Calabria: echi di Magna Grecia

Il Raganello scorre verso il Mar Jonio fra uliveti e macchia mediterranea - Ph. © Stefano Contin

Il Raganello scorre verso il Mar Jonio fra uliveti e macchia mediterranea – Ph. © Stefano Contin

Altero il mio pensiero spicca il volo, mentre seduto tra i miei cari monti osservo l’orizzonte del Mar Jonio. Le mie radici antiche vibrano al suono dei ruscelli che dall’ombra dei boschi giunge lieto al mio udito…

Ci sono parole dotate del potere evocativo tipico delle immagini e immagini che hanno la forza sottile e penetrante del linguaggio poetico-letterario. Attraverso le une e le altre si può provare a catturare l’eco di una civiltà, quella della Magna Grecia, che per noi ha la consistenza del Mito, tale è la distanza temporale che da essa ci separa, ancor più accentuata dall’oblio e dall’indifferenza. Eppure i luoghi in cui essa è fiorita quasi 3000 anni fa sono ancora là e, anche quando sottoposti a irrimediabili trasformazioni, non smettono di raccontarne la storia. Ed è proprio ai luoghi, ai paesaggi, culla e ispirazione delle azioni umane, che abbiamo rivolto la nostra attenzione, pronti a raccogliere il suono di quell’eco, che la poesia e la fotografia hanno la capacità di amplificare. I testi che accompagnano le immagini sono una rielaborazione in prosa moderna dei versi ottocenteschi, semplici e sentiti, del poeta calabrese Biagio Miraglia*, patriota e poeta d’ispirazione romantica, cantore della sua terra dalla solitudine dell’esilio piemontese, mentre le immagini sono del giovane fotografo Stefano Contin, che nei luoghi dell’antica Magna Grecia trova una delle sue principali fonti di ispirazione.

Il sole che muore manda al colle dei cipressi i suoi ultimi raggi, mentre la rosea e palpitante acqua del mare lo stringe in molteplici abbracci…
 

Tramonto a Tropea - Ph. © Stefano Contin

Tramonto a Tropea (Vibo Valentia) – Ph. © Stefano Contin

 

Tramonto a Tropea - Ph. © Stefano Contin

Tramonto a Tropea (Vibo Valentia) – Ph. © Stefano Contin

Sogno sempre i boschi delle mie montagne, il mio splendido sole, le rive joniche e le campagne, seminate di gigli e di viole, là dove l’aloe gigante e i mirteti coprono la tomba di famose città e dove fra palme, aranci ed uliveti si annidano la tortora e la colomba…
 

Fioritura primaverile nel Parco Nazionale del Pollino - Ph. © Stefano Contin

Fioritura primaverile nel Parco Nazionale del Pollino – Ph. © Stefano Contin

 
Parco Archeologico di Sibari - Ph. © Stefano Contin

Parco Archeologico di Sibari – Ph. © Stefano Contin

Vedo il nibbio volare alto, e poi in cerchio mentre cerca il nido al morire del giorno. Fra le ombre vedo i fuochi dei pastori brillare di vetta in vetta in un infinito giro…
 

Rapace al tramonto, Parco Nazionale del Pollino - Ph. © Stefano Contin

Rapace al tramonto, Parco Nazionale del Pollino – Ph. © Stefano Contin

 

Fumo fra gli alberi di Campotenese, Parco Nazionale del Pollino - Ph. © Stefano Contin

Boschi a Campotenese, Parco Nazionale del Pollino – Ph. © Stefano Contin

Quale diletto è la memoria…E’ questa l’ora! Soave è la sera, l’eco dei monti risponde sonora alla preghiera che innalzano al cielo i naviganti, mentre la scura prua fende l’onda che si contorce in ruggenti vortici…
 

Tramonto sul Parco Nazionale del Pollino - Ph. © Stefano Contin

Tramonto sul Parco Nazionale del Pollino – Ph. © Stefano Contin

Odo in lontananza il mormorio dei venti fra i pini come il suono di cento arpe, mentre il ruggito dei torrenti risuona nelle valli come fragore di esercito che avanza…
 

Pino loricato - Ph. © Stefano Contin

Pino loricato, Parco Nazionale del Pollino – Ph. © Stefano Contin

Sullo sfondo del vasto cielo e di aperti orizzonti si stagliano cime coperte di nevi longeve. Bella e sacra è la sommità dei monti, là dove la terra si congiunge al cielo…
 

Monti innevati nel Parco Nazionale del Pollino - Ph. © Stefano Contin

Monti innevati nel Parco Nazionale del Pollino – Ph. © Stefano Contin

Arcane voci, nate nel fondo delle nere foreste e dei burroni, risuonano nell’intimo del mio cuore, come l’eco di misteriose canzoni…
 

Timpa del demonio, Civita (Cosenza) - Ph. © Stefano Contin

Timpa del Demonio, Civita (Cosenza) – Ph. © Stefano Contin

Nelle soavi notti d’estate, con la mente piena di greche fantasie, spesso a cavallo ho seguito te che verso il mare andavi…
 

Scorcio della marina di Sibari - Ph. © Stefano Contin

Scorcio della marina di Sibari – Ph. © Stefano Contin

E mentre davanti al mio sguardo s’apriva uno scenario di colli e di marine, alla mia mano distratta sfuggì il freno, e il mio cavallo, con la criniera al vento, presto scattò al galoppo, trascinando me avvinto alla sua groppa. Sotto i colpi dei suoi zoccoli ferrati sembrò che il suolo s’aprisse come tomba percossa e scoperchiata, lasciando uscire un popolo infinito di spettri che muto dilagava per i campi, e rividi le antiche città sorgere sulla costa, e apparire sul mare lampi e triremi. Intanto quella folla di fantasmi s’apriva come una falange obbediente e ne udivo lo scalpitio mentre fulmineo procedevo innanzi. Così godeva la mia fantasia, immersa in quelle visioni di tempi ormai morti, e quasi fosse creatrice di mondi, la mia anima popolava quei luoghi oggi deserti…
 

Cavallo lungo la marina di Schiavonea (Cosenza) - Ph. © Stefano Contin

Cavallo lungo la marina di Schiavonea (Cosenza) – Ph. © Stefano Contin

 

Scorcio della Piana di Sibari - Ph. © Stefano Contin

Scorcio della Piana di Sibari – Ph. © Stefano Contin

Abbarbicate sugli altissimi monti, come neri padiglioni vegetali, le foreste Bruzie superbamente agitano al vento le loro chiome. Nell’oscurità delle loro ombre la pelasgica stirpe italica nascose i suoi destini e là, quale vergine mai vinta, ancora siede, e non vista scruta malinconica le onde marine, tumultuose come il tempo che scorre, così come scorrono gli imperi, da un flutto sollevati e da un altro ingoiati trascinando con sé numi, riti e popoli stranieri, dall’audace pellegrino di Troia allo spavaldo Franco…
 

Boschi fra le cime del Parco Nazionale del Pollino - Ph. © Stefano Contin

Boschi fra le cime del Parco Nazionale del Pollino – Ph. © Stefano Contin

 
Tratto di costa calabrese a S. Nicola Arcella (Cosenza) - Ph. © Stefano Contin

Tratto di costa calabrese a S. Nicola Arcella (Cosenza) – Ph. © Stefano Contin

Sento spirare un vento che come un malinconico canto riecheggia facendosi strada nel chiuso della mia anima. L’avverto intensamente dentro come un tumulto…è la voce della mia Calabria, e come l’ultima brezza dei boschi, l’ultimo suono di un’amata armonia, giunge fino al mio cuore.
 

Tramonto sui monti del Pollino - Ph. © Stefano Contin

Tramonto sui monti del Pollino – Ph. © Stefano Contin

© RIPRODUZIONE RISERVATA

*L’opera di riferimento per i testi è “L’eco della Magna Grecia. Poesie di Biagio Miraglia da Strongoli”, ed. G. Marzorati, Torino, 1858
 

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

dieci − sei =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su