Il Polittico di Bartolomeo Vivarini: un altro capolavoro da scoprire a Morano Calabro

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

Calabria - Polittico di Bartolomeo Vivarini (1430-1491), tavola 200x260 cm, 1477 - Morano calabro (Cs), Colleggiata della Maddalena

Calabria – Polittico di Bartolomeo Vivarini (1430-1491), tavola 200×260 cm, 1477 – Morano calabro (Cs), Colleggiata della Maddalena

di Redazione FdS

Dopo aver fatto visita alle opere di Pietro Bernini custodite nelle chiese locali, proseguiamo il nostro tour a Morano Calabro (Cosenza), bellissimo borgo nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, per scoprire un capolavoro dell’arte veneta di fine ‘400, testimonianza preziosa dei rapporti culturali e commerciali fra Nord e Sud in pieno Rinascimento. Si tratta del Polittico di Bartolomeo Vivarini (Venezia, 1430 circa – dopo il 1491), artista appartenente alla omonima e nota famiglia veneziana di pittori (erano dediti alla pittura anche il fratello Antonio Vivarini e il nipote Alvise Vivarini) e attivo soprattutto a Venezia e nelle piccole città dell’entroterra veneto. Come testimoniano questo polittico, il Trittico di Zumpano (Cosenza) o la Vergine con Santi conservata a Bari nella Basilica di S. Nicola, diverse sue opere raggiunsero il Sud Italia, in un periodo in cui le committenze nel meridione erano più frequenti di quanto non si immagini.

L’opera del Vivarini di cui trattiamo in questa occasione, si trovava in origine collocata presso il complesso monastico di San Bernardino, in stile tardo gotico, uno dei più significativi esempi di architettura francescana del ‘400 riscontrabile in Calabria. L’edificio fu costruito nella metà del XV secolo e grazie ad un accurato restauro si è riusciti a recuperare quasi tutti i suoi elementi originari, per cui può oggi a buon diritto considerarsi un modello dell’architettura monastica calabrese della sua epoca. La navata centrale della chiesa è caratterizzata da un soffitto in legno lavorato a quadri carenato alla veneziana. Sotto l’arco che sovrasta l’altar maggiore pende un crocifisso del XV secolo di Ignoto meridionale di forte impronta realistica e drammatica, accompagnato dalla scritta “Hic me solus amor non mea culpa tenet”. Proprio ai suoi piedi era collocato il Polittico del Vivarini ora rimosso e collocato nella Collegiata della Maddalena, chiesa di cui vi abbiamo parlato trattando delle opere scultoree di Pietro Bernini presenti a Morano. Altro elemento di rilievo, in alto a sinistra, è uno splendido pulpito con baldacchino del 1611, di gusto classicheggiante, decorato con figure a bassorilievo di alcuni santi. Fanno parte del corredo sacro anche un coro ligneo del 1656 ed un leggio del 1538 recentemente restaurato e collocato nell’abside. Su ventiquattro colonne di forma ottagonale in tufo sono impostate le arcate del chiostro del monastero, che conserva tracce di affreschi dedicati alla vita di S. Francesco e realizzati fra il 1538 ed il 1738.

IL POLITTICO DEL VIVARINI

L’opera fu realizzata nel 1477 dal Vivarini su personale commissione del feudatario Geronimo Sanseverino oppure, secondo altra ipotesi, del vescovo Rutilio Zenone, destinata al locale Monastero di San Bernardino da Siena. Vittima di diversi tentativi di trafugamento, un accurato restauro ha riportato il polittico al suo primitivo splendore e dal 1995 è custodito presso la cappella di San Silvestro, nella sagrestia della Collegiata della Maddalena (XI-XVIII sec.).

Concepito in grandi dimensioni come una ideale e sfarzosa struttura architettonica, ospita diversi personaggi nelle sezioni di cui è composto: sul pilastrino di sinistra troviamo San Giovanni Battista, San Nicola di Bari e Santa Caterina d’Alessandria; su quello simmetrico di destra, San Gerolamo, Sant’Ambrogio e Santa Chiara d’Assisi. Al centro, nello spazio più ampio, è collocata la Vergine Maria in trono con il Bambino. Ai suoi due lati compaiono San Francesco d’Assisi (a sinistra) e San Bernardino da Siena (a destra). In alto, in posizione centrale, è raffigurato un Cristo morto, fra Sant’Antonio di Padova (a sinistra) e San Ludovico da Tolosa (a destra). La predella forma una lunga base con il Cristo benedicente e i dodici apostoli.

La scelta iconografica è in chiara relazione con l’ordine dei Minori Osservanti titolare del monastero fino alla sua soppressione. Significativa in tal senso la presenza delle figure dei fondatori dell’ordine francescano (Francesco d’Assisi, Antonio da Padova e Ludovico da Tolosa), oltre a quella di San Bernardino titolare dell’edificio a cui l’opera fu in origine destinata. La posizione centrale di Maria, sovrastata dall’immagine del Cristo morto, allude al ruolo centrale della Vergine che, come Regina Coeli, intercede presso il Figlio: una scelta in linea con uno dei temi centrali della predicazione di san Bernardino.

Opera matura del Vivarini, fra le più significative della sua arte, questo polittico è l’unica testimonianza dell’artista veneto in Calabria insieme con il trittico del 1480 custodito presso la chiesa di San Giorgio a Zumpano (Cosenza). L’opera, confrontata con quelle precedenti dello stesso autore, risente dell’influsso della pittura di Giovanni Bellini nonché – come si può notare nei delicati dettagli del panneggio della Vergine, nella sua postura in trono e nell’equilibrio dei volumi – del siciliano Antonello da Messina.

Polittico del Vivarini a Morano Calabro

1. Calabria - Monastero di S. Bernardino, Morano Calabro (Cosenza), sede originaria del Polittico di Bartolomeo Vivarini - Ph. Marcus1756

Polittico del Vivarini a Morano Calabro

2. Collegiata della Maddalena, Morano Calabro (Cosenza), dal 1995 nuova sede del Polittico di Bartolomeo Vivarini - Ph. Comune di Morano Calabro

Polittico del Vivarini a Morano Calabro

3. Polittico di Bartolomeo Vivarini (1430 – 1491), tavola, cm 200x260 - 1477, Collegiata della Maddalena, Morano Calabro (Cosenza) - Il polittico raffigura la Vergine col Bambino, Cristo di Pietà, i Santi Francesco, Bernardino, Antonio da Padova, Ludovico da Tolosa e altri Santi. Trafugato dalla Chiesa di San Bernardino di Morano Calabro (Cosenza) nel 1970, fu recuperato a S. Nazzaro Val Cavarnia (Como) nel 1971 - Ph. © Gianni Termine - All rights reserved - FdS: courtesy dell'Autore

Polittico del Vivarini a Morano Calabro

4. Part. superiore del Polittico di Bartolomeo Vivarini, 1477, Collegiata della Maddalena, Morano Calabro (Cosenza)

Polittico del Vivarini a Morano Calabro

5. Part. centrale del Polittico di Bartolomeo Vivarini, 1477, Collegiata della Maddalena, Morano Calabro (Cosenza)

Polittico del Vivarini a Morano Calabro

6. Part. laterali del Polittico di Bartolomeo Vivarini, 1477, Collegiata della Maddalena, Morano Calabro (Cosenza)

Polittico del Vivarini a Morano Calabro

7. Cupola e Campanile della Collegiata della Maddalena, Morano Calabro (Cosenza) - Ph. Inge Stern - FdS: courtesy dell'Autrice

Image credit: Ph. 1. by Marcus1756

 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

19 − 16 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su