Scoperta in Abruzzo l’orma del più grande dinosauro bipede mai documentato in Italia

Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

Coppia di dinosauri teropodi – Ph. Dariusz Sankowski | Public domain | Scopri altri contenuti sul Sud Italia più remoto cliccando sui tag dell’immagine interattiva

di Redazione FdS

britidhflagUn gruppo di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e un team di icnologi dell’Università Sapienza di Roma, hanno localizzato in Abruzzo le prime impronte di dinosauro, fra cui una appartenuta al più grande teropode documentato, fino a oggi, in Italia (i teropodi erano dinosauri bipedi prevalentemente carnivori). I risultati dello studio compiuto sul territorio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cretaceous Research (Elsevier). La scoperta si aggiunge al ricco panorama nazionale di oltre trenta siti con decine di migliaia di tracce lasciate da questi animali: il primo fossile di dinosauro mai scoperto in Italia è un cucciolo di terapode Scipionyx samniticus ritrovato in Campania nel 1981 e noto col nome di Ciro; di grande rilievo anche i siti di Cava Pontrelli (già De Lucia), ad Altamura (Bari) – che con oltre 30 mila orme di dinosauri erbivori del periodo geologico Cretaceo Superiore rappresenta il sito paleontologico d’Italia e d’Europa più significativo per densità di impronte fossili e, ad oggi, il secondo al mondo – e quello, più recentemente rinvenuto,  di Lama Balice (Bari), sito del Cretaceo con circa 10 mila impronte. Le orme ritrovate in Abruzzo hanno tra i 125 e i 113 milioni di anni e risalgono al Cretaceo Inferiore (Aptiano): fra esse, spicca per dimensioni (135 cm) un’impronta lasciata dal più grande dinosauro bipede che sia mai stato documentato in Italia; considerata la grandezza dell’orma, deve essere appartenuta ad uno dei teropodi più grandi, come ad esempio lo Spinosauro, il Carcharodontosauro, il Gigantosauro o il più popolare Tirannosauro.

“Le tracce – afferma Fabio Speranza, ricercatore dell’INGV – sono osservabili su una superficie calcarea, quasi verticale, situata a oltre 1900 m di quota sul Monte Cagno. La superficie a orme è raggiungibile solo in assenza di neve, quindi essenzialmente nei mesi estivi e autunnali, dopo una escursione di circa due ore, partendo dal paese di Rocca di Cambio in Provincia de L’Aquila”. La maggior parte delle impronte è riconducibile a uno o più teropodi che si aggiravano su terreni fangosi di debole consistenza. Altre orme, invece, conservate al centro dell’odierna superficie calcarea, sono state impresse da un teropode accucciato.

La parete calcarea  a 1900 m di quota sul Monte Cagno, luogo del ritrovamento delle orme di dinosauri - Ph. INGV

La parete calcarea a 1900 m di quota sul Monte Cagno, luogo del ritrovamento delle orme di dinosauri – Ph. INGV

“Le impronte, scoperte casualmente nell’estate 2006 – spiega Speranza – si trovano su una superficie calcarea di età Cretaceo inferiore e fecero subito pensare a impronte di dinosauri. Ma solo nell’estate 2015, grazie agli sviluppi tecnologici e alla collaborazione con esperti di impronte dell’Università La Sapienza, è stato possibile dare un nuovo impulso alle ricerche. Un drone, in grado di trasportare una macchina fotografica digitale e l’uso dell’innovativa tecnica della fotogrammetria digitale, hanno consentito di ricostruire un modello tridimensionale accurato a partire da semplici immagini fotografiche”. La tecnica descritta dallo studioso ha avuto origine in ambiente cinematografico (per il celebre film Jurassic Park, 1993) ed ha consentito lo studio di dettaglio delle impronte sulla parete subverticale, riportandole in ambiente virtuale facilmente analizzabile al computer. Per la datazione è stato invece utile il prelievo di campioni delle impronte e degli strati immediatamente soprastanti e sottostanti.

Lo studio, ormai pluridecennale, delle impronte di dinosauri in Italia, ha consentito di aggiornare la conoscenza studiate della geografia dell’area mediterranea nel periodo Mesozoico (tra i 200 e i 65 milioni di anni fa). “Contrariamente a quanto ritenuto in passato – spiega Paolo Citton dell’Università Sapienza di Roma – tali orme testimoniano scenari di ripetute migrazioni di dinosauri dal continente Gondwana (che riuniva Africa, Sud America, Antartide, India e Australia) alle piattaforme carbonatiche dell’area mediterranea, un ambiente simile alle Bahamas di oggi. Passaggi che, come hanno dimostrato gli studi, furono resi possibili da variazioni del livello marino, processi a scala globale che hanno luogo in tempi molto lunghi sul nostro Pianeta”. Si tratta infatti di cambiamenti impercettibili sul breve periodo, ma in grado di produrre localmente la emersione di terre creando nuovi punti di collegamento, destinati peraltro a sparizione in occasione di una successiva risalita del livello marino. “Le nuove orme – conclude Citton – potrebbero rivelarsi particolarmente preziose per le informazioni aggiuntive sulla composizione conosciuta della fauna dinosauriana italiana, con ricadute importanti anche sull’ecologia e sulle rotte seguite da questi animali estinti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mappa dell'antico supercontinente Pangea suddiviso in Laurasia e Gondwana: essa rappresenta l'assetto delle masse continentali e dei bacini oceanici al tempo dei dinosauri. E' uno stato della deriva dei continenti, teoria geologica formulata da Alfred Wegener, secondo la quale i continenti si muoverebbero l'uno rispetto all'altro (oggi la comunità scientifica parla di tettonica delle placche) - Image source

Mappa dell’antico supercontinente Pangea suddiviso in Laurasia e Gondwana: essa rappresenta l’assetto delle masse continentali e dei bacini oceanici al tempo dei dinosauri. E’ uno stato della deriva dei continenti, secondo la teoria geologica formulata da Alfred Wegener, per la quale i continenti si muovono l’uno rispetto all’altro (oggi la comunità scientifica parla di tettonica delle placche) – Image source

Leggi anche:

La vertigine della spirale del tempo: la Cava dei Dinosauri di Altamura. Un patrimonio negato

Svolta sulla Cava dei Dinosauri di Altamura: raggiunto accordo per la cessione al Comune e al Parco dell’Alta Murgia

Jurassic Apulia. Scoperte diecimila orme di dinosauri in una cava della barese Lama Balice
latuapubblicita2

 

  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
    Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

2 + 19 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su