Da De Nittis a Gemito: gli artisti napoletani del tardo ‘800 e la grande stagione parigina in mostra a Napoli

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

DeNittis_Gemito_part.

“Da De Nittis a Gemito. I napoletani a Parigi negli anni dell’impressionismo” (Napoli, 6 dicembre 2017 – 8 aprile 2018). Part. del dipinto Alle corse di Auteuil (Sulla seggiola), 1883, Barletta, Pinacoteca Giuseppe De Nittis

di Kasia Burney Gargiulo

Pescatorello_Bargello_opt

Vincenzo Gemito, Pescatore, bronzo, 1877, Museo Nazionale del Bargello, Firenze – Ph. Paolo Villa

A giustificare una visita a questa straordinaria mostra basterebbe lui, quel piccolo grande “Pescatore” vibrante di mediterraneo naturalismo, colto dall’autore con mirabile immediatezza nel gesto improvviso e vitale del fanciullo nudo che stringe al petto la preda guizzante. E’ il capolavoro dello scultore napoletano Vincenzo Gemito,  presentato con grande successo all’Esposizione Universale di Parigi del 1877 e del 1878, e da lunghissimo tempo esposto a Firenze nel cortile del Bargello, dove non teme il confronto con ”giganti” del Quattro-Cinquecento come Francesco Laurana, Benedetto da Maiano, Giambologna o Bartolomeo Ammannati. E’ lui uno dei pezzi forti della mostra “Da De Nittis a Gemito. I napoletani a Parigi negli anni dell’impressionismo”, che si terrà a Napoli, nelle splendide sale di Palazzo Zevallos Stigliano, dal prossimo 6 dicembre fino all’8 aprile 2018. L’esposizione, a cura di Luisa Martorelli e Fernando Mazzocca, punta i riflettori sui pittori e scultori napoletani presenti a Parigi nella seconda metà dell’Ottocento, fisicamente o attraverso le opere inviate ai Salon e alle Esposizioni Universali.

Non c’è dubbio che questi artisti sono stati più numerosi di quelli provenienti da qualsiasi altra parte d’Italia, offrendo perciò materia per un percorso espositivo che, nel caso di questa mostra, ripercorre soprattutto lo sviluppo della pittura napoletana alla luce di quella strabiliante stagione francese che ha riguardato i generi più amati del tempo, dal paesaggio alle marine, alla veduta urbana e soprattutto alla cosiddetta “pittura della vita moderna”, di cui gli Impressionisti e il pittore pugliese Giuseppe De Nittis sono stati i maggiori interpreti. Con una trentina di opere, di cui una mai esposta prima, De Nittis è la figura emblematica della mostra. Pugliese di nascita (era barlettano) ma napoletano di vocazione e cultura, divenne una delle figure di spicco dell’arte a Parigi, dove nel suo celebre salotto in Rue Viète, nell’elegante quartiere Monceau, erano ospiti abituali tra gli altri Edgar Degas, Edmond de Goncourt, Charles François Daubigny, Oscar Wilde, Emile Zola e altri protagonisti della mondanità del tempo, oltre a tanti artisti napoletani che giungevano in città. Tra questi vi fu Antonio Mancini che proprio dall’assidua frequentazione di quel salotto trasse ispirazione per una pittura del tutto originale.

Una intera sezione della mostra è dedicata allo scultore Vincenzo Gemito di cui vengono esposti numerosi ritratti e il sopra citato “Pescatore”, eccezionalmente prestato dal Museo Nazionale del Bargello, al quale fu donato dall’ingegnere napoletano Achille Minozzi, collezionista e grande mecenate dell’artista.

Troviamo infine numerosi altri artisti che hanno fatto grande la pittura napoletana dell”800, come Giuseppe Palizzi, Domenico Morelli, Gioacchino Toma, Francesco Netti, Francesco Paolo Michetti, Federico Rossano, Edoardo Tofano, Giacomo Di Chirico, Alceste Campriani, le cui opere ci raccontano come tra le pendici del Vesuvio e le rive della Senna sia nata la “pittura della vita moderna”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, Napoli
Via Toledo 185
Orario: Da martedì a venerdì dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso alle 17:30) – Sabato e domenica dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso alle 19:30) – Lunedì chiuso
Aperture straordinarie: 18, 26 dicembre, 6 gennaio, 1 e 2 aprile.
Prolungamento orario di apertura fino alle 20: 8 dicembre, dal 26 dicembre al 5 gennaio (escluso il 31 dicembre 10.00-16.00), 1 aprile
Ingresso: Biglietto congiunto valido per la visita alle mostre temporanee e alle collezioni permanenti: intero 5€ – ridotto 3€ | Gratuito per convenzionati, scuole, minori di 18 anni, ogni prima domenica del mese, il 6 e l’8 dicembre, l’1 gennaio e l’1 aprile | Prenotazione obbligatoria per i gruppi e le scuole.
Info e prenotazioni: Numero verde: 800.454229 – Mail: info@palazzozevallos.com

IL LUOGO

 
latuapubblicita2
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

2 × 5 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su