Il fisico barese Gabriele Grittani brevetta innovativa radioterapia per i tumori

diagnostic

Un fascio di elettroni alla velocità della luce è in grado di bruciare in pochi secondi alcune forme di neoplasie della prostata e del polmone. Al via la fase sperimentale

di Redazione FdS

Una sorgente multipla di elettroni che agisce a distanza millimetrica, da varie angolazioni e quasi alla velocità della luce: quanto basta per porre sotto assedio alcune forme di tumore e disintegrarle in pochi secondi. E’ quanto riesce a fare il dispositivo ideato e brevettato dal fisico nucleare barese Gabriele Maria Grittani. Il giovane scienziato lavora presso il Centro di ricerca ELI-Beamlines di Dolni Brezany, a pochi chilometri da Praga, dove il suo brevetto è stato pensato per alcune forme di neoplasie della prostata e del polmone. Ora è in corso di realizzazione il prototipo che consentirà di avviare la fase sperimentale di questa forma innovativa di radioterapia che promette di rivoluzionare il trattamento dei tumori.

Il fisico nucleare Gabriele Maria Grittani

Il fisico nucleare Gabriele Maria Grittani

L’applicazione avviene sotto stretto controllo della posizione del tumore impiegando gli elettroni, più veloci e leggeri rispetto ai protoni attualmente utilizzati nella pur avanguardistica protonterapia. Rapidità, scarsa invasività, dosaggi ridotti di radiazioni ed economicità sono alcune delle principali prerogative del sistema ideato da Grittani basato sulla tecnologia laser-plasma, che consente appunto di produrre sorgenti di radiazione ad alto tasso energetico su distanze ridottissime.

Per l’immissione sul mercato della macchina ideata da Grittani ci vorrà un po’ di tempo, in quanto come ogni nuova tecnologia destinata al settore medico-sanitario deve ottenere tutta una serie di certificazioni prima di poter essere utilizzata, oltre a dover superare i necessari test clinici.

Grittani studia e lavora a Praga nel settore della tecnologia laser-plasma fin dal 2013. Qui è entrato a far parte del gruppo di ricercatori guidati da Georg Korn dopo aver conseguito la laurea in Fisica all’Università di Pisa ed il dottorato di ricerca in Scienze Nucleari alla Czech Technical University di Praga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

10 − 7 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su