Il calabrese Francesco Scagliola conquista il titolo mondiale Junior di Windsurf

Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

L'atleta reggino Francesco Scagliola - Image source: Francesco Scagliola FB Page

L’atleta reggino Francesco Scagliola – Image source: Francesco Scagliola FB Page

di Kasia Burney Gargiulo

Francesco Scagliola - Ph. www.moritzbeck.de

Francesco Scagliola – Ph. www.moritzbeck.de

Se volessimo provare a dare un “volto” all’idea di una Calabria che vuole cambiare, capace cioè di chiamare a raccolta le sue energie più positive fatte di tantissimi giovani desiderosi di esprimere il proprio valore, di scardinare quelle logiche assurde che troppo spesso negano loro ogni prospettiva, ebbene quel volto potrebbe avere i tratti di Francesco Scagliola. Mi riferisco al quindicenne atleta reggino che si è appena aggiudicato il titolo di Campione del Mondo al Mondiale Slalom assoluto IFCA 2016 per la categoria junior di Windsurf, disputatosi a a Bol, in Croazia. Nato il 28 settembre 2000 a Melito di Porto Salvo (Reggio Calabria), figlio di quella Calabria greca di cui serba l’impronta nei lineamenti mediterranei del volto, Francesco ha iniziato fin da piccolissimo a praticare il windsurf nelle acque dello Stretto di Messina, sebbene la passione per il proprio sport lo abbia poi portato ad allenarsi anche in altri contesti come il Brasile, le Barbados, le isole Canarie. Già nel 2012, a soli dodici anni, ha conquistato il titolo di Campione del mondo under 13 nel circuito IFCA JYMG a Torbole, sul Lago di Garda, aprendo la strada a una serie di risultati prestigiosi il penultimo dei quali è stato quello di vice campione europeo, nello Slalom categoria under 17, conquistato ad Almanarre, in Francia, con grande padronanza di mezzi e di tecnica.

Iscritto da tempo al Circolo Windsurf dello Stretto di Reggio Calabria, Francesco Scagliola frequenta il secondo anno al liceo a indirizzo sportivo “A. Volta”: una scelta che gli consente di combinare lo studio con gli allenamenti e le numerosi competizioni a cui partecipa. Anche in occasione di quest’ultima vittoria, docenti e allievi della scuola gli hanno manifestato un corale entusiasmo: del resto chi lo conosce di persona lo descrive umile, semplice e simpatico, qualità umane rimaste inalterate nel tempo nonostante la sua consuetudine con il successo.

Francesco Scagliola in allenamento nel suo home spot sullo Stretto di Messina

Francesco Scagliola in allenamento nel suo home spot sullo Stretto di Messina – Image source: Scagliola FB Page

In qualche modo il windsurf sembrava scritto nel destino di Francesco, nato com’è nei pressi di uno specchio d’acqua le cui correnti si generano dall’incontro di due mari, lo Jonio e il Tirreno,  e dove il vento soffia praticamente tutti i giorni. I suoi allenamenti iniziano già all’età di 8 anni finchè l’acqua finirà col diventare il suo elemento naturale.  La sua passione, come egli stesso ha raccontato, è nata in un giorno d’agosto di qualche anno fa quando, sedotto da uno stand dedicato al windsurf, decide di provare questo avvincente sport. L’inizio con il free style e poi il passaggio allo slalom su indicazione di Lucio Cozzupoli, di recente nominato responsabile per il 2016 del Progetto Giovani della AICW, Associazione Italiana Classi Windsurf, sono i momenti cardine di un percorso lungo il quale Francesco colleziona grandi soddisfazioni e anche qualche delusione, peraltro vissuta con grande naturalezza come evenienza facente parte del gioco.

Francesco raccoglie i suoi successi grazie ad un talento supportato da lunghi allenamenti che compie quotidianamente in Calabria fra Reggio e Pellaro dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18. Veri e propri tour de force ai quali non si sottrae neppure quando la stanchezza è al massimo. Del resto non si diventa certo campioni del mondo passando il tempo su Facebook.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 
latuapubblicita2
 

  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
    Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

diciannove + 8 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su