola” dei paradossi. Mostra fotografica a Lamezia Terme

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Una delle immagini della mostra fotografica "The Third Island"

Una delle immagini della mostra fotografica “The Third Island”

di Redazione FdS

index_optApproda al CRAC Centro di Ricerca per le Arti Contemporanee di Lamezia Terme (Catanzaro) la mostra fotografica The Third Island, primo capitolo dell’Osservatorio Internazionale sulle Grandi Opere, che ha scelto come campo di indagine il territorio calabrese. Dopo essere stata presentata alla Triennale di Milano, l’esposizione si svolge al CRAC di Lamezia Terme fino al 24 aprile, all’interno del programma di attività previste dal Festival della Fotografia di Reggio Calabria – La Misura del Paesaggio – diretto da Massimo Mastrorillo.

The Third Island è un progetto di ricerca documentaria, presentato per la prima volta all’interno della sezione centrale “Monditalia XIV Mostra Internazionale di Architettura – la Biennale di Venezia”. Nasce in relazione al 50° anniversario dell’avvio dei lavori per il tronco A3 Salerno-Reggio Calabria (1965) e il 20° anniversario dell’apertura del porto di Gioia Tauro (1995). Da ottobre 2014 a maggio 2015 è stata realizzata in Calabria una rassegna di approfondimento e formazione; attraverso attività multidisciplinari che riguardano politica, geopolitica, economia, architettura e città. La rassegna è stata completata da una imponente campagna fotografica che ha attraversato tutto il territorio regionale.

Una delle immagini della mostra fotografica "The Third Island"

Una delle immagini della mostra fotografica “The Third Island”

 

La campagna fotografica è stata condotta da 11 fotografi e fotografe accompagnati nel loro lavoro da giornalisti, attivisti, imprenditori locali, durante un anno si sono alternati, percorrendo il territorio calabrese e raccogliendo testimonianze, storie e paesaggi. Il progetto raccoglie i complessi esiti di questa indagine visiva, per restituire un ritratto nuovo e sensibile del territorio calabrese, a partire da tutto ciò che è nato attorno alle Grandi Opere e che l’immaginario corrente della cronaca giornalistica spesso non ci restituisce.

La mostra espone un estratto della ricerca visiva prodotta attraverso la campagna realizzata dall’Osservatorio. La mostra è strutturata su due livelli. Un livello orizzontale, seguirà il carattere narrativo del libro. Le immagini potranno scorrere su due diversi binari, due piani temporali. All’osservatore potrà interagire con l’opera, guidando la sua lettura tra immagini originali, materiale d’archivio ed approfondimenti scritti. Il secondo livello è parietale e prevede l’esposizione di immagini fotografiche esposte a parete costituiranno dei momenti di svolta e di destabilizzazione della linearità del racconto.

Una delle immagini della mostra fotografica "The Third Island"

Una delle immagini della mostra fotografica “The Third Island”

Durante la mostra sarà distribuito il libro O I G O N1 The Third Island, edito da Planar Books. Il libro raccoglie in maniera ampia e completa risultati del primo anno di attività dell’Osservatorio, e la sua natura interdisciplinare rende questa opera un rarissimo e prezioso ibrido, capace di dialogare con il mondo dell’arte, della tecnica e della società civile. Fotografie di: Andrea Botto, Gaia Cambiaggi, il collettivo PanAut Collective, Marco Introini, Allegra Martin, Maurizio Montagna, Armando Perna, Filippo Romano, Marcello Ruvidotti, Francesco Stelitano e Giulia Ticozzi.  

CRAC Centro di Ricerca per le Arti Contemporanee, Lamezia Terme
Via Piersanti Mattarella, 11
Info: 334 1795480
Una delle immagini della mostra fotografica "The Third Island"

Una delle immagini della mostra fotografica “The Third Island”

IL LUOGO

 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

quattordici − dieci =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su