Archivi della categoria: Il Blog di Angela Capurso

Iscrizione al feed

blog_cover_angela

#VIAGGI #FOTOGRAFIA #LIBRI #ARTE #AMBIENTE


angelacapursoAngela CapursoLaureata in Lettere Classiche all’Università degli Studi di Bari, specializzata in Archeologia classica, insegna Latino e Greco nel Liceo classico statale di Matera. Si è occupata di archeologia e di didattica delle lingue classiche (Ginosa antica, Bari, Dedalo,1985; Un futuro dal cuore antico. Didattica delle lingue classiche, Venosa, Osanna, 2009, insieme ad altri saggi specifici nel settore). Non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi artistici e fotografici. Pratica da alcuni anni l’incisione calcografica partecipando con suoi lavori a mostre e laboratori. Mostre fotografiche: Nessun capolinea, presso la Casa Cava a Matera, “Caviamo cultura 2014”, Non oltrepassare la linea gialla, 2014, presso il Museo della Fotografia del Politecnico di Bari. Nel libro Confini/Borders (2016) si serve della scrittura e della fotografia come linguaggio duale e strumento di ricerca sulle fragili tracce di storie di transiti e migrazioni. Dalla paleosuperficie di Cava Pontrelli (l’area dei Dinosauri, Altamura) e gli ipogei carsici di Lamalunga (Altamura), alle cave di tufo di Matera, al castello sconosciuto di Garagnone (Poggiorsini) e di Gravina in Puglia, alle testimonianze scomode di “archeologia militare”, come il Campo profughi (Altamura-Gravina) e le dieci Basi missilistiche dislocate nel territorio murgiano all’epoca della Guerra Fredda, fino all’utopia della riforma fondiaria (Borgo Taccone, Irsina): una terra di indistinti confini, su cui hanno soffiato i venti deboli e forti della storia.

.

“Veniamo da un abisso oscuro; ritorniamo in un abisso oscuro. Lo spazio luminoso che intercorre tra loro lo chiamiamo vita”
(Nikos Kazantzakis)
.
facebook instagram

Lost and found. L’enigma del tempo nelle rovine di Campomaggiore

Lost and found. L’enigma del tempo nelle rovine di Campomaggiore

di Angela Capurso Subiamo il fascino dei luoghi abbandonati perché rappresentano simbolicamente un tempo puro, l’astrazione del tempo, svincolato dalla storia, spiega Marc Augé*. È lì che si percepisce intuitivamente come la propria insignificante individualità possa trascendere dal singolo alla ...

Leggi »

Matera città di preghiera, preghiera che scava

Matera città di preghiera, preghiera che scava

di Angela Capurso Matera, città rupestre, città dei Sassi, città troglodita, città della vergogna nazionale, città laboratorio, città patrimonio Unesco, città capitale europea della cultura, città del pane, città della pace, città invisibile, città in grotta, città di preghiera che ...

Leggi »
Torna su