Il mondo nascosto della Taranto antica ora visibile al Museo Archeologico grazie al 3D

marta1

Esempio di ricostruzione virtuale in 3D di ipogei e sarcofagi della Taranto magno-greca – Ph. IBAM-CNR

di Redazione FdS

Al MARTA (Museo Archeologico Nazionale di Taranto) è partita l’iniziativa Teatro Virtuale che attraverso una installazione in tecnologia 3D permette di rendere accessibili, con risultati di estremo realismo, alcuni monumenti funerari ipogei dell’antica città. Si tratta di luoghi inaccessibili perchè raggiungibili solo da abitazioni private o perchè reinterrati dopo le relative campagne di scavo. A ideare il progetto è stato il Museo Archeologico Nazionale, mentre a realzizarlo ci ha pensato l’IBAM-CNR di Lecce che ha operato in stretta collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia e con la direzione del MARTA.

Alle elaborazioni in 3D, che permettono di prendere visione di questi luoghi straordinari, ha lavorato un vero e proprio team di studiosi – archeologi, architetti, chimici, informatici, geologi – fra i quali Maria Teresa Giannotta e Francesco Gabellone dell’IBAM-CNR. Scoprono così i loro misteri monumentali tombe di età ellenistica, custodite nelle viscere della città, offrendosi finalmente anche ad un pubblico di non addetti ai lavori tramite una video-installazione disponibile in uno degli ambienti del museo. Ciò permetterà al visitatore di contestualizzare visivamente tutti i corredi funerari recuperati proprio in quei luoghi ed ora esposti in una collezione permanente visitabile al primo piano del MARTA. Sud Italia, Puglia

Museo Archeologico Nazionale, Taranto
via Cavour 10
Info: 099. 4532112
Sito web: www.museotaranto.org

IL LUOGO

Visualizzazione ingrandita della mappa

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

sedici − quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su