Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

facebook twitter instagram vimeo youtube google+ linkedin

L'eccezionale nevicata del 1956: sciatori al Vomero, Napoli - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

L’eccezionale nevicata del 1956: sciatori al Vomero, Napoli – Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone | Video nel testo e photo gallery a fondo pagina

Cinquant’anni di vita napoletana in un archivio di circa 500 mila immagini che ora rischia di scomparire. La salvezza è nel crowdfunding che l’Associazione Riccardo Carbone ha lanciato su Eppela. Obiettivo: digitalizzare ogni scatto e creare un grande archivio on line aperto a tutti

di Kasia Burney Gargiulo

Un patrimonio straordinario di immagini che racconta Napoli dagli anni ’20 agli anni ’70 attraverso circa 500.000 negativi, oltre ad alcune migliaia di stampe e lastre di vetro. Dalle immagini di scugnizzi e sciuscià nella viva quotidianità dei vicoli, al saluto agli emigranti che in transatlantico vanno a cercar fortuna in America, da una giovanissima Rita Hayworth in visita agli scavi di Pompei, a un John Kennedy ritratto sul Lungomare nel 1963, dal corteo per Adolf Hitler in visita nel 1938, al boss Lucky Luciano in questura nel ’54, passando per i protagonisti del teatro e della canzone napoletani, le gite in Vespa negli anni ’50, una ancora sconosciuta Sophia Loren e i vivacissimi bambini del Rione Sanità. Tutto ciò, e molto altro ancora, è l’archivio fotografico di Riccardo Carbone (1897-1973), il primo fotoreporter del quotidiano Il Mattino di Napoli, che ha saputo raccontare la vita, la storie e i personaggi di una delle città italiane più note e amate al mondo.

Per oltre cinquant’anni – spesso realizzando 4-5 servizi fotografici al giorno – Carbone ha ritratto la sua città con la sua vita quotidiana, le sue ricchezze artistiche, i grandi mutamenti urbanistici, lo sport, l’emigrazione, il mondo dei pescatori, le navi da crociera, le mareggiate sul Golfo, le feste, i personaggi illustri e molto altro. Questo patrimonio, racchiuso e ben ordinato dal suo autore in tante piccole scatole di cartone contenenti lastre di vetro, stampe, rullini e numerosissime buste porta-pellicole, oggi rischia di scomparire. I negativi sono infatti sottoposti a processi di degrado provocati da fattori ambientali e quindi esposti ad un progressivo deperimento. Una parte dei negativi è stata intaccata dalle muffe per cui rimarrà irrecuperabile, ma la gran parte dell’archivio può ancora essere salvata. Perchè ciò si avveri l’Associazione Archivio Riccardo Carbone ha lanciato una iniziativa di crowdfunding sulla nota piattaforma on line Eppela; un’operazione che si sta rivelando fruttosa perchè in poco più di 10 giorni ha raccolto oltre 16 mila euro grazie a una sottoscrizione dal basso che adesso prosegue per sostenere un progetto più ampio. Il primo margine di raccolta fissato è stato finalizzato agli interventi di emergenza, quelli resi non più rinviabili a causa della sordità delle istituzioni locali e nazionali a cui invano erano state rivolte ripetute richieste di intervento. Si procederà quindi all’acquisto di nuovi scanner, alla scansione delle immagini e all’acquisto di contenitori speciali, come primi passi del salvataggio di “un patrimonio di inestimabile valore, per tutti e di tutti”, come sottolineano i volontari impegnati nel progetto.

Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

Da tempo l’archivio viene curato da Renato Carbone, uno dei figli di Riccardo da molti considerato l’inventore, a Napoli, della figura del fotoreporter. Fu infatti lui a convincere Eduardo Scarfoglio, fondatore e direttore de Il Mattino, a dare più spazio alle immagini come documentazione giornalistica sullo storico quotidiano partenopeo nato nel 1892. Riccardo ha lavorato senza soluzione di continuità fino al 1970 documentando la vita di un’intera città e i suoi protagonisti. La lastra più antica (antesignana dei negativi) è quella del 1926 che ritrae lo scultore Vincenzo Gemito intento a modellare il busto di Raffaele Viviani e poi ci sono tutte le altre che narrano il caleidoscopico universo di una città unica al mondo. Un tesoro che sta morendo ma la cui salvezza è ancora possibile grazie alla collaborazione di tutti: chiunque può contribuire con un’offerta aderendo alla iniziativa di crowdfunding sulla piattaforma Eppela la cui prosecuzione, dopo il raggiungimento del primo obiettivo, mira ora a rendere possibile un progetto più ampio: “Sogniamo – dicono i volontari dell’Associazione – di poter un giorno realizzare un catalogo online aperto a tutti“, aprendo così al mondo quei “tanti piccoli contenitori di una grande memoria. Aprire queste scatole - concludono – è come scoperchiare un mondo: un’intera epoca scorre sotto i nostri occhi e non ci si stanca mai di sfogliare e cercare in questa miriade di istantanee, a volte casuali, che hanno catturato per sempre un momento della nostra storia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Veduta di Napoli, anni '40 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Vincenzo Gemito scolpisce un busto di Raffaele Viviani, 1926 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Treno di coloni prossimi all'imbarco per l'Africa, 1936 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Lev Trotsky con la moglie a Pompei, anni '30 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Vista di Piazza Municipio e del Maschio Angioino, Napoli anni '30 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Macerie di guerra a Napoli - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Napoli 1946 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Bambini di Napoli nel Dopoguerra - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Il saluto agli emigranti del translatlantico Vulcania, 1946 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Emigranti in partenza per l'America, anni '40 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Eduardo, Titina e Peppino De Filippo al Circolo della Stampa di Napoli, 1953 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

I napoletani celebrano la vittoria della Repubblica al referendum, 1946 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

18 giugno 1946: la Cassazione conferma la vittoria della Repubblica al referendum - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Una giovane Rita Hayworth in visita agli scavi di Pompei, 1950 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Achille Lauro, anni '50 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Bambini di Napoli vanno ospiti al Nord per qualche mese, 1947 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Eduardo De Filippo come Pulcinella, Teatro S. Ferdinando, 1954 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Sophia Loren al concorso Reginetta del Mare, non vinse e fu tra le nominate 'Principessa del mare', 2 ottobre 1949 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Ernest Hamingway a Napoli, 8 giugno 1954 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Il translatlantico Rex, anni '30 - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Anna Magnani e Eduardo De Filippo nel film 'Assunta Spina' - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Bambini napoletani sorridono davanti a uno spettacolo di burattini - Ph. Riccardo Carbone © Archivio Fotografico Carbone

Archivio Carbone. Lanciato crowdfunding per salvare 500 mila immagini di Napoli

Il fotografo Riccardo Carbone -Ph. © Archivio Fotografico Carbone

 
latuapubblicita2
 

  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
  • Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  
    Questo contenuto è bloccato perche potrebbe utilizzare cookie per i quali occorre il tuo consenso. Pertanto leggi l'informativa sui cookie nel banner in alto. Se chiudi questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.  

Rispondi

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnalati *

*

5 × 5 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Torna su