La Basilicata dedica due giorni alla transumanza e alla mucca di razza podolica

Ph. © Gianni Termine

Ph. © Gianni Termine

di Redazione FdS

A pochi giorni dal conferimento dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica alla molisana Carmelina Colantuono, icona nazionale dell’antichissima tradizione della transumanza, ossia l”’arte” del viaggio stagionale alla ricerca dei migliori pascoli per mandrie e greggi lungo tratturi plurimillenari, giunge notizia dalla Basilicata della IV edizione di Sirino in Transumanza, l’iniziativa che l’8 e il 9 giugno prossimi, sul monte Sirino, presso il lago Laudemio e la sua Riserva naturale, in territorio di Lagonegro (Potenza), sarà dedicata alla valorizzazione della montagna e alla pratica ancestrale della transumanza. Nel caso del Serino essa riguarda le mandrie di vacca podolica e in Basilicata, come nel resto d’Europa, affonda le radici nella notte dei tempi, riuscendo a resistere alla modernità solo grazie al coinvolgimento delle nuove generazioni, motivo per cui da qualche anno si sta tentando di ottenerne da parte dell’UNESCO il riconoscimento quale Patrimonio dell’Umanità.
 

Ph. © Stefano Contin

Ph. © Stefano Contin

L’iniziativa lucana è organizzata dall’associazione “Basilicata a way of living”, costituita dallo chef di origini lagonegresi Luigi Diotaiuti, ambasciatore della cucina lucana nel mondo. La kermesse, che sarà ricchissima di eventi ludici e di approfondimento scientifico-didattico per grandi e piccoli, ha destato l’attenzione e riscosso l’apprezzamento e il sostegno delle istituzioni regionali, suscitando grande interesse anche al di fuori dei confini della Basilicata. Anche quest’anno, come nella passata edizione, l’intera manifestazione nella giornata di domenica sarà seguita dalle telecamere di Rai 3 Basilicata, con collegamenti in diretta che andranno avanti sin dalle prime ore del mattino.
 

Sirino in transumanza

Sirino in transumanza

Tantissimi sono gli ospiti attesi in montagna, a cominciare dal vescovo della diocesi di Tursi-Lagonegro, sua eccellenza monsignor Vincenzo Orofino, che sabato darà la sua benedizione ad animali e allevatori in apertura dei lavori e prima dei dibattiti previsti nel corso della giornata, cui si alterneranno, sia sabato 8 che domenica 9, gli altri appuntamenti in programma, previsti a ridosso degli spazi allestiti per gli stand degli espositori di prodotti agricoli e di artigianato locale. Al dibattito organizzato per la giornata di sabato prenderanno parte i consiglieri regionali Piergiorgio Quarto e Francesco Piro, insieme con il sindaco di San Severino Lucano e vicepresidente del Parco del Pollino, Franco Fiore, il vicepresidente del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Cono D’Elia, il dirigente dell’Isis Ruggero di Lauria, Nicola Pongitore, i rappresentanti della Coldiretti Basilicata, dell’Ara (Associazione regionale allevatori) e del “presidio slow-food” lucano.

CONSULTA IL PROGRAMMA

Lo chef Diotaiuti ha voluto “ringraziare quanti, con il loro lavoro, rendono possibile la realizzazione di un evento divenuto ormai consuetudinario e di portata nazionale”. “Sirino in Transumanza” si fregia del prestigioso logo della Fondazione “Matera-Basilicata, capitale europea della cultura 2019”. Ha il patrocinio di numerosi Comuni lucani e campani: tra questi, i municipi di Lagonegro, Matera, Tursi, Colobraro, Roccanova, Fardella, Castelsaraceno, San Severino Lucano, Latronico, Lauria, Maratea, Trecchina, Rivello, Nemoli, Torraca e Casaletto Spartano (SA).
 

Basilicata a Way of Living

Basilicata a Way of Living

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Monte Sirino / Lago Laudemio, Lagonegro (Potenza)
8 e 9 giugno 2019
Per ulteriori info: www.basilicatawayofliving.it o contattare l’amministrazione inviando una mail a info@basilicatawayofliving.it
Twitter
Instagram

IL LUOGO

 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

8 − sei =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su