Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Calabria - Veduta

Calabria – Veduta “aerea” dalla cima del Monte Cocuzzo – Ph. © Andrea Martini di Cigala | Photo gallery a fondo pagina

di Andrea Martini di Cigala

Il Monte Cocuzzo* con i suoi 1541 m. slm costituisce la vetta più alta della Catena Costiera, un gruppo montuoso che si trova a ridosso del mar tirreno, nella provincia di Cosenza e separa il capoluogo dal mare. Visto da lontano il monte, situato nel territorio di Mendicino (Cs), appare come uno sperone appuntito che spunta dai dolci rilievi del resto delle montagne, quasi come un dente che spunta da un’immenso alveolo. Una caratteristica del Monte Cocuzzo è il fatto di essere privo di vegetazione arborea nelle zone più alte, e ciò permette di avere una vista a 360 gradi che spazia dal Pollino alla valle del Crati, alla Sila, al mar Tirreno con lo Stromboli che svetta, e nelle giornate particolarmente limpide fino all’Aspromonte e all’Etna, un punto panoramico incredibile. Con le immagini che allego a questo post ho provato a fissare nel tempo le emozioni e le sensazioni che può suscitare il tramonto visto da questa strana montagna a picco sul mare. Spero che queste mie fotografie, oltre a farvi avere qualche emozione, possano farvi venire la curiosità di andare a visitare questo sperduto angolo di Calabria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Note: Il nome Cocuzzo viene dal latino Cacutium, che a sua volta deriva dal greco antico κακός κύτος (kakos kytos), cioè “cattiva pietra” o “cattiva cavità”, denominazione che farebbe pensare ad una origine vulcanica, apparentemente confermata dalla forma conica. Tuttavia, secondo la tesi prevalente, suffragata dalle caratteristiche geomorfologiche del terreno e delle rocce, la montagna è di formazione dolomitica, quindi non è un vulcano spento.
Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

Monte Cocuzzo, viaggio al di là delle nuvole

Ph. © Andrea Martini di Cigala

 
CALABRIE Blog
 
latuapubblicita2
 

  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
    Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

2 commenti

  1. foto sublimi….complimenti!

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

uno × quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su